LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. I Fori uniti, le Mura illuminate
Edoardo Sassi
Corriere della Sera - Roma 20/3/2019

Tentativi di rinascita. Mille lampioni e il percorso Mercati di Traiano-Circo Massimo senza barriere fra Stato e Comune
Il piano annunciato durante la presentazione della neo sovrintendente, Marini Clarelli

Mille lampioni di design per illuminare di notte le Mura Aureliane. E la possibilità per il visitatore di attraversare, pagando un solo biglietto e senza più barriere né reali né amministrative (tra Stato e Comune), la più vasta area archeologica del pianeta, dai Mercati di Traiano al Circo Massimo. Queste sono le due principali novità emerse ieri mattina in Campidoglio durante la prima uscita pubblica della sovrintendente Maria Vittoria Marini Clarelli, affiancata dalla sindaca Virginia Raggi e dal suo vice Luca Bergamo.

Prima donna e prima storica dellarte in un ruolo da sempre riservato a uomini (archeologi): è partita da questo dato la sindaca Virginia Raggi non è un qualcosa da far passare sotto silenzio.... per introdurre ieri nella Sala della Piccola Protomoteca la prima uscita della sovrintendente di Roma Capitale, Maria Vittoria Marini Clarelli, 61 anni, dirigente di lungo corso del Ministero per i beni culturali, per dieci anni soprintendente alla Galleria nazionale darte moderna, curriculum (e allure) da prima della classe. Presente allincontro anche il vicesindaco Luca Bergamo.

Pochi minuti, il tempo di ricordare le modalità della nomina (cui si è giunti, altra novità, tramite bando pubblico), i ringraziamenti di rito, poi Marini Clarelli inizia a elencare quelle che saranno le priorità del suo mandato, ispirato (anche) dalle richieste dei cittadini. E se le gerarchie qualcosa stanno a indicare, va notato che la neo responsabile di un patrimonio unico al mondo (dalla preistoria alla street art) sceglie di mettere al primo posto nel suo discorso il verde storico. Le nostre ville ricorda sono vere opere darte. Un primato tutto romano in Europa. Arrivando al Comune mi sono resa conto che qui il lavoro è multidisciplinare e condiviso, nulla si può fare da soli. Le Ville sono più di quaranta, le risorse sono in fase di decrescita, tuttavia la mia esperienza mi dice che con una grande collaborazione si possono raggiungere risultati importanti.

Il registro del discorso è alto, come si conviene alloccasione, e in gran parte improntato alletica: Rendere il diritto alla cultura più accessibile, Educazione al Patrimonio con particolare attenzione alle giovani generazioni, Distinzione fra sfide e progetti, consapevolezza che in due anni e mezzo (per ora, la nomina è legata al mandato della sindaca) chiuderemo importanti processi avviati da altri e ne apriremo altri che poi saranno conclusi da chi ci succederà.

La sovrintendente parla anche di riapertura progressiva del Museo della civiltà romana, di decoro e commercio ambulante allinterno del sito Unesco (in accordo con le politiche che sta portando avanti la sindaca). Ma a calamitare lattenzione sono sopratutto le notizie relative a novità importanti per larea archeologica centrale e per le Mura Aureliane. I cittadini si aspettano labbattimento del muro di cristallo tra la parte statale e quella comunale dellarea. Ci sono ancora dettagli da mettere a punto ma questo obiettivo, nellarco di pochi mesi, potremo raggiungerlo, in accordo con Ministero e Parco del Colosseo. E lobiettivo è un percorso straordinario unico, senza più barriere (nemmeno amministrative) e con biglietto in comune, dai Mercati di Traiano fino al Circo Massimo, attraversando tutti i Fori e il Palatino.

Anche per le Mura cè qualcosa di grosso in ballo (annuncio a venire, par di capire) ma intanto spunta un progetto avviato per lilluminazione notturna di questo che è uno dei più estesi monumenti al mondo (circa 13 chilometri di cinta antica conservati). Infine, larea del Mausoleo di Augusto e dellattigua piazza: Qui la situazione è molto più avanzata di quanto non possa sembrare. Tantissimo è già stato fatto. Da poco è stata bandita la gara per il completamento del restauro conservativo e laggiudicazione ci sarà a giorni. Sui due lotti che riguardano il restyling della piazza, invece, cè un contenzioso in corso, per fortuna in via di risoluzione, e già entro lestate potrebbero partire i lavori.

M ille lampioni a led a illuminare le Mura Aureliane. Il piano, condiviso con il Campidoglio, viene discusso in questi giorni dallAcea nellambito della stesura del nuovo piano industriale. E prevede un intervento massiccio della multiutility capitolina con lobiettivo di restituire ai cittadini la visione dei 12 chilometri di cinta muraria eretta tra il 270 e il 275 dopo Cristo per proteggere Roma dai barbari. Il tutto con un progetto ambizioso che al momento riguarda la parte esterna delle Mura ma che potrebbe essere esteso anche allinterno. Ambizioso e sostenibile: mille luci a led, una ogni circa 120 metri di tracciato, che potrebbero anche essere alimentate dallenergia solare in ossequio allimpronta green voluta dallamministrazione M5S. Si valuta se piazzarle in cima a un palo oppure se fissarle direttamente sulle Mura, opzione questa che necessiterebbe di un nullaosta da parte della sovrintendente capitolina Maria Vittoria Marini Clarelli. In ogni caso, secondo quanto filtra dal Campidoglio, lorientamento sarebbe quello di porre luci che enfatizzino la bellezza della struttura, con lidea di puntare su modelli firmati da un designer di grido (in Comune circolano bozze di lampade siglate da Dannys Hess, Kramer Design e Thierry Vidé) in modo da rispettare e valorizzare il più possibile la valenza monumentale delle Mura che abbracciano la Capitale. I costi sarebbero da calibrare sulle scelte finali, del resto al momento si è alla fase embrionale del progetto e si valuta anche il raddoppio esterno più interno dellilluminazione. Ma le stime danno loperazione come fattibile con poco più di un milione, due e mezzo se la luce sarà irradiata su entrambi i lati: circa mille euro a lampione tra palo, collegamenti e lavoro, considerato che il solo led costa 220 euro. Anche sui tempi, la discussione è in corso: in Comune pensano allopera in prospettiva del prossimo inverno, da ultimare entro dicembre. Prima però cè da mettere in sicurezza i tratti pericolanti e, soprattutto, da ripulire i muraglioni dalle piante di capperi.



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news