LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Liguria, la Regione cancella 540 ettari di parco e 42 aree protette: Così si ripopola entroterra. M5s: Favore agli speculatori
Paolo Frosina
Il Fatto Quotidiano 14/4/2019

Il provvedimento voluto dallassessore ai Parchi, il leghista Stefano Mai, ridimensiona il territorio dei tre più estesi parchi naturali liguri e revoca la classificazione di area protetta a 22mila ettari di territorio nel Savonese. La giunta: Le aree vincolate non siano un limite ma un volano per il turismo. Le opposizioni insorgono: "È una legge sfascia-parchi". Le associazioni: Interessi privati non prevalgano su beni comuni.

La Liguria che vogliamo guarda allambiente. Così scriveva su Facebook il governatore Giovanni Toti il 15 marzo, salutando i giovani genovesi scesi in strada per i Fridays for future sotto il suo ufficio in piazza De Ferrari. Peccato che lassessore ai Parchi e alla Biodiversità della sua giunta, il leghista Stefano Mai, avesse già da mesi presentato un disegno di legge con lintenzione di ridurre di 540 ettari il territorio dei più grandi parchi naturali regionali, il parco delle Alpi liguri, quello dellAveto e quello dellAntola. Non solo: la legge approvata dallAssemblea regionale lunedì 9 aprile revoca la classificazione di area protetta a 42 territori nel Savonese, per un totale di oltre 22mila ettari, e scrive la parola fine sul progetto ormai decennale di realizzare un altro parco, quello del Finalese, rimasto lettera morta dal 1995 quando fu approvata la legge che lo istituiva. Furiose le opposizioni che per ben quattro sedute sono riuscite con lostruzionismo a far rimandare il voto e le associazioni ambientaliste, tra cui proprio i ragazzi di Fridays for Future che Toti elogiava sui social.

Sulle barricate cè soprattutto il Movimento 5 Stelle, che, pur essendo alleato della Lega a livello nazionale, in Liguria ha la lotta al cemento tra i suoi storici cavalli di battaglia. Questa legge è unenorme favore della giunta alla lobby dei cacciatori e agli speculatori edilizi, dice a Ilfattoquotidiano.it il consigliere regionale Marco De Ferrari, che ha coniato il soprannome, poi ripreso dai media, di legge sfascia-parchi. Peraltro aggiunge la Liguria si muove in controtendenza con il resto dItalia, dove si valorizzano le aree protette e il ministro dellAmbiente parla addirittura di Paese-parco. E dure critiche arrivano anche da esponenti di governo pentastellati, che attaccano indirettamente lalleato leghista: La scelta della Giunta Toti di riperimetrare al ribasso i tre più grandi parchi liguri è devastante per tutto il territorio, dichiara in una nota il savonese Simone Valente, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Altrettanto inspiegabili e dannosi prosegue sono labbandono del progetto del Parco finalese, la cancellazione di 42 aree protette nella provincia di Savona e il rifiuto di ricomprendere il comune di Urbe nel Parco del Beigua. Come facciano a sostenere che così si rilanciano e valorizzano le aree protette resta un mistero. Per il momento le uniche cose che verranno rilanciate sono la caccia e la speculazione edilizia, su un territorio fragile e complesso come quello ligure. Il M5S non si arrende: fermeremo questo abominio, rilancia su Twitter il genovese Sergio Battelli, presidente della Commissione per le politiche Ue a Montecitorio.

Il provvedimento cancella inoltre vasti tratti di area contigua una sorta di zona-cuscinetto tra i terreni vincolati e quelli a edificazione libera con il risultato che gli ettari sottratti ai parchi diventano edificabili al pari di qualunque altro terreno, oltre che a disposizione dei cacciatori. La maggioranza, peraltro, non nasconde che lo scopo delliniziativa sia quello di incoraggiare nuove costruzioni, come antidoto alla fuga degli abitanti dallentroterra: Cè chi tutela la biodiversità seduto sul divano di casa, noi preferiamo favorire la presenza delluomo nelle zone spopolate, ha detto in dichiarazione di voto il consigliere di Forza Italia Angelo Vaccarezza, ex presidente della provincia di Savona.

Per lassessore Mai le nuove norme serviranno a rilanciare il sistema dei parchi e migliorare la gestione delle aree protette, che non devono più essere percepite come restrizioni ma come un volano turistico. Daltra parte, che lo sviluppo edilizio fosse una priorità per la sua giunta Toti laveva chiarito fin dallinsediamento. Come primo atto politico di peso, lex consigliere politico di Silvio Berlusconi aveva varato il Piano casa, un provvedimento che permetteva laumento delle cubature in tutti e dieci i parchi naturali regionali, da Portofino alle Cinque terre, accompagnato dallaffermazione che le aree protette in Liguria fossero troppe, e non tutte degne di tutela.

Le associazioni ambientaliste intervenute in Consiglio regionale Legambiente, WWF, Club alpino italiano, Italia Nostra, Fridays for future hanno ottenuto soltanto limpegno della giunta a convocare periodicamente un tavolo tecnico per la gestione delle aree protette. Chiediamo ai cittadini e in particolare ai giovani, che hanno dimostrato di avere a cuore la salvaguardia dellambiente, di far sentire la propria voce scrive su Facebook Ermete Bogetti, presidente di Italia Nostra Genova per far comprendere ai politici che è necessaria ora non domani uninversione di tendenza da parte di certe amministrazioni talmente sensibili agli interessi privati da sacrificare gli ultimi beni comuni.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/14/liguria-la-regione-cancella-540-ettari-di-parco-e-42-aree-protette-cosi-si-ripopola-entroterra-m5s-favore-agli-speculatori/5103811/


news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news