LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In quota larte è donna. Messner Mountain Museum: la svolta contemporanea di Magdalena
Corriere del Trentino 28/3/2019

Una donna protagonista tra montagna e arte, per raccontare gli orizzonti del padre con occhi nuovi. Magdalena Messner, classe 1988, figlia dellalpinista Reinhold, ha scelto di scalare gli orizzonti non con corda e piccozza come vorrebbe la tradizione di famiglia, ma con la cultura. Responsabile della programmazione artistica dei sei musei che compongono il complesso del Messner Mountain Museum in Alto Adige (Corones, Firmian, Dolomites, Juval, Ripa e Ortles), per il 2019 ha inaugurato un calendario di eventi teatrali e musicali che intrecciano larte tradizionale dedicati alla montagna. Che diventeranno i nuovi eventi di contaminazione tra forme artistiche diverse nei musei dalta quota.

Magdalena Messner, come è arrivata alla guida del Messner Mountain Museum?

Ho studiato storia dellarte ed economia a Vienna, per poi trasferirmi per circa un anno a Roma. Per me era importante poter vedere come la cultura viene raccontata al di fuori dellAlto Adige, che è una realtà bellissima ma un po piccola. Nelle grandi città ho scoperto le infinite possibilità della cultura e ho respirato le atmosfere di posti nuovi. Ho sempre voluto tornare e prendere in mano la gestione dei musei che compongono il Mmm, ma non immaginavo di farlo così presto. Poi nel 2014 mio padre mi ha chiamata, offrendomi di collaborare. Ho accettato a condizione di lavorare fianco a fianco per un anno e ricominciare poi a viaggiare per il mondo e fare le mie esperienze. Ma come spesso capita, i piani cambiano. Una volta tornata non mi sono più mossa e ho sentito questo progetto sempre più mio

Questanno la programmazione artistica nei musei è curata interamente da lei. Come nasce il progetto?

Oltre alle mostre temporanee, abbiamo previsto due eventi, uno teatrale e uno musicale, che compongono un primo calendario culturale dei musei. Si tratta di un primo esperimento, un tentativo che però è già proiettato nel futuro. Spero si possano ripetere ogni anno, rendendoli eventi consueti

Cosa significa raccontare la montagna attraverso linguaggi diversi come quelli del teatro e della musica?

Non sono linguaggi distanti. La montagna fin dallantichità è sempre stata un simbolo molto forte a livello culturale e anche religioso. Inoltre il teatro è unarte interattiva molto vivace che cambia continuamente. È un collegamento che mi piace molto: anche le montagne sembrano sempre le stesse, come giganti immutabili. Ma anche le montagne cambiano, e in futuro forse saranno di nuovo un deserto. Per questo è importante raccontarle emozionalmente attraverso la musica e larte. Il primo evento si terrà a giugno negli spazi dellMessner Mountain Museum Firmian e sarà uno spettacolo teatrale ispirato alla leggenda dei Fanes portato in scena dalla compagnia teatrale Binnen-I, un gruppo esclusivamente femminile

Perchè questa scelta?

Il mondo cambia e le donne sempre più stanno prendendo spazio nel lavoro e nellarte. Non cè ancora parità, ma passo dopo passo si sta ampliando la nostra presenza. Anche nella leggenda nei Fanes ci sono figure femminili molto forti, e le cinque attrici che compongono il collettivo sono artiste in gamba, che hanno deciso di collaborare invece che farsi concorrenza. Una scelta importante per vivere nel settore teatrale altoatesino.

Un modo per raccontare un mondo, quello della montagna, ancora appannaggio degli uomini?

Il mondo della montagna è molto maschile. Questo tipo di iniziative permette di far vedere che cè anche unalternativa rispetto a quello che si conosce normalmente. Lobiettivo è raccontare la montagna in modo diverso e nuovo, giovane e moderno. Il 10 agosto il Castello di Brunico ospiterà il Mountain Music Festival, una nuova proposta musicale.

Da dove nasce?

Prima esisteva il Festival dei popoli della montagna, ma abbiamo deciso di cambiare il format per parlare sempre più ai giovani. Vogliamo creare un evento che sia sempre più frequentato dalle nuove generazioni, ma non solo. È soprattutto unoccasione per riunire persone di diversi paesi: ogni anno scegliamo un luogo e una cultura musicale sulla quale costruiamo il programma della giornata. Il focus sono sempre i popoli che vivono in montagna, e questo ci permette di spaziare in tutto il mondo. Questanno abbiamo scelto il Sud America e la giornata sarà un bel mix di eventi. Oltre alla musica ci sarà la possibilità di visitare il museo con guide speciali, e poi un mercatino di artigianato e degli stand culinari per vivere unesperienza ampia a tutto tondo. Il progetto ci dà anche la possibilità di dimostrare che il Mmm, in quanto museo della montagna, è un progetto che collega e unisce, a differenza delle montagne stesse che talvolta possono essere luoghi di divisione e confine. Il museo e la cultura devono e possono essere una piattaforma di scambio.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news