LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torlonia, revoca del sequestro
Fulvio Fiano
Corriere della Sera - Roma 20/4/2019

Il Tribunale civile ha revocato il sequestro del patrimonio da quasi due miliardi di euro, chiesto e ottenuto lo scorso novembre da Carlo Torlonia contro i fratelli Giulio, Paola e Francesca, dopo la sua esclusione dal testamento. Secondo i giudici non sussiste il rischio che il patrimonio vada disperso.

Cambio di scenario nella guerra tra gli eredi Torlonia. Il sequestro del patrimonio da quasi due miliardi di euro, chiesto e ottenuto lo scorso novembre dal primogenito Carlo contro i fratelli Giulio, Paola e Francesca, è stato ieri revocato dai giudici dellottava sezione del Tribunale civile perché non sussiste, a loro giudizio, il rischio che vada disperso.

La faida si è aperta nel dicembre 2017 alla morte del principe Alessandro ed è sfociata anche in una denuncia in procura. Carlo, che il padre meditava di far dichiarare indegno (agli atti ci sono diverse lettere in cui il principe chiedeva al primogenito conto dellodio feroce che nutri verso la tua famiglia e lo accusava di aver calpestato il nostro onore) viene escluso dal testamento (salva la quota di legittima) a favore dei suoi tre fratelli. E come esecutore delle volontà viene indicato Alexander Poma Murialdo, figlio di Paola. Partono così i ricorsi del figlio escluso, che ottiene inizialmente ragione. I giudici dispongono il sequestro cautelativo del Palazzo Torlonia di via della Conciliazione, del complesso immobiliare denominato Villa Torlonia, già Villa Albani, di Villa Delizia Carolina, dei terreni e della sconfinata collezione di statue e marmi (valore di questi ultimi almeno 600 milioni). Secondo Carlo Torlonia, assistito dallavvocatessa Adriana Boscagli, i beni sarebbero stati addirittura prossimi allalienazione. Una circostanza oggi smentita dal nuovo pronunciamento dei giudici.

Nelle loro motivazioni, il sequestro viene revocato sia per linsussistenza di presunte violazioni di diritto che per il ventilato rischio di danni irreparabili al patrimonio. Sul primo punto, così scrive il collegio presieduto da Eugenio Curatolo, accogliendo la tesi sostenuta tra gli altri dallavvocato Alessandro Turco, che assiste Giulio Torlonia (ricorrente assieme agli altri due fratelli) : Allo stato, la dedotta lesione della quota di legittima non è suffragata da sufficienti elementi di prova, apparendo, al contrario, difficilmente ravvisabile. Anzi, aggiungono i giudici, con il testamento sono state attribuite a Carlo Torlonia quote di beni in misura superiore alla quota di 1/6 spettante come legittima. E in ogni caso, se anche il sequestro venisse accolto, questi non sembrerebbe poter comportare una restituzione di beni ovvero una reintegrazione in natura dei propri diritti, essendo ben più probabile un mero conguaglio in denaro. Quanto alla conservazione dei beni nella loro interezza e valore sono una garanzia sufficiente, secondo la corte, linventario completo di quelli materiali e il provvedimento di sospensione su ogni fusione societaria già adottato dal tribunale.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news