LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Le lettere del conte. Digitalizzato tutto lepistolario di Guglielmo Lochis
Daniela Morandi
Corriere della Sera - Bergamo 23/3/2019

Rodeschini: a Londra stupiti dei pochi studi su di lui

Era una strana misura duomo. Ora un compito cavaliere, ora infimo. Ora gretto, ora affabilissimo. Ora sgarbatamente fiero come un baronetto inglese ora di cuore Non finiremmo più di descriverlo per i contrasti che in lui correvano, si legge nel necrologio dedicato a Guglielmo Lochis, pubblicato nel 1860 su Notizie patrie. Benché persona di spicco nella vita pubblica della Bergamo austriaca, da podestà a membro della commissaria dellAccademia Carrara dal 1834, è ancora poco noto nel panorama del collezionismo italiano dice Maria Cristina Rodeschini, direttrice della pinacoteca cittadina . Ma grazie alla trascrizione integrale del suo epistolario, da cui hanno attinto diversi collezionisti e studiosi e che tra la fine dellanno e i primi mesi del 2020 sarà consultabile online, ne verrà riscoperta la statura culturale. Gli stessi Giovanni Agosti e Nicholas Penny, direttore della National Gallery di Londra nellintroduzione dello studio di Giovanna Brambilla sulle opere disperse della collezione Lochis, tra i pochi collezionisti italiani della prima metà dellOttocento, si sono stupiti di come ancora nessuno abbia studiato come avesse formato e disposto la collezione nella sua villa alle Crocette di Mozzo.

Agli storci dellarte Brambilla e Paolo Plebani va il merito di aver trascritto lepistolario integrale del conte Lochis, composto da tre volumi, due con 425 lettere inviate al conte da persone diverse, dal mercante darte al collezionista, per un totale di 1.200 fogli scritti, e un terzo con 358 missive di Alessandro Brisson, fiduciario di Lochis, nonché restauratore e mercante, tutti conservati alla Mai. Lepistolario fa parte di un fondo di maggiori entità, considerato un unicum, composto da cataloghi della collezione, lettere con i personaggi più illustri della città, note sulla sua pinacoteca e di viaggio, che danno uno spaccato del conte quale uomo moderno per i suoi tempi. Collezionista aggressivo e aggiornato, orientava la propria raccolta di opere quale simbolo sociale del proprio successo politico, illustra Elisabetta Manca, direttrice della biblioteca civica, soddisfatta della collaborazione tra Carrara e Mai, da cui nasce il progetto di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, alla base della ricerca scientifica del museo, aggiunge lAssessore alla Cultura Nadia Ghisalberti. Dallepistolario emerge la figura del collezionista e il fermento del mercato dellarte ottocentesco. Lochis nasce nel 1789, con lo scoppio della Rivoluzione francese, acceleratore del collezionismo europeo: con il decadimento delle famiglie aristocratiche, maggiore era la disponibilità di opere sul mercato dellarte racconta Brambilla, autrice nel 2007 di La raccolta dimezzata. Storia della dispersione della pinacoteca di Guglielmo Lochis, sua ricerca per la scuola di specializzazione -. Lui ebbe tutte le armi, denaro, potere e rispetto, per diventare un collezionista. Raccolse 550 opere, di cui 240 sono in Carrara, tra dipinti di Bellini, Mantegna, Raffaello, Lotto, Moroni e Canaletto. Lepistolario, ordinato per mittente e ora trascritto in ordine cronologico, dà lo spaccato di un collezionista aggressivo e vorace nellacquisto di quadri conclude Plebani, ammettendo la difficoltà nel decifrare le diverse calligrafie . Nelle lettere il conte parla quasi sempre di dipinti con i corrispondenti, per lo più artisti, mercanti, esponenti del mondo quadrario. Lepistolario, tra notizie sui cambi, le quote della seta, note di colore e pettegolezzi sul teatro dopera, soprattutto nel carteggio con Brisson, la cui moglie era cantante lirica, dà lo spaccato di un epoca.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news