LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. Portici Unesco, ora sprint sulla ripavimentazione
Daniela Corneo
Corriere di Bologna 21/3/2019

In vista della candidatura all’Unesco, il Comune inizia a premere sull’acceleratore della manutenzione del patrimonio dei portici. Partendo non solo dalla pulizia, ma anche dal restyling della pavimentazione. «Vogliamo rilanciare la delibera del 2007 che incentivava i privati alla riqualificazione dei pavimenti sotto i portici», dicono dal settore Edilizia di Palazzo d’Accursio. E poi via (a breve) al restauro del portico dei Servi, dell’Arena del Sole e del teatro Comunale.

La corsa di Bologna per candidare il monumento-portici all’Unesco è già iniziata. E, nell’arco di qualche mese, se ne potrebbero già vedere i risultati. A partire dal basso: la pavimentazione dei portici, in molti tratti rovinata dal tempo e senz’altro dall’usura. Il Comune sta infatti pensando di «rispolverare», valorizzandola ulteriormente e diffondendola il più possibile da qui a breve, una vecchia delibera, risalente al 2007, con cui Palazzo d’Accursio tendeva la mano ai privati, perché si accollassero la ripavimentazione dei portici.

In quella delibera di dodici anni fa, che è tuttora in essere, l’amministrazione decise di azzerare i contributi diretti a suo carico, rimise al centro la costituzione di consorzi di proprietari e pensò a loro favore l’esenzione fiscale sulla pubblicità e sull’occupazione del suolo pubblico, facendo rientrare il restauro delle pavimentazioni dei portici di edifici residenziali fra i lavori di ristrutturazione edilizia che possono fruire delle detrazioni d’imposta Irpef del 36%. Quella delibera rese possibile, tra il 2008 e il 2009, il restauro di quasi 4 mila metri quadrati di pavimentazione privata dei portici. Ed è a quella delibera che si sono ispirati di nuovo, questa volta nel 2015, Comune, Asppi (piccoli proprietari immobiliari) e Anaci (amministratori di condomìni) per siglare il protocollo d’intesa, di durata quinquennale, con lo stesso obiettivo di restyling della pavimentazione.

«Quella delibera — spiega Fabio Andreon, dirigente del settore Edilizia pubblica del Comune — è ancora in essere. Adesso vorremmo rilanciarla. Sulla parte privata dei portici il Comune può dare il suo contributo in modo indiretto, sgravando i proprietari della spesa per l’occupazione del suolo pubblico e consentendo l’affissione della pubblicità. Più condomini mettono la pubblicità e più introiti arrivano per sostenere economicamente gli stessi lavori». Un circolo virtuoso che potrebbe portare, un po’ alla volta, al rifacimento totale dei pavimenti che vengono calpestati tutti i giorni da migliaia e migliaia di persone.

Negli ultimi anni sono state circa sessanta le strade (porticate) su cui i privati hanno deciso di sostituire la pavimentazione vecchia, per mettere piastrelle nuove di zecca. È stato più facile, ovviamente, nei tratti di portici dove affacciano palazzi di enti, fondazioni, associazioni con un certo peso. Ma in realtà i bolognesi si sono mobilitati abbastanza per garantire il restyling dei pavimenti. E le richieste, un po’ alla spicciolata, continuano ad arrivare. Adesso è il momento di dare un’accelerata. E l’Ateneo si è già fatto avanti per restaurare la pavimentazione del portico del teatro Comunale. «In questo caso — spiega Andreon — la progettazione è in corso adesso». Quindi a breve anche il Comunale avrà piastrelle nuove di zecca.

Un passo alla volta, a seconda delle risorse disponibili, l’amministrazione sta intervenendo sui portici di sua competenza che, a parte la pavimentazione, hanno bisogno di un intervento di consolidamento strutturale. «Tutti gli anni — spiega Andreon insieme a Manuela Faustini, responsabile del patrimonio storico-monumentale di Palazzo d’Accursio — per la manutenzione dei portici l’amministrazione mette a bilancio tra i 300 mila e i 500 mila euro». Queste risorse sono investite in lavori importanti sui portici, oltre che sulla pulizia dei graffiti nelle parti di portico di proprietà pubblica. Uno degli interventi più attesi che finalmente sarà attuato è quello del restauro del portico dei Servi. «Il restauro del portico dei Servi — spiega Andreon — sarà approvato a breve e verrà appaltato entro quest’anno». In questo caso i soggetti protagonisti sono tre: il Comune, un proprietario privato e la Curia. Il privato ha già provveduto al restauro della sua parte, quella verso via Guerrazzi: in virtù di un accordo di inizio Novecento, il Comune gli concesse il terrazzo sopra il portico, a patto che si accollasse il restauro e la manutenzione ordinaria e straordinaria del portico sottostante. E così è stato fatto negli anni scorsi. Adesso tocca a Palazzo d’Accursio fare la parte che gli compete. «Lo stesso intervento di consolidamento — dice Andreon — sarà fatto anche all’Arena del Sole, che, proprio come accade al portico dei Servi, sopra ha il terrazzo. A maggio andiamo avanti anche nel portico del teatro di via Indipendenza, procedendo a riconsolidarlo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news