LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Scavi, riemerge un «take away» di 2000 anni fa
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 26/3/2019

Davanti al cantiere per il rifacimento dei basoli stradali, i cittadini dell’antica Pompei si fermavano a un bancone decorato per acquistare cibo.

Nella città portuale si continuava dunque a vivere mentre tutt’intorno ferveva la ricostruzione. Ecco il segreto svelato dagli ultimi scavi nel cosiddetto cuneo della Regio V. Il bancone dell’ennesimo thermopolium (una sorta di bar con cibi da asporto) riportato alla luce presenta decorazioni definite dal direttore dello scavo Massimo Osanna «molto interessanti». Sulla sinistra, una raffigurazione della stessa taberna con uno schiavo intento al servizio; sulla destra, invece, una Nereide, cioè una delle divinità del mare tranquillo, con una cetra. Colpisce soprattutto la vivacità dei colori originari, restituiti alla vista, dopo quasi due millenni, praticamente intatti, cioè non alterati dall’esposizione agli agenti atmosferici.

La vivacità cromatica supplisce alla scarsa finezza del tratto pittorico, nemmeno lontanamente paragonabile a quella dell’affresco della Leda col cigno venuto alla luce in un ambiente non lontano sempre nell’ambito della stessa campagna di scavo. «Gli ultimi interventi - spiega Osanna - stanno mettendo il luce il work in progress del quotidiano pompeiano prima dell’eruzione. Viene confermato quanto si era sempre supposto, e cioè che non è stato solo il terremoto del 62 dopo Cristo a creare questa situazione di criticità. Ma l’hanno determinata anche gli altri episodi sismici che hanno preceduto l’eruzione di ottobre, a partire dall’estate. Nella via dei balconi, riportata alla luce, ci sono case finite, che erano abitate e dove ci furono vittime, e altre con la facciata ancora grezza che si stavano intonacando. A Pompei si viveva in uno stato di precarietà alla quale si stava cercando di porre rimedio. «Una quotidianità critica che manteneva la vivacità degli impegni consueti», precisa Osanna. Lo scavo è continuato anche della casa del larario, dove era stato interrotto a causa del precario stato di conservazione della parte soppalcata.

Le ultime scoperte archeologiche dell’antica Pompei sono illustrate a margine della visita al sito del sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia. L’esponente del Governo ha partecipato alla riunione del Gruppo legalità e Sicurezza finalizzata alla verifica della governance che ha sovrinteso all’attuazione del Grande Progetto Pompei. «Ormai alla fine - sottolinea Sibilia - abbiamo un risparmio di 13 milioni con 92 milioni finanziati e spesi senza nessuna ammenda se non per qualche infrazione delle norme anti infortuni. Siamo di fronte a un modello vincente che mi auguro venga replicato in altre esperienze e in altre zone». Col sottosegretario anche il presidente della commissione Cultura della Camera Luigi Gallo e il responsabile del Grande progetto Mauro Cipolletta. «In questi anni - ricorda quest’ultimo - abbiamo messo sotto la lente di ingrandimento tutte le ditte. Non solo per evitare infiltrazioni criminali, ma anche per la sicurezza degli stessi addetti ai lavori. Sono state sanzionate solo piccole incongruenze. Non sono emersi problemi particolari».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news