LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dibattito sulle Sette opere. Unico assente: il diritto
Giovanni Verde
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/3/2019

Non intendo contribuire al dibattito sulle opere di misericordia, che è diventato noioso e stucchevole, e comprendo che il lettore ha tutto il diritto di chiedere misericordia. Ma le acute riflessioni di Mario Rusciano, che ha accennato alla ripartizione di competenze tra direzione generale e soprintendenza, hanno sollecitato la mia curiosità. Nellassordante dibattito, infatti, cè stato un grande assente: il diritto.
È vero che oggi il diritto è sempre più un optional, purtroppo anche quello che si pratica nelle aule di giustizia, ma vale la pena di fare qualche riflessione al riguardo. Non perché possa valere qualcosa, ma quanto meno per soddisfare unesigenza culturale.

Il lettore si annoierà perché sono costretto a riportare testi di legge. Ma è indispensabile se vuole soddisfare la sua curiosità. Per mio conto cercherò di ridurre le citazioni allessenziale. Lart. 20 del codice dei beni culturali (d.lgs. n. 44 del 2004) stabilisce che i beni culturali non possono essere adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico oppure tali da recare pregiudizio alla loro conservazione. Poiché per la tela del Caravaggio si tratta di unopera appartenente a privati (anche se sottoposta a vincolo), secondo lart. 21 è subordinato ad autorizzazione il suo spostamento anche temporaneo. In questo caso il detentore, ossia il Pio Monte, era tenuto a denunciare preventivamente al Soprintendente la sua intenzione e questultimo, entro trenta giorni, poteva prescrivere le misure necessarie perché i beni non subiscano danno dal trasporto.

Quindi, lautorizzazione doveva essere rilasciata dal Soprintendente ed era subordinata a due valutazioni: a) la compatibilità dello spostamento con il carattere storico o artistico del bene e b) lassenza di pregiudizio per la sua conservazione; e doveva essere accompagnata dalle prescrizioni necessarie perché non subisse danni durante il trasporto. Ritenuto che il trasferimento fosse compatibile con il carattere artistico del bene e che non pregiudicasse la sua conservazione, il Soprintendente avrà prescritto, ritengo, le misure necessarie perché i beni non avessero a subire danno dal trasporto.

Le valutazioni spettavano al Soprintendente. Infatti, il d.m. 23 gennaio 2016, n. 44 individua le competenze delle Direzioni generali e quelle delle Soprintendenze. Nellart. 2 sono elencate in ben venti lettere (dalla a alla v) le competenze delle Direzioni generali. Non trovo alcun luogo in cui sia attribuita alla Direzione una competenza ad autorizzare il trasferimento temporaneo di un bene mobile vincolato ad accezione di quanto previsto alla lettera i), secondo cui la Direzione adotta i provvedimenti di competenza dellamministrazione centrale in materia di circolazione di cose o beni culturali in ambito internazionale (il che porterebbe ad escludere tale competenza per la circolazione in ambito nazionale). Al contrario lart. 4 del d.m., nel definire le competenze del Soprintendente (in ben ventuno lettere, dalla a alla z), prevede (alla lettera b) che egli autorizzi lesecuzione di opere o lavori di qualunque genere sui beni culturali; (alla lettera m) che imponga ai proprietari, possessori o detentori di beni culturali gli interventi necessari per assicurarne la conservazione; (alla lettera z) che eserciti ogni altro compito affidatogli in base al codice e alle altre norme vigenti.

In conclusione, sulla base del diritto vigente il Direttore generale ed il Ministro non hanno competenza ad intervenire in valutazioni di merito che sono riservate al Soprintendente.

La vicenda pone in rilievo una questione giuridica. Maledetto diritto! Quale è lindipendenza del Soprintendente rispetto al Ministro? In un sistema democratico questa indipendenza dovrebbe essere massima. Non cè un superpotere del Ministro (e del suo Direttore generale) che si sovrapponga a quello del Soprintendente nellambito della sua sfera di autonomia, tanto più in quanto in questo caso non era in discussione la legittimità della autorizzazione, ma soltanto la sua opportunità. Ed il Ministro sembra essere daccordo, quando dichiara che, nelle nomine a venire, terrà conto anche del collegamento dei futuri Soprintendenti con il territorio e con la conoscenza della storia e delle culture del territorio di competenza, che nel nostro Paese sono assai diverse (a forza di ricordare questa particolarità, finiamo col dimenticare che siamo una Repubblica unica e indivisibile, come vagheggia la Costituzione). Lasciamo da parte che collegare la nomina dei soprintendenti ai territori sembra un discorso che, riguardando la cultura, per definizione universale, appare alquanto fuori di luogo. Resta, tuttavia, che, se il Ministro fosse stato coerente con la sua idea che i soprintendenti devono essere collegati al territorio perché sono responsabili della conservazione del patrimonio storico e culturale che vi si trova, avrebbe dovuto rispettare il Soprintendente e la sua autonoma valutazione. Non può non apparire, infatti, contraddittoria la posizione di chi rivendica il diritto di contraddire nel merito le valutazioni del Soprintendente di oggi e rivendica lesigenza che il Soprintendente di domani, in quanto ancorato al territorio di sua competenza, debba avere piena autonomia decisionale per ciò che riguarda le faccende del suo territorio, salve le disposizioni di indirizzo aventi carattere generale.

Né potrebbe il Ministro dire che oggi è costretto ad intervenire in quanto lattuale Soprintendente, non essendo stato nominato dal suo predecessore in base ai criteri di competenza territoriale, non rispetta a sufficienza la cultura e la storia del territorio in cui esercita le sue attribuzioni. Sarebbe lammissione che le future nomine saranno fatte in base a valutazioni di affidabilità, che sconfinano nella sudditanza. Parliamoci chiaro. Il centralismo burocratico non può essere esercitato a giorni alterni e secondo le convenienze. E comunque è contrario ad un esercizio democratico del potere.

Una postilla: non vorrei essere equivocato. Volutamente non sono entrato nel merito della questione. Riguardo al quale, non vedevo la necessità di uno spostamento della tela Napoli per Napoli, ma neppure ho compreso le ragioni di un dibattito così aspro. Ha ragione Rusciano: ben altri sono i nostri problemi. Con la postilla un plauso alla intelligenza delle parti in causa che hanno raggiunto una sorta di compromesso, evitandoci lo spreco di tempo e di danaro quale ci sarebbe stato se ci si fosse intestarditi nelle azioni giudiziarie (la griglia docet!).



news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news