LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Incendio Notre-Dame, il protocollo per il Duomo di Milano: "Qui tanto marmo, ma attenzione all'Organo in legno"
Oriana Liso
La Repubblica - Milano 16/4/2019

Davanti alle immagini di Notre-Dame in fiamme il pensiero è andato subito al patrimonio artistico e religioso italiano. Al Duomo di Milano, in particolare, per la presenza delle guglie, certo, ma anche perchè è uno dei monumenti più iconici e conosciuti al mondo. "E se accadesse al Duomo?", si sono chiesti in tanti. Francesco Canali, direttore dei cantieri della Veneranda Fabbrica del Duomo, spiega: "Le differenze tra le due cattedrali? Ce ne sono tantissime e nessuna". La differenza principale sta nei materiali: "Notre-Dame ha una quantità di legno che è l'equivalente di 21 ettari di bosco, legno anche molto stagionato, visto che in parte era ancora quello originale della costruzione". Il Duomo di Milano è diverso: "Tutte le strutture sono in marmo, laterizi e anche le coperture a volta sono in muratura".

Ma il legno, anche nella costruzione del Duomo - iniziata nel 1386 -, non manca, "abbiamo contemperato la possibilità di incendi, visto che il Coro, l'Organo, la Sacrestia con i quadroni di San Carlo e della Croce sono in legno. Per questo in tutte le zone a rischio abbiamo impianti di rilevazione automatica dell'incendio - gli ultimi sono stati realizzati due anni fa - e nelle zone più critiche, dove ci sono i quadri elettrici, anche un impianto di spegnimento automatico, con sistemi differenziati a seconda delle zone, quindi con acqua dove c'è presenza di persone o con Co2 in altre". Se, quindi, dovesse esserci una emergenza, scatterebbe un protocollo preciso: "I dispositivi di segnalamento sono collegati a un computer e a un allarme che arriva al capo-cantiere. Di giorno la Veneranda Fabbrica ha sempre circa 50 operai in cantiere, una parte sono addestrati a gestire le emergenze e con il Comando dei Vigili del Fuoco stiamo perfezionando l'interazione tra le due squadre, la loro e la nostra". E se accadesse di notte? "La procedura resta condivisa, anche se è probabile che i primi a intervenire sarebbero comunque i vigili del fuoco".

La tragedia di Notre-Dame, però, apre anche un'altra serie di riflessioni, come spiega l'ingegner Canali, "e qui spiego perché alla fine, anche se fatti in materiali diversi, da questi edifici non c'è differenza: perché la caratteristica che hanno è quella di avere tutti bisogno di continue cure. Il marmo e la pietra, per esempio, hanno un peso maggiore del legno, e questo comporta molta attenzione nella gestione della sicurezza per gli eventi sismici". Aggiunge il direttore dei cantieri della Veneranda: "Sono edifici concepiti per attraversare i secoli, ma o hanno le cure necessarie continue, o si rischia l'irreparabile". La Veneranda Fabbrica ha un consiglio laico, "a servizio della città e dei fedeli: per questo in momenti come quello che stiamo vivendo bisogna ricordarsi quanto sua prioritario continuare a investire nella manutenzione delle nostre opere. I milanesi hanno sempre contribuito tanto, ma serve il sostegno di tutti, pubblico e privati".

Dell'incendio di Notre-Dame ha parlato anche l'arcivescovo Mario Delpini: "Una ferita comune per tutta l'Europa, sto pensando come esprimere la solidarietà alla chiesa francese e alla città di Parigi, perché un simbolo che brucia è un lutto per tutti", ha detto.

https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/04/16/news/notre-dame_parigi_duomo_milano_veneranda_fabbrica_sicurezza-224162026/


news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news