LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Liguria, la Regione cancella 540 ettari di parco e 42 aree protette: Così si ripopola entroterra. M5s: Favore agli speculatori
Paolo Frosina
Il Fatto Quotidiano 14/4/2019

Il provvedimento voluto dallassessore ai Parchi, il leghista Stefano Mai, ridimensiona il territorio dei tre più estesi parchi naturali liguri e revoca la classificazione di area protetta a 22mila ettari di territorio nel Savonese. La giunta: Le aree vincolate non siano un limite ma un volano per il turismo. Le opposizioni insorgono: "È una legge sfascia-parchi". Le associazioni: Interessi privati non prevalgano su beni comuni.

La Liguria che vogliamo guarda allambiente. Così scriveva su Facebook il governatore Giovanni Toti il 15 marzo, salutando i giovani genovesi scesi in strada per i Fridays for future sotto il suo ufficio in piazza De Ferrari. Peccato che lassessore ai Parchi e alla Biodiversità della sua giunta, il leghista Stefano Mai, avesse già da mesi presentato un disegno di legge con lintenzione di ridurre di 540 ettari il territorio dei più grandi parchi naturali regionali, il parco delle Alpi liguri, quello dellAveto e quello dellAntola. Non solo: la legge approvata dallAssemblea regionale lunedì 9 aprile revoca la classificazione di area protetta a 42 territori nel Savonese, per un totale di oltre 22mila ettari, e scrive la parola fine sul progetto ormai decennale di realizzare un altro parco, quello del Finalese, rimasto lettera morta dal 1995 quando fu approvata la legge che lo istituiva. Furiose le opposizioni che per ben quattro sedute sono riuscite con lostruzionismo a far rimandare il voto e le associazioni ambientaliste, tra cui proprio i ragazzi di Fridays for Future che Toti elogiava sui social.

Sulle barricate cè soprattutto il Movimento 5 Stelle, che, pur essendo alleato della Lega a livello nazionale, in Liguria ha la lotta al cemento tra i suoi storici cavalli di battaglia. Questa legge è unenorme favore della giunta alla lobby dei cacciatori e agli speculatori edilizi, dice a Ilfattoquotidiano.it il consigliere regionale Marco De Ferrari, che ha coniato il soprannome, poi ripreso dai media, di legge sfascia-parchi. Peraltro aggiunge la Liguria si muove in controtendenza con il resto dItalia, dove si valorizzano le aree protette e il ministro dellAmbiente parla addirittura di Paese-parco. E dure critiche arrivano anche da esponenti di governo pentastellati, che attaccano indirettamente lalleato leghista: La scelta della Giunta Toti di riperimetrare al ribasso i tre più grandi parchi liguri è devastante per tutto il territorio, dichiara in una nota il savonese Simone Valente, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Altrettanto inspiegabili e dannosi prosegue sono labbandono del progetto del Parco finalese, la cancellazione di 42 aree protette nella provincia di Savona e il rifiuto di ricomprendere il comune di Urbe nel Parco del Beigua. Come facciano a sostenere che così si rilanciano e valorizzano le aree protette resta un mistero. Per il momento le uniche cose che verranno rilanciate sono la caccia e la speculazione edilizia, su un territorio fragile e complesso come quello ligure. Il M5S non si arrende: fermeremo questo abominio, rilancia su Twitter il genovese Sergio Battelli, presidente della Commissione per le politiche Ue a Montecitorio.

Il provvedimento cancella inoltre vasti tratti di area contigua una sorta di zona-cuscinetto tra i terreni vincolati e quelli a edificazione libera con il risultato che gli ettari sottratti ai parchi diventano edificabili al pari di qualunque altro terreno, oltre che a disposizione dei cacciatori. La maggioranza, peraltro, non nasconde che lo scopo delliniziativa sia quello di incoraggiare nuove costruzioni, come antidoto alla fuga degli abitanti dallentroterra: Cè chi tutela la biodiversità seduto sul divano di casa, noi preferiamo favorire la presenza delluomo nelle zone spopolate, ha detto in dichiarazione di voto il consigliere di Forza Italia Angelo Vaccarezza, ex presidente della provincia di Savona.

Per lassessore Mai le nuove norme serviranno a rilanciare il sistema dei parchi e migliorare la gestione delle aree protette, che non devono più essere percepite come restrizioni ma come un volano turistico. Daltra parte, che lo sviluppo edilizio fosse una priorità per la sua giunta Toti laveva chiarito fin dallinsediamento. Come primo atto politico di peso, lex consigliere politico di Silvio Berlusconi aveva varato il Piano casa, un provvedimento che permetteva laumento delle cubature in tutti e dieci i parchi naturali regionali, da Portofino alle Cinque terre, accompagnato dallaffermazione che le aree protette in Liguria fossero troppe, e non tutte degne di tutela.

Le associazioni ambientaliste intervenute in Consiglio regionale Legambiente, WWF, Club alpino italiano, Italia Nostra, Fridays for future hanno ottenuto soltanto limpegno della giunta a convocare periodicamente un tavolo tecnico per la gestione delle aree protette. Chiediamo ai cittadini e in particolare ai giovani, che hanno dimostrato di avere a cuore la salvaguardia dellambiente, di far sentire la propria voce scrive su Facebook Ermete Bogetti, presidente di Italia Nostra Genova per far comprendere ai politici che è necessaria ora non domani uninversione di tendenza da parte di certe amministrazioni talmente sensibili agli interessi privati da sacrificare gli ultimi beni comuni.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/14/liguria-la-regione-cancella-540-ettari-di-parco-e-42-aree-protette-cosi-si-ripopola-entroterra-m5s-favore-agli-speculatori/5103811/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news