LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Spunta una mini sanatoria edilizia
Ma. Bo.
Corriere del Veneto 27/3/2019

La maggioranza sta studiando una mini sanatoria edilizia che verrà approvata dopo il Piano Casa, ormai in dirittura darrivo in Consiglio regionale. Si tratta di un provvedimento destinato a regolarizzare gli edifici parzialmente abusivi. Lannuncio è stato dato ieri dalla lista Zaia.

Venezia. Il Piano Casa quater (che però ora si chiama Veneto 2050) prosegue il suo iter in consiglio regionale e sarà approvato probabilmente nella giornata di oggi. A margine del Piano, però, spunta una novità a cui finora non si era mai accennato: una sanatoria edilizia.

Ad annunciarlo in aula, commentando un emendamento presentato dal Pd, è stato il relatore Francesco Calzavara (Zaia presidente), che però ha messo subito le mani avanti: Non stiamo parlando di un condono di altri tempi, qui non cè di mezzo labusivismo sfrenato. Pensiamo a piccole difformità, a edifici non del tutto in regola che emergono come tali al momento del confronto con gli uffici tecnici ed impediscono di rogitare oppure di applicare le norme del Piano Casa per la demolizione e ricostruzione e per gli ampliamenti. Tu chiamali, se vuoi, edifici parzialmente abusivi, interventi non proprio dichiarati o non dichiarati come andavano dichiarati, come si è sentito circostanziare ieri a Palazzo Ferro Fini. Sta di fatto che la Regione sta meditando di fare tabula rasa per ripartire poi senza intoppi con i nuovi bonus Veneto 2050. Se ne saprà di più, quanto ai contenuti, quando il provvedimento sarà messo nero su bianco e approderà in aula.

Nel frattempo, come si diceva, continua il lavoro sui 240 e più emendamenti presentati alla nuova edizione del Piano Casa. La novità più rilevante della discussione condotta ieri è il parziale accoglimento da parte della maggioranza della richiesta del Pd di legare gli incrementi volumetrici alla massima efficienza energetica del nuovo edificio, ossia la classe A4. I dem chiedevano che sia in caso di ampliamento (40% elevabile al 60% con il ricorso ai crediti edilizi), sia in caso di demolizione e ricostruzione (50% che arriva al 100% con i crediti) fosse necessario per il richiedente raggiungere la classe energetica A4, ossia un consumo di 0,4 chilowatt/metro quadro allanno contro i 120 chilowatt/metro quadro allanno degli edifici in classe F, che poi sono la maggior parte delle abitazioni oggi presenti in Veneto.

Pensiamo sia eccessivo obbligare da subito le famiglie a costruire in classe A4 - ha risposto Calzavara - sarebbe troppo oneroso e dunque disincentivante. La soluzione potrebbe essere di attribuire, da qui al 31 dicembre 2020 quando andranno a pieno regime le previsioni della legge, un extra bonus del 10% per ampliamenti e del 20% per le demolizioni e ricostruzioni, in caso di perseguimento del massimo efficientamento energetico, ossia della classe A4. Il che, fatti due conti, permetterebbe nel primo caso di arrivare al 50% del volume originario e nel secondo al 60% (senza crediti edilizi).

La Lega, con la capogruppo della Lista Zaia Silvia Rizzotto, ha anche chiarito che nessuna marcia indietro verrà fatta, nonostante le richieste insistenti della minoranza, sugli interventi in zona agricola, che sembrerebbero contrastare con il principio di consumo zero del suolo a cui dovrebbe ispirarsi la legge: Vogliamo mantenere la previsione di piccoli interventi di ampliamento, di demolizione e costruzione in zona agricola - ha detto Rizzotto - solo per la prima casa di abitazione, per venire incontro a famiglie che hanno bisogno appunto di interventi non significativi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news