LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lurbs e la civitas di Emiliani
Franco Farinelli
Corriere di Bologna 27/3/2019

Nellultima lezione Andrea Emiliani, nel suo letto al SantOrsola, ha parlato della morte dellilluminismo e del futuro della città. Una lezione di quelle che lui particolarmente amava, per pochissimi e affini interlocutori più giovani di lui, una sorta di riflessione bisbigliata per chi dopo di lui avesse potuto continuare, e far tesoro di quel che lui aveva compreso. Lultima di quelle lezioni che per decenni, al mattino di buonora, aveva svolto passeggiando sotto i portici del suo quartier generale, che da via Zamboni andava fino alle torri e da via Belle Arti si spingeva fino allincrocio con le Moline. Non si comprende quel che la nostra città ha perso con la morte di Emiliani senza muovere appunto dalla sua costante attitudine pedagogica, perché proprio in essa si manifestava ladesione, anzi la coincidenza, tra la sua esistenza individuale e quel che per lui era lessenza di Bologna. Per Emiliani tutta Bologna era un pervasivo dispositivo educativo, un manufatto in grado di convertire lestetica in etica e viceversa, in maniera tale da assegnare senso a ogni atto o comportamento anche privato, per il giudizio dei quali era la stessa struttura urbana a enunciare i criteri, pubblici e trasparenti per chi volesse o sapesse intenderli. Ad animare insomma Andrea era ancora la grande eredità della visione politica di derivazione platonica, lidealizzazione della polis classica. Un eredità introiettata da adolescente nella sua diletta acropoli di Urbino.
Allinterno di uno di quei nuclei che, come tutte le sedi daltura dellItalia centrale, più di tutti ancora riflettono, nellimpianto e nelle forme, dunque nello spirito, il modello dellantica città greca. Rocca in cui aveva appreso dallesempio paterno la dedizione al bene pubblico e il superiore interesse per le sorti della collettività. Non a caso allanalisi iconologica di Amy Warburg, Emiliani preferiva, perché connessa al ruolo dei materiali e delle tecniche, la vita delle forme di Henri Focillon, per il quale una volta prodotte questultime si autosignificano, esprimono cioè valori e funzioni che non dipendono più soltanto dallintenzione del loro autore, ma vivono di vita propria e interagiscono in maniera autonoma con la realtà. Tutta lattività di Emiliani si è spesa, a Bologna e per Bologna, allinterno dellambito dove tale interazione avviene, lungo quel privilegiato confine che è la rappresentazione artistica: nel duplice intento di illuminare con le vicende locali il discorso figurativo internazionale, e quelle con questo. Sempre nella consapevolezza della relazione della logica delle arti con il più generale contesto della vita civile e con le complessive ragioni, oltre che della politica, delleconomia dellesistere, come egli avrebbe detto, secondo insomma la concezione di una ricerca a parte intera che, di là dallapparente carattere antiquario se non archeologico di alcuni motivi, si è sempre riferita al nodo del rapporto tra quel che è materiale e quel che è immateriale, tra quel che si vede e si tocca e quel che non può vedersi o toccarsi. Eppure spiega quel che cè. Come dire il nucleo più interno ed elusivo di tutto quel che chiamiamo città, prodotto dalla dicotomia tra la tangibile urbs e lintangibile civitas. E allo stesso tempo il cuore di tenebra del rapporto tra la Rete e il mondo. Dunque Andrea Emiliani come (propriamente parlando) il guardiano della soglia tra la civiltà e linciviltà, tra la coscienza urbana e la sua assenza. Tutto perciò fuorché il cultore delle memorie del passato, il semplice erede del canonico Malvasia nella difesa della pittura felsinea. Al contrario, lo strenuo difensore di una tradizione di complessiva, locale intelligenza programmaticamente aperta, in quanto tale, sul mondo, senza timore e con qualche speranza. Una speranza che, per onorare la memoria di Andrea, tocca a tutti i bolognesi oggi fare propria, nel transito dallavanguardia del postmodernismo ai secoli non più soltanto internazionali ma globali che ci attendono.





news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news