LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Design, lite su piazza Duomo
Federica Cavadini
Corriere della Sera - Milano 7/4/2019

Pesce: arte contro le violenze
Opera in difesa delle donne. Silenzio dalla Curia. Installazione ridotta dagli sponsor

Almeno il repertorio di insulti contro le donne che nel primo progetto doveva corredare lopera è stato eliminato. Ma la Maestà soffrente di Gaetano Pesce, che da ieri ha preso possesso di piazza Duomo, è riuscita comunque a far parlare di sé. Proprio come era nelle intenzioni dellartista. Un argomento troppo delicato per essere trattato così. Uninstallazione di dubbio gusto dicono i critici. Al sindaco Beppe Sala non dispiace affatto e lassessore Cristina Tajani ne sottolinea il forte contenuto sociale.

Per chi non è passato in centro negli ultimi due giorni: accanto al monumento equestre dedicato a Vittorio Emanuele II, è spuntata unenorme poltrona a forma di corpo di donna, trafitta da centinaia di frecce, attaccata da teste di belve e legata con una catena a una grossa palla. Per chi si intende di design: è chiaro lomaggio alla poltrona Up5&6 che Pesce ideò giusto 50 anni fa. Quello che i pannelli accanto allinstallazione spiegano è il messaggio di cui lartista ha caricato lopera. Una denuncia della violenza contro le donne, in tutte le sue forme. Lavoro a questa idea da settembre con la mia squadra, racconta Pesce, 79 anni, che oggi inaugurerà Maestà soffrente. Le prime critiche alla potenza della sua creazione e al contesto in cui è stata inserita non lo disturbano, anzi. Ho fortemente voluto che fosse nel cuore di Milano. È il posto migliore per far discutere le persone. Il problema delle donne non riguarda una minoranza, ma metà della popolazione mondiale. E a distanza di 50 anni dalla prima Up5&6, la condizione femminile, non è migliorata, anzi semmai è peggiorata, anche se il futuro di questo mondo in crisi è nelle energie delle donne.

La Maestà è un pugno allo stomaco del Fuorisalone, la grande festa che per una settimana abbraccia Milano. Il design in genere cura la bellezza astratta, i buoni materiali spiega ancora Pesce . Ma può avere anche una componente religiosa, politica o filosofica. Così fa un salto in avanti e diventa arte. I dettagli sono importanti. Le frecce trafiggono il corpo, un riferimento a San Sebastiano. Avevamo immaginato di appendervi cartellini con gli insulti che le donne ricevono, tradotti in varie lingue. Ma lo sponsor ci ha chiesto di toglierli, pena la perdita dei contributi.

Le teste di belva invece rappresentano gli uomini che si macchiano di violenze. Si poteva pensare a uninstallazione più piccola, che stridesse meno con lo sfondo di guglie, statue di santi e quella Madonnina che brilla? Quella piazza così grande e il Duomo possono far sparire qualsiasi cosa. Ho dovuto mantenere grandi dimensioni per non far scomparire lopera. E sono contento, so che già ora un sacco di gente va a vederla.

Allosservazione seguono i commenti. Non sempre positivi. Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza in Regione, coglie loccasione per riprendere le polemiche sulle aiuole esotiche di piazza Duomo. Le scelte estetiche di questa amministrazione danno adito a parecchi dubbi: prima le palme, poi i banani, ora gli ulivi, quanto meno più in tema con la Pasqua. La Milano capitale del design e dello stile avrebbe potuto offrire qualcosa di meglio. Voci contrarie si alzano anche dal mondo del design, con motivazioni differenti. Non mescolerei il sacro con il profano dice Gisella Borioli, fondatrice dello spazio Superstudio Più . Il tema della violenza contro le donne è delicato, troppo serio per essere messo in piazza. Da donna non lo farei diventare uno dei tanti momenti del Fuorisalone. Tra i favorevoli, invece, Gilda Bojardi, direttore della rivista Interni. Non lho ancora vista da vicino, ma se serve a parlare della situazione delle donne la trovo utile. Conosco le opere di Pesce, sono provocazioni sempre interessanti. Piazza Duomo? Non disturba e non la trovo una scelta eccessiva.

Lassessore Tajani, che si è occupata della chiamata agli artisti per il Fuorisalone, riconosce che si tratta di unopera provocatoria ma ricorda che già negli anni scorsi abbiamo accolto altre rivisitazioni della poltrona. Linstallazione contiene un messaggio di grande impegno, ci è sembrato un modo per dare un contenuto sociale a una settimana normalmente leggera. Il design diventa così strumento per far riflettere. Il critico Vittorio Sgarbi, che oggi parteciperà allinaugurazione, è netto: Il problema dellimpatto estetico non si pone. Linstallazione è temporanea, rimarrà per poco tempo. Trova lopera un grande riferimento alla forza della donna, mentre nelle città sono pochissimi i monumenti dedicati a personaggi femminili. Le polemiche? Suscitano interesse.

Silenzio, invece, dal Duomo. Né larciprete, né la Veneranda fabbrica, né la Curia commentano lo scenario del sagrato, sul quale nessuno è stato consultato. Ma ora la consegna è chiara: Non partecipare al gioco di chi ha cercato la provocazione.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news