LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Parla Paola Gribaudo: Io, mio padre e lAlbertina
Ilaria Dotta
Corriere della Sera - Torino 30/3/2019

Paola Gribaudo è la nuova presidente dellAlbertina. Succede a Fiorenzo Alfieri, passato al Castello di Rivoli. Esperta di libri darte, è la figlia del pittore Ezio, già alla guida dellAccademia e oggi presidente onorario. Sono la prima donna, mio padre ancora non ci crede.

Mio padre ancora non ci crede che io sia la prima donna a diventare presidente della sua amata Accademia di Belle arti. Paola Gribaudo, figlia del grande artista Ezio (già alla guida dellAlbertina dal 2005 al 2007 e oggi presidente onorario) ha appena ricevuto la conferma della nomina dal ministero dellIstruzione. Sorride in mezzo ai libri, i dipinti e le sculture dello studio-museo alle spalle della Gran Madre.

Nessuna donna è mai arrivata ai vertici di questa istituzione fondata nel lontano 1678. Che effetto le fa?

Sono emozionata, è una notizia che mi fa molto piacere, non solo a livello personale, ma anche per la mia famiglia e per la mia città. Perché anche se il lavoro mi ha spesso portata allestero, con Torino ho sempre conservato un legame molto forte.

Per questo ha scelto di rimanere a vivere qui?

Sì. E non solo. Ho sempre fatto in modo che i miei libri fossero stampati a Torino, per portare così le eccellenze e il nome della città nel mondo. In un certo senso, quindi, questa nomina rappresenta per me un cerchio che si chiude. E poi, arriva in un momento molto particolare.

In che senso?

Da poco è mancato il mio grande amore. Sono molto credente e sono certa che sia un po merito suo.

Oltre che con la città, ha sempre mantenuto un rapporto saldo con lAccademia.

Lho sempre frequentata, ancora di più a partire dagli anni in cui mio padre ne aveva assunto la presidenza. Conosco molti docenti che vi lavorano, ho tenuto diverse presentazioni di libri e curato cataloghi e mostre. Lultima è stata quella dedicata a Carlo Guarienti in Pinacoteca alla fine dello scorso anno dal titolo Larte ci serve per non morire di realtà. Per me queste parole hanno sempre avuto un significato profondo.

Nel 2016 ha anche ricevuto la medaglia di accademico donore.

Sì, il riconoscimento mi è stato assegnato proprio per il mio ruolo di ambasciatrice del libro darte, ne ho curati oltre mille, e per aver portato il nome di Torino nel mondo, da Buenos Aires a San Pietroburgo, da New York a Tokyo.

Insomma, in Accademia lei è già di casa. E cosa pensa del lavoro fatto dal suo predecessore, Fiorenzo Alfieri?

Ha lavorato molto e il risultato è che quella di oggi è unAccademia avanzata sotto tutti i punti di vista. Non bisogna dimenticare anche il grande lavoro fatto dallinfaticabile direttore Salvatore Bitonti, che è sempre in giro per il mondo a promuovere lAlbertina. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: abbiamo allievi che provengono da 40 Paesi. È una strada su cui bisogna proseguire.

Un progetto importante avviato da Alfieri e Bitonti è quello del Polo delle Arti. Cosa ne pensa?

Laccordo stipulato con il Conservatorio è importantissimo e intendo portarlo avanti con tutte le energie possibili. Penso sia fondamentale per Torino creare un Politecnico delle arti. La nostra città vanta una grande tradizione per quanto riguarda larte moderna e contemporanea, e non può rischiare di essere tagliata fuori. Lo stesso ministro dellIstruzione Marco Bussetti, quando è venuto a Torino allinaugurazione dellanno accademico, ha sottolineato quanto pesi la cultura sul Pil e quale indotto genera. Come diceva Olivetti, La bellezza è cultura e la cultura ci rende liberi.

In che modo porterà la sua passione per i libri e le sue competenze nel settore delleditoria darte allAlbertina? Ha già qualche progetto in mente?

Sicuramente continuerò a occuparmi delle pubblicazioni e dei cataloghi. Forse sarò primo presidente a farlo. E poi, vorrei far conoscere di più alla città i meravigliosi libri che sono conservati allAlbertina. La Biblioteca custodisce circa 35 mila volumi, alcuni dei quali preziosissimi, come la prima edizione dellEncyclopédie di Diderot-dAlembert. In quanti lo sanno? Unaltra cosa che intendo fare è lavorare per promuovere sempre di più le donazioni. Io stessa ho donato in passato molti volumi allAccademia e sono certa che tanti artisti e intellettuali sarebbero felici di farlo. Non ultimo, allAlbertina esiste già un corso per imparare a fare volumi darte e mi piacerebbe potenziarlo.

La aspetta una bella mole di lavoro.

Lo affronterò come sempre con passione coraggio e dedizione. Credo profondamente nel ruolo fondamentale delleducazione e dellumanesimo. E lavorare non mi spaventa.

E suo padre cosa ne dice?

Mi ha augurato buona fortuna.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news