LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, cultura. Ernesto Ferrero: Qui si è tirato a campare: troppe persone modeste e risultati inadeguati
Ilaria Dotta
Corriere della Sera - Torino 9/4/2019

Johann Wolfgang von Goethe diceva che stare fermi significa andare indietro. Ernesto Ferrero, scrittore, critico letterario e storico direttore del Salone del Libro, rispolvera le parole dellillustre tedesco per commentare la situazione di stallo della cultura torinese.

Ferrero, i numeri per il momento non fotografano un declino, ma dicono senza ombra di dubbio che la cultura in città ha smesso di crescere. In tempi di crisi come questi, dovremmo accontentarci?

Chi si accontenta è perduto. Da anni abbiamo imboccato la china di un declino malinconico, rassegnato. Una città come Torino, che è sempre stata una capofila, che ha inventato e innovato come nessun altra, adesso sta scivolando senza un sussulto verso la serie B. Nessun progetto, nessuna visione. Il confronto con Milano è mortificante.

E a fronte di questa situazione è già partito limmancabile gioco dello scaricabarile. In mezzo al rimpallo di responsabilità, tipico da campagna elettorale, contro chi si sentirebbe di puntare il dito? Quali sono state le colpe della politica?

Chi ha avuto responsabilità gestionali e amministrative, a ogni livello, ha tirato a campare alla giornata, in un mood neo-gozzaniano, neo-crepuscolare. È qui che il deficit culturale è diventato deficit civile e politico. Di cultura non se ne produce e non se ne consuma mai abbastanza, perché è lequivalente dellossigeno per il sangue. Serve a pensare in grande, partendo dalla consapevolezza che ti dà la conoscenza storica. Oggi invece ci siamo appiattiti su un presente senza storia e senza futuro. È, banalmente, una questione di uomini.

In che senso?

A persone modeste corrispondono gestioni inadeguate.

Si riferisce a chi governa e ha governato la nostra città e il Piemonte negli ultimi anni?

È un problema non solo locale, ma nazionale, e anzi globale. E poi mettiamoci anche un po del masochismo piemontese, per cui, ad esempio, invece di essere fieri di quella straordinaria impresa che è stata il Salone del Libro ci si crogiola nella falsa narrazione autolesionistica che ne ha fatto un covo di malaffare. Dove invece, lo ripeto ancora una volta, le vere responsabilità sono delle istituzioni.

Ormai sempre più spesso si giudica un evento culturale soprattutto sulla base delle sue ricadute turistiche. Non sembra certo essere un caso il fatto che a Torino il turismo rientri tra le deleghe dellassessore al Commercio e non di quello alla Cultura. Cosa ne pensa?

Le ricadute turistiche sono importanti, ma non bastano. Nel conto va messa anche la crescita, la manutenzione dellintera società e soprattutto la formazione dei giovani, che quando ricevono i giusti stimoli rispondono alla grande. Ma mi rendo conto che questo non interessa a chi guarda esclusivamente alle scadenze elettorali. Eppure a Torino cè un pubblico straordinario, preparato e reattivo, che merita di essere servito meglio, a tutti i livelli.

Quindi non è daccordo con chi, come lassessora regionale alla Cultura Antonella Parigi, dice che ormai si vendono bene solo i tartufi, il barolo e limmagine di Cristiano Ronaldo?

La grande cultura vende benissimo, almeno quanto il cibo, il vino e lo sport, con cui può e deve convivere.

Negli ultimi tempi, però, si è puntato tanto sullenogastronomia, molto meno sulla costruzione di grandi eventi. Non ci sono più le grandi mostre, i concerti delle star come Madonna e gli U2 sono solo un ricordo. E pure manifestazioni come il Salone del Libro non se la passano bene. Quanto pesa la mancanza di strutture adatte ad ospitare questo tipo di eventi?

Gli spazi si trovano. Quello che manca sono i creativi. Una nuova classe dirigente degna di questo nome.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news