LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dentro il cantiere della villa dellarte. Il viaggio in anteprima nella casa-museo Cerruti a Rivoli
Maurizio Francesconi - Alessandro Martini
Corriere della Sera - Torino 2/4/2019

De Chirico in cucina, Juvarra nellingresso e Pontormo in salotto


A New York la Frick Collection, paradigma e vertice assoluto della casa-museo internazionale, vanta un Renoir nel sottoscala. A Rivoli, tra un mese, la Collezione Cerruti sfoggerà lungo la prima rampa delle sue scale opere a firma di Klee, Manzoni, Arp e Modigliani, seguiti nel secondo tratto da Bacon, Severini, Boccioni, Casorati e Léger. Questi e altri capolavori saranno visibili a partire dal 4 maggio, quando sarà inaugurata la villa sulla collina di Rivoli, a meno di due minuti in auto dal Castello di Rivoli (a cui in futuro sarà collegata da una navetta) e con strepitosa vista panoramica su Torino e le montagne. Le visite, su prenotazione (apertura da giovedì a domenica, dalle 10 alle 18), saranno gestite dal Castello di Rivoli grazie a una convenzione del 2017 con la Fondazione Francesco Federico Cerruti per lArte, proprietaria dei beni e committente dei lavori di adeguamento ora in corso. Con questo accordo, spiega la direttrice del Castello di Rivoli Carolyn Christov-Bakargiev, guida deccezione di una visita in anteprima al cantiere, insieme agli architetti, intende creare un modello nuovo di museo in cui larte del passato è osservata da prospettive contemporanee.

Nella villa, inaugurata nel 1967, Francesco Federico Cerruti dormì una sola notte. Per il resto, narra una biografia scarna di dettagli filtrati dallestremo riserbo suo e della famiglia, Cerruti apriva la casa la domenica, per sé, e in occasione di due pranzi annuali riservati ai pochi fidati amici di una lunga vita, conclusa nel 2015 a 93 anni. Cerruti dormiva abitualmente nella sua azienda, la Lit (che per decenni rilegò le guide telefoniche di tuttItalia), fonte di una ricchezza destinata totalmente allacquisto di opere darte. Tutte di qualità elevatissima: non soltanto dipinti (da Kandinskij, prima acquisizione del 1969, a Renoir, lultima nel 2014, da Pontormo a Magritte, fino a Bacon, Picasso, Braque, Burri, Warhol e Paolini), ma anche mobili, tappeti e libri antichi, come lAtlas Maior di Joan Blaeu, il più impegnativo progetto editoriale del Seicento.

A servizio di questa straordinaria collezione (finora mai vista nella sua completezza) e dellaccessibilità del pubblico, la villa è in corso di adeguamento su progetto di Con3studio e Studio Baietto Battiato Bianco. Lobiettivo, spiegano, è adeguare un ambiente privato, di cui si vuole conservare il carattere domestico, alle necessità di uno spazio pubblico, privo di barriere architettoniche e con un nuovo ascensore, ricavato nel nuovo corpo rivestito di metallo Corten dilatando la torre esistente. Gli impianti tecnologici (compreso quello antincendio, sofisticatissimo) sono invisibili, ricavati sottotraccia, con un lavoro di cuci e scuci tipico dei restauratori. Loriginaria villa in stile provenzale fu riadattata internamente, in vesti settecentesche, negli anni 80 sotto la guida di Giulio Ometto, collaboratore di Pietro Accorsi da cui Cerruti acquistò i magnifici Piffetti e Bonzanigo e i due rari divani attribuiti a Filippo Juvarra sistemati nellingresso. Non è da qui, però, che il pubblico inizierà la visita. Dopo un percorso nel giardino, entrerà attraverso un nuovo luminoso ambiente affacciato sul prato, che accoglierà biglietteria, guardaroba e servizi.

Il percorso correrà su quattro livelli, dallinterrato in cui saranno allestite le opere più recenti agli spazi domestici (e a tratti monumentali): dalla stanza da pranzo con la boiserie settecentesca e gli otto de Chirico metafisici, alla stanza delle rose in cui Cerruti si riposava leggendo i giornali del sabato (qui sono il grande Piffetti e quattro Morandi alle pareti), fino alla stanza della morte, con la tavola di Gentile da Fabriano. È la tappa culminante di un percorso tutto interno alla grande torre, dentro la quale si sovrappongono la cantina dei vini preziosi e la sala della musica in cui torneranno, sul pianoforte a cosa, le sculture di Giacometti, Medardo Rosso, Manzù e, sulle pareti, due grandiose tele di Pompeo Batoni per cui Cerruti ricevette anche le offerte del Getty (Ma se non li avessi più, che cosa me ne farei dei soldi?, pare abbia commentato).

In tutta la villa scrigno e in particolare negli spazi verdi, spiega Carolyn Christov-Bakargiev, emerge una sorta di volontà cosmologica di Cerruti, di campionatura della natura e delle sue molteplici tipologie e possibilità: dallhortus conclusus al giardino formale, passando per i sentieri che guidano al cimitero dei cani. Saranno finalmente visibili i molti mondi di cui Cerruti ha amato circondarsi, senza mai viverli pienamente. Aveva una cucina provenzale, mai utilizzata; collezionava vini, ma era astemio; nel giardino aveva un orto, un pollaio e una vasca per litticoltura, mai entrati in funzione. Il centro dei suoi interessi e della sua vita, quasi ascetica, è sempre stata larte, e solo larte. Ai massimi livelli.




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news