LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. I vasi maiolicati restano agli Incurabili. In mostra nellala estranea ai crolli
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 10/4/2019

Lite tra Comune e Regione sulle responsabilità
Il sindaco: politica sanitaria disastrosa per la città
Bonavitacola: sottoservizi e controlli di sua competenza
Stamane il sit-in dei comitati

Napoli. I vasi maiolicati della storica farmacia degli Incurabili non lasceranno il complesso dellospedale monumentale e verranno trasferiti nellala C. Unarea totalmente sicura in cui saranno valorizzati in una sede temporanea di grande valore storico. Insomma continueranno a rimanere in mostra e non chiusi in un deposito.

Era ciò che chiedeva Gennaro Rispoli, direttore del Museo delle Arti sanitarie, ed è ciò che hanno approvato ieri mattina durante una riunione Ciro Verdoliva, commissario straordinario della Asl Napoli 1, e il soprintendente Luciano Garella. Alla decisione si è arrivati considerando i rischi per la conservazione nei luoghi in ragione del grave dissesto in atto. Garella ha condiviso lidea di non allontanare i beni artistici dalla matrice architettonica dei luoghi, che rappresentano lunicum straordinario che racconta la storia della carità, della beneficenza e la cultura e la storia sanitaria e pertanto sociale della città di Napoli.

Domani Garella effettuerà un nuovo sopralluogo nella farmacia per valutare le operazioni di trasferimento. Che riguarderanno anche i tanti quadri salvati nei secoli dagli Incurabili e provenienti dalle chiese a rischio furto. Un patrimonio artistico immenso e unico al mondo che in qualche modo si è auto-conservato grazie allimpegno dei volontari che hanno creato il museo delle Arti sanitarie.

Ma cosa accadrà ora della Farmacia? Anche le scaffalature settecentesche e gli stucchi che sulle pareti laterali raffigurano due uteri, quello di una fanciulla e di una donna che ha partorito, sono preziosi. La speranza - spiega Rispoli - è che si puntelli al più presto. Il legno è antico e non si può smontare. Però vorrei sottolineare che tutte le opere darte degli Incurabili saranno fruibili. I vasi verranno messi in mostra in un ambiente e con un allestimento adeguato, così le altre opere darte. La speranza è che la Farmacia torni presto visitabile.

Domani incontrerà i direttori dei musei? Sì, stiamo creando una rete per sostenere gli interventi economici a sostegno del patrimonio artistico. Il Mann e Capodimonte ci daranno una mano con una giornata dedicata agli Incurabili, si sta studiando in che modo fare. Ma anche tante altre associazioni, compreso lOrdine dei Farmacisti. Ci rimbocchiamo le maniche e andremo avanti.

Il paradosso di questi ultimi mesi è che la situazione agli Incurabili, come mai nella storia dellospedale, era monitorata e sotto la piena attenzioni di tutti. Eppure cè stato il crollo. Questo perché ancora non si è capito quale sia la causa. Di certo è che sotto il complesso ci sono grandi cavità tufacee e addirittura la leggendaria piscina dei cadaveri, dove venivano gettati i morti della città fino alla costruzione del cimitero delle 366 fosse (1762) perché il fetore che proveniva da Caponapoli era insopportabile.

Gli incurabili sono di proprietà dellAsl, la Soprintendenza vigila sulla parte monumentale e artistica ma hanno anche la tutela dellUnesco che dovrebbe essere assicurata da unapposita commissione del Comune, istituita nel 2013.

Situazione complessa che ha dato il via allo scaricabarile sulle responsabilità. Il primo ad attaccare è stato il sindaco de Magistris: Sono molto preoccupato e arrabbiato, perché la politica di impoverimento della sanità pubblica nel centro storico di Napoli messa in campo dalla Regione Campania negli ultimi anni sta producendo effetti catastrofici non solo sul diritto alla salute dei cittadini, ma anche sul patrimonio artistico, monumentale e culturale come la Farmacia degli Incurabili che è un gioiello della nostra città. Serve una mobilitazione civile, culturale, politica e istituzionale per difendere i nostri tesori e contrastare una politica sanitaria completamente fallimentare. Hanno ottenuto poteri speciali, commissariamenti e denari e stanno distruggendo giorno dopo giorno i presidi di salute pubblica della nostra città.

Contemporaneamente il governatore de Luca tuonava su Radio Crc: Qui a Napoli qualche farabutto ha lo stomaco di fare sciacallaggio anche su edifici del 500. Tra poco lo faranno anche su edifici preistorici. Nel mirino soprattutto il Movimento 5 Stelle, che da mesi ha scatenato una campagna di aggressione sul tema della sanità tendente a screditare Napoli e la Campania. Nel nostro piano per ledilizia sanitaria - ha aggiunto De Luca - abbiamo destinato 17 milioni agli Incurabili. Non bastano ma, intanto, il governo non fa assolutamente niente e non approva quel piano che è stato portato a Roma un anno fa.

A de Magistris risponde in serata Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della Regione: Il farneticante scaricabarile del sindaco di Napoli sulla vicenda dellOspedale Incurabili lascia davvero sconcertati. E poi attacca: È noto il clamore che ha accompagnato lo sgombero per ragioni di sicurezza dellOspedale più antico di Napoli. Gli accertamenti in corso chiariranno se le cause dei cedimenti riguardano la recente rimozione di un muro nel garage sottostante la cappella oppure criticità conseguenti ad infiltrazioni di acque non correttamente regimentate. Entrambe le ipotesi, vigilanza edilizia e regime delle acque meteoriche, chiamano in causa esclusive competenze comunali. Stando alle leggi vigenti. Stando alle leggi di de Magistris la colpa, a prescindere, è della Regione.

E i cittadini? Si mobilitano per un sit-in davanti allospedale. Chiama tutti a raccolta Identità insorgenti assieme al Comitato Portosalvo. Lappuntamento è per stamattina dalle 10 alle 13.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news