LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Anfiteatri, passerelle e giochi dacqua. Ecco lArno di Rogers, 36 anni dopo
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 9/4/2019

Le carte originali del progetto rilanciato dal sindaco: rendere pedonabili le sponde da Varlungo allIndiano

LArno è una stanza senza tetto, dove è impossibile entrare, che si trova nel mezzo della città, ma nella quale non ci si può incontrare. Per capire quale potrebbe essere il futuro del nostro fiume, forse bisogna ripartire proprio dal motivo che ha generato il progetto che il sindaco Dario Nardella vuole recuperare dal passato per farlo tornare vivibile, percorribile, utilizzabile. A parlare di quellArno inaccessibile era Richard Rogers, larchitetto a cui la giunta del tempo affidò il progetto assieme al collega Claudio Cantella. Sindaco era il comunista Elio Gabbuggiani, lassessore che promosse lidea il socialista Ottaviano Colzi.

Erano passati diciassette anni dallalluvione, restava la vera frattura tra la città e lArno, prima molto più praticato e vissuto. Dopo lalluvione del 66, tra la tragedia, linquinamento ed i danni, il fiume divenne off-limits. Per recuperare questo gap, per abbattere questo muro, lidea di Rogers e Cantella era proprio quella di abbattere qualche muro, o meglio qualche spalletta.

Dai solo 4 passaggi verso le rive di allora, che consentivano di arrivare ad alcuni luoghi praticabili lungo il fiume, volevano passare a sette. Ma soprattutto, attrezzare tutte le discese facendole diventare aree attrezzate, con interventi a volte strutturali e fissi, molte altre volte removibili. Nello studio rimasto da allora in poi nei cassetti di Palazzo Vecchio e rilanciato da Nardella nel forum di sabato scorso con il Corriere Fiorentino , si vede come il fulcro del progetto, che faceva nascere un percorso ciclo-pedonale dallIndiano a Varlungo sui entrambe le sponde (tranne sotto Ponte Vecchio), fosse quello tra la pescaia di San Niccolò e il ponte da Verrazzano.

È in questo tratto che si è concentrata la verve creativa dei due architetti. Qui doveva nascere una delle due passerelle removibili tra le due sponde (laltra sarebbe a Santa Rosa). Sul lato di San Niccolò, sotto le rampe del Poggi, si usava la zona delle vecchie macchine dellacqua per creare una vera e propria nuova piazza. Da qui, scendendo, si sarebbero potute noleggiare anche le barche.

È però passando a piedi o in bici sulla passerella removibile, dallaltro lato dellArno, che si sarebbe arrivati ad una sorta di cittadella sul fiume. Arrivati sullaltra sponda, ecco una gradinata circolare (ottima per un concerto suonato da una barca o un pontile). Poi, giardini ed un altro molo di barche. Il giardino, già presente, sarebbe diventato uno spazio per attività culturali, con davanti una piattaforma sul fiume. Ancora: superato il ponte San Niccolò, con un percorso sotto ai piloni, si sarebbe giunti ad un nuovo parco con un anfiteatro che doveva sfondare, in parte, sul fiume, con davanti fontane e giochi dacqua, fontane. Il leitmotiv di tutto il progetto prevedeva gradoni, sotto alle spallette (in qualche caso, con cavità nei muri) su cui poggiare ombrelloni e vele (per il caldo estivo). Tutto rimovibile, ovviamente, perché quando lArno diventa il torrente che è si riempie ed è potente: ma Rogers e Cantella avevano anche calcolato i giorni medi praticabili sotto la quota prevista delle gradinate: oltre 300, di media, allora. Almeno otto mesi lanno, ricordava in un articolo dellepoca lingegner Enrico Bougluex, collaboratore del progetto. Non una parola sui costi, però. Oggi, per realizzarlo, Nardella conta di accedere ai fondi europei.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news