LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bancarelle shock a Roma, regole in vista
Rory Cappelli, Mauro Favale
La Repubblica - Roma 19/3/2019

"Tra le grandi Capitali, solo a Roma queste situazioni sembrano irrisolvibili". Francesco Prosperetti, Soprintendente di Roma, parla di bancarelle e camion bar, non certo un vanto per la città al contrario del suo patrimonio archeologico ma che, negli anni, quasi al pari di Colosseo, Fontana di Trevi e Pantheon, sono diventate una caratteristica tutta romana. Difficile da estirpare. Ci aveva provato la giunta Marino che in due anni e mezzo istituì il tavolo del decoro e riuscì ad arrivare (tra le proteste degli operatori) a una prima, parziale, rilocalizzazione di ambulanti e camion bar. Poi, caduto l'ultimo sindaco di centrosinistra, la palla è passata prima al commissario Francesco Paolo Tronca, poi alla giunta M5S guidata da Virginia Raggi. Che, col suo assessore al Commercio Carlo Cafarotti, sull'argomento viaggia col freno a mano tirato.

Il tavolo del decoro, ripescato lo scorso autunno, "l'8 aprile - spiega Prosperetti - dovrebbe concludere i suoi lavori". L'obiettivo è indicare criteri e paletti e individuare le nuove postazioni dove trasferire bancarelle e camion bar che oggi stazionano nei pressi dei monumenti principali della città. La spiegazione di queste presenze, sottolinea il Soprintendente, va cercata "nelle licenze date, spesso con leggerezza, nel passato" . E che costituiscono "un diritto acquisito sempre difficile da eliminare", prosegue Prosperetti. Farlo nel modo sbagliato, aggiunge, "rischia di rivelarsi una vittoria di Pirro, visto che esistono i ricorsi. Eppure è nostro compito, anzi un dovere, trovare una soluzione per restituire il decoro alle aree monumentali e storiche della città". Ma i tempi non saranno brevi. Dopo l' 8 aprile i risultati del tavolo del decoro verranno illustrati alle agguerrite categorie di ambulanti e urtisti. Poi seguiranno una delibera comunale e una regionale.

Intanto tutto resta com'è. La polizia locale ha annunciato una stretta, con costanti misurazioni delle bancarelle fuori legge. O, almeno, così dicono. Perché nel frattempo, in molte zone della città, la situazione è degenerata. Ieri al Pantheon, per esempio, era la stessa storia di sempre: una bancarella di almeno sei metri, gli scatoloni con la merce di ricambio ammucchiati sotto le transenne, il furgone parcheggiato a pochi metri, in via della Minerva. Guardate una qualunque foto di questo monumento fatto ricostruire dall'imperatore Adriano nel 120 d. C. dopo gli incendi che ne avevano danneggiato la struttura originaria: sotto la seconda colonna corinzia ci sarà immancabile quella distesa di immagini sacre, colossei, elmi, magneti, portachiavi, David, discoboli, pinocchi, papa Francesco e altra paccottiglia.

Anche al Pantheon a decine si affollano i venditori ambulanti di stick per selfie, pashmina made in China, l'immancabile caricabatteria per cellulare dai colori acidi verde viola giallo: seguono i vigili come alghe il flusso dell'acqua, gli si muovono dietro, pronti a sparire se per caso si girano. Alle 17.48, quando la loro macchina se ne va, d'incanto spuntano cassette di ogni tipo e l'urtista espanso si ritrova circondato da ogni tipo di mercanzia. Ma anche così continua a essere il ras della zona. È l'unico ad avere licenza. È l'unico a non essere controllato. È l'unico che, anche se traboccante oltre misura, nessuno blocca. Prende un mucchio di spazzatura, incarti delle meraviglie che vende e, per la terza volta in poche ore, ci riempie uno dei sacchi di spazzatura per turisti che puntellano la piazza. Almeno, questo bisogna dirlo, non butta tutto in terra.

https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/03/19/news/bancarelle_shock_a_roma_regole_in_vista-221964564/


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news