LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Per Incurabili e Girolamini tavolo del Mibac
Espedito Vitolo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 11/4/2019

I casi Girolamini e Incurabili finiscono sul tavolo del ministero per i Beni e le attività culturali. Il direttore generale Gino Famiglietti ha convocato per il 15 aprile una riunione a Roma con i responsabili dei beni culturali a Napoli tra cui il soprintendente Garella e Maria Utili, segretario generale in Campania del Mibac.

Gli sfollati degli Incurabili: cacciati dagli alberghi.
Il Mibac apre un tavolo su ospedale e Girolamini

Barricate davanti al sito: non vogliono napoletani. Il 15 vertice a Roma sul progetto contestato della biblioteca

Napoli. Dentro i tecnici a valutare crepe e lesioni, fuori due manifestazioni. Al centro il complesso monumentale degli Incurabili a rischio crollo. Da una parte associazioni e comitati con un sit in per salvare il sito cinquecentesco e le opere darte che contiene. Dallaltra gli sfollati, quelle ventuno famiglie che allimprovviso si sono trovate senza casa.

Tra i protagonisti del sit-in il Comitato Portosalvo con Antonio Pariante: Considerata lassoluta incapacità dei nostri amministratori di tutelare il nostro patrimonio storico, artistico e monumentale proponiamo di candidare la sola Farmacia degli Incurabili al Word Monument Fund di New York per evitarne la distruzione. Già nel pomeriggio lincontro con altre associazioni per formalizzare la richiesta. Visto il continuo rimpallo di responsabilità tra il Comune e la Regione - ha spiegato Lucilla Parlato di Identità Insorgenti - chiediamo al Governo e al ministro Bonisoli di intervenire al più presto per salvare gli Incurabili.

E gli sfollati? Da quando sono stati messi fuori casa per il rischio crollo non hanno trovato alberghi che li accogliessero nonostante la retta pagata dallAsl. Anzi uno solo, a SantAnastasia. Un albergo del centro ci ha detto che non accetta napoletani. E se questo non è razzismo....

La denuncia arriva anche dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Borrelli: LAsl si è offerta di pagare il soggiorno agli sfollati presso strutture alberghiere, ma attualmente sono ospiti in hotel a SantAnastasia. Alcuni di essi denunciano addirittura di essere stati respinti da una nuova struttura in via Settembrini, sentendosi dire: Non accettiamo napoletani. Dunque, napoletani razzisti contro altri napoletani, una situazione indecente e vergognosa. Marco Capone, uno degli sfollati, aggiunge: La vicenda dellalbergo che ci ha respinti perché napoletani è una ferita nella ferita. Siamo stati buttati fuori da chi doveva comprenderci, ora mi sento straniero in casa mia. Spero che lAsl intervenga per punire duramente quella struttura. Abbiamo fatto richiesta anche alla segreteria della Curia di Napoli per essere accolti in chiese o conventi della zona ma per ora non ci hanno risposto positivamente.

Con gli sfollati ha parlato il commissario Verdoliva che sta seguendo la vicenda e ha chiesto al prefetto e al Comune di intervenire per trovare insieme una soluzione.

Altro fronte è quello dellintervento strutturale per salvare il complesso di Santa Maria del Popolo degli Incurabili. La Regione - spiega una nota dellAsl - sta infatti provvedendo con celerità a convocare un incontro finalizzato ad individuare fonti di finanziamento necessarie a sostenere un progetto di restauro. Il tutto nel rispetto non solo del volere della fondatrice Maria Laurenzia Longo che voleva che il complesso fosse un luogo di cura per i malati incurabili ma anche della pianificazione regionale in materia di programmazione sanitaria.

Ieri pomeriggio in visita agli Incurabili il sottosegretario del Mibac Lucia Borgonzoni accompagnata da Verdoliva e dal soprintendente Luciano Garella. Uninviata del Mibac per capire in che modo il complesso monumentale sia danneggiato e quali sono gli interventi per salvarlo.

Non a caso in serata il ministero dei Beni culturali ha annunciato che aprirà un tavolo sui casi Girolamini e Incurabili. Il direttore generale Gino Famiglietti ha infatti convocato per il 15 aprile una riunione a Roma con alcuni dei responsabili dei beni culturali a Napoli tra cui il soprintendente Luciano Garella e Maria Utili, segretario generale in Campania del Mibac. Per i Girolamini, si apprende, sarà affrontato il progetto di lavori che rischia di tenere chiuso il complesso monumentale per tre anni, idea che era stata bocciata nei giorni scorsi dal ministro Alberto Bonisoli nel corso di una visita a Napoli. Nella riunione sarà affrontata anche lemergenza legata al crollo avvenuto nel Complesso Monumentale degli Incurabili.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news