LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Portico dOttavia, la riqualificazione sarà finanziata dai commercianti
Lilli Garrone
Corriere della Sera - Roma 19/3/2019

Sul piatto 400 mila euro. Residenti favorevoli Il nodo delloccupazione di suolo pubblico

Via i marciapiedi, in buona parte distrutti. Pavimentazione completamente in sampietrini, anche per riprendere le antiche caratteristiche della via. E lungo la passeggiata nuovi elementi di arredo comprese panchine vis a vis, per premettere a chi si vuole riposare di parlare facilmente. Infine, risistemazione delle fognature.

Ecco il restyling del Portico dOttavia , che i commercianti sono disposti a pagare di tasca propria: la cifra si aggira intorno ai 400 mila euro, ma sia i negozianti sia gli abitanti vogliono restaurare la strada centrale del Ghetto, dove abita la più antica comunità ebraica del mondo, oggi in abbandono. Il progetto dovrebbe comprendere anche nuove regole per loccupazione di suolo pubblico: in cambio infatti si chiede un piano per le sedie e i tavoli di ristoranti e bar che da tempo non cè (oggi in teoria i locali sarebbero in gran parte abusivi). Nella proposta, che ha già superato vari esami, ci sono spazi che vanno da sei a dodici tavolini al massimo, quindi occupazioni piuttosto contenute, con arredi uniformi e al posto degli ombrelloni grandi teloni bianchi. Un piano di massima occupabilità, però, era già allo studio del I Municipio e adesso quello schema dovrebbe essere armonizzato con il nuovo. La proposta dei commercianti è stata consegnata al I Municipio e la giunta ha dato mandato allufficio tecnico di convocare una Conferenza dei servizi entro questo mese, in modo che possano subito partire i lavori.

Riteniamo importante riqualificare una zona storica come il Ghetto, dove noi viviamo - afferma il presidente dellAssociazione dei commercianti Alberto Ouazana - Questo luogo va assolutamente migliorato perché è un fiore allocchiello della nostra città, un bacino di utenza importante e soprattutto qui è la nostra storia. Ma il nodo potrebbero essere proprio le occupazioni di suolo pubblico: Sono decisamente modeste - spiega Ouazana - e nonostante questo dopo tre anni di contatti e confronti con le istituzioni non siamo ancora riusciti a concludere loperazione. Gli assessori del Municipio sono molto collaborativi, ma ci sono difficoltà oggettive che vanno affrontate, molte realtà cambiano in continuazione e la macchina pubblica è più lenta delle nostre necessità quotidiane. Noi speriamo di portare in porto i lavori entro lestate, prima della riapertura delle scuole. E proprio la presenza di una scuola è uno dei problemi: per questo i commercianti sono già daccordo di apparecchiare i loro tavoli a tempo, ovvero nel tardo pomeriggio.

Peraltro il restauro è ben visto anche dagli abitanti. Titti Cafini, presidente del Comitato residenti Portico dOttavia, ammette che i cittadini che rappresenta sono favorevoli al progetto, anche se con una serie di richieste. Da quando cè stato lattentato a Charlie Hebdo a Parigi (il 7 gennaio 2015, ndr) - spiega - abbiamo una vivibilità molto difficile, anzi impossibile: non abbiamo neppure la possibilità di portare i nostri disabili a casa o di poter accedere come residenti per caricare e scaricare la spesa o le merci. Due anni fa infatti a causa dellallarme terrorismo le strade del Ghetto sono state sbarrate con dissuasori mobili che probabilmente resteranno. Con questo progetto - prosegue Cafini - i locali avrebbero il giusto spazio per i tavoli, mentre adesso è una giungla che ci impedisce di camminare e di accedere a casa nelle ore serali. Quindi siamo favorevoli a condizione che siano prese in considerazione anche le nostre esigenze: poter portare facilmente a casa bambini e disabili e transitare così come transitano le mamme della scuola. Per noi poi è fondamentale il controllo e che le norme vengano rispettate.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news