LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Genova. Palazzo Spinola senza custodi, museo chiuso nelle feste
MICHELA BOMPANI
Repubblica-Genova, 19/04/2019

La pianta organica ne prevede 85, ma in servizio sono rimasti in 53. Elisabetta Piccioni, direttore a interim: Situazione sempre più critica



A Pasqua e Pasquetta, la galleria nazionale di Palazzo Spinola rimarrà chiusa per mancanza di personale. Nell'intero complesso Palazzo Reale-Palazzo Spinola, i due musei nazionali di Genova, ovvero direttamente dipendenti dal Ministero dei Beni culturali, mancano 32 custodi. La pianta organica ne chiederebbe 85, ma anno dopo anno il turn over ha ridotto il personale addetto alla vigilanza a 53 unità, di cui diverse beneficiano della legge 104. Insomma manca il 40% dei custodi per far funzionare normalmente il museo. E, a leggere tutta la pianta organica del complesso museale, le cose non sembrano andar meglio: su un totale di 117 unità previste, ne sono rimaste in servizio 69: quasi la metà.
Nelle scorse ore si è svolto l'ennesimo, teso, vertice tra Elisabetta Piccioni, segretario regionale Ministero per i Beni Cultura, direttore ad interim di Palazzo Reale e Palazzo Spinola e del Polo museale della Liguria e i sindacati dei lavoratori proprio per organizzare i turni di lavoro per questi ponti di primavera, Pasqua e 25 aprile, che porteranno in città turisti e visitatori nelle sale, che potrebbero andare in crisi.

"La situazione è critica, non possiamo più stabilire un orario fisso, più volte in un mese dobbiamo cambiarlo proprio perché non c'è personale sufficiente per garantire l'apertura o l'apertura completa - spiega Piccioni - dobbiamo spesso "trasferire" lavoratori da Palazzo Spinola a Palazzo Reale, o viceversa, per consentire comunque aperture o la sola vigilanza, come accadrà a Pasqua e Pasquetta". Infatti, paradossalmente, a Palazzo Spinola ci saranno, nei giorni pasquali, tre custodi, ma sono il numero indispensabile per garantirne la sicurezza, insufficienti per consentirne l'apertura, come spiega la segretaria regionale del Mibac.

"Non avevamo neppure un numero di custodi sufficienti per garantire la sicurezza - ammette Piccioni - e abbiamo dovuto fare ricorso, come spesso accade, a un'azienda di vigilanza privata", e tutto questo per garantire il museo, nonostante sia chiuso. Non solo i custodi non sono sufficienti e lavorano in condizioni di stress, non solo la direttrice impiega moltissimo tempo ad architettare l'organizzazione del lavoro, ma pure i turisti si trovano spesso davanti alla portone di legno, poiché neppure Palazzo Reale non è in grado di aprire tutte le sue sale, lasciando dunque insoddisfatti i visitatori. "Palazzo Reale è diventato un museo a geometria variabile - spiega Piccioni - con tre custodi garantiamo l'accesso al solo Appartamento del Principe, con quattro custodi in servizio apriamo anche il Museo, con cinque addetti alla vigilanza, poi, apriamo anche la visita alle mostre temporanee. Non sempre possiamo assicurare tutta l'offerta, capita spesso che dobbiamo ridimensionarla, e sono sempre di più i visitatori che arrivano qui per visitare la nota Galleria degli Specchi, e invece non è possibile, perché quel giorno l'abbiamo dovuta tenere chiusa, per mancanza di personale".

Del resto il problema dell'organico, cui si dovrebbe occupare il Ministero dei Beni culturali è annoso: "Sono entrato come direttore del Palazzo Reale nel 1992 e il primo problema che mi è stato posto è stato quello della carenza dei custodi - spiega Luca Leoncini, direttore delle collezioni di Palazzo Reale - i concorsi sono stati fatti, nel tempo, ma non sono stati sufficienti a sostenere il turn over e il reclutamento viene fatto direttamente dal ministero. Abbiamo le mani legate ma non riusciamo davvero ad assistere, pur cercando di ovviare in ogni modo, e con l'aiuto stesso dei lavoratori, o ricorrendo alle cooperative esterne, anche se questo rappresenta un costo diretto ulteriore per il museo, non c'è mai stata una mancanza così grave di personale, tanto da dover chiudere i musei". Anche per l'intero Polo museale ligure si ripresenta lo stesso problema, con aree davvero in sofferenza: in servizio c'è la metà dei custodi necessari. Sarebbero necessarie 69 persone, lavorano solo in 38. Così come è dimezzato il personale complessivo del Polo: previste 87 unità, sono operative solo 49.

https://genova.repubblica.it/cronaca/2019/04/19/news/palazzo_spinola_senza_custodi_museo_chiuso_nelle_feste-224396336/


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news