LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Piano urbanistico, sì alla revisione
Marika Giovannini
Corriere del Trentino 21/4/2019

Il vicepresidente Tonina: «Ci sono le condizioni». Due le priorità: ambiente e identità

Il vicepresidente della Provincia Mario Tonina programma la revisione del Piano urbanistico provinciale con una visione «del Trentino dei prossimi venti o trent’anni». «Spero — ammette l’assessore all’urbanistica — di poter lasciare un segno anch’io». Tonina non rinnega il passato e fissa le parole chiave sulle quali concentrarsi: paesaggio, territorio e ambiente. Ma anche «identità del territorio di montagna».

TRENTO. L’impegno, in queste settimane, è concentrato sugli Stati generali della montagna e sugli incontri — già avviati — sul territorio. Ma Mario Tonina fa capire di avere lo sguardo proiettato in avanti. «Al Trentino dei prossimi 20-30 anni» disegna il tragitto temporale l’assessore provinciale all’urbanistica e ambiente, nonché vicepresidente della Provincia. Che si prepara a una revisione del Pup («Credo ci siano le condizioni» spiega) senza rinnegare il passato. Anzi: ribadendo la riflessione di pochi giorni fa all’assemblea dell’ordine degli architetti (durante il quale Tonina aveva citato i Piani di Kessler, Micheli, ma anche di Gilmozzi), l’assessore parte proprio da lontano per tratteggiare il quadro di un Trentino che, anche in futuro, dovrà trovare nell’ambiente e nella propria identità di terra di montagna le basi del proprio sviluppo.

Assessore Tonina, quindi nella pianificazione il Trentino, in passato, ha agito bene?

«È sotto gli occhi di tutti. Se il Trentino non avesse lavorato in un certo modo in passato sul fronte della pianificazione, della prevenzione e programmazione, la tempesta Vaia di fine ottobre avrebbe provocato danni incalcolabili. Dobbiamo ricordarci che la pioggia caduta a ottobre è stata maggiore di quella del 1966. E oggi, come allora, è necessario cogliere anche l’opportunità in queste calamità e agire di conseguenza. Anche perché, probabilmente, di eventi di questo tipo ne vedremo ancora: non a caso, stiamo lavorando con Roberto Barbiero (il responsabile dell’osservatorio trentino sul clima della Provincia, ndr ) per organizzare in autunno un convegno proprio sui cambiamenti climatici».

Ma cosa può fare l’urbanistica di fronte a eventi di questo tipo?

«Per rispondere torno ancora indietro ai precedenti Piani urbanistici. Il primo, quello di Kessler del 1967 ha gettato i presupposti per il governo del territorio. Il secondo, quello di Micheli del 1988, è stato elaborato dopo un’altra tragedia, quella di Stava. E poi c’è stato il Piano di Gilmozzi».

Con un processo che è arrivato al consumo zero di territorio. Ora come si va avanti?

«Investendo per migliorare nella programmazione e nella prevenzione. Questo cosa vuol dire? Vuol dire riconoscere quanto di positivo è stato fatto in passato e creare i presupposti per il futuro. Ricordo un episodio: a novembre, dopo la tempesta Vaia, il governatore del Veneto Luca Zaia aveva prospettato un “piano Marshall per la montagna”. Se Zaia ha detto una cosa del genere, vuol dire che si è reso conto che lavorare e pianificare bene in montagna garantisce anche la salvaguardia della pianura. Un concetto che noi conosciamo bene e che distingue il Trentino dal Veneto: da noi, a parte qualche situazione di difficoltà, non c’è quello spopolamento della montagna che caratterizza Veneto, ma anche Piemonte, Lombardia, Friuli. Un fenomeno che non è reversibile. Lo diceva bene Mario Rigoni Stern: quando anche l’ultimo montanaro avrà lasciato le Alpi, le ortiche invaderanno piazza San Marco. Sono d’accordo: proprio per questo abbiamo promosso gli Stati generali della montagna. È necessario trasmettere questa consapevolezza a chi ha responsabilità».

Su cosa dovrà poggiarsi la tutela del territorio di montagna però per evitare lo spopolamento?

«Gli elementi distintivi del territorio montano sono il paesaggio, il territorio, l’ambiente. È il nostro stesso passato a confermarcelo. E il futuro della montagna si basa sulla valorizzazione dei nostri tratti peculiari, degli elementi che gli altri territori non possono offrire: il nostro ambiente, in primo luogo. Nella ricerca di un equilibrio tra territorio, agricoltura, turismo e artigianato. E senza dimenticare un tassello molto importante: le nostre aree protette, con undici reti delle riserve, tre parchi naturali e le Dolomiti patrimonio dell’Unesco».

Temi di cui si parlerà durante gli Stati generali della montagna.

«Certo. I nodi sono molti: dai servizi sul territorio fino al problema della natalità, per cercare di invertire il trend. Un lavoro trasversale per quanto riguarda le competenze degli assessorati».

Sul problema della semplificazione esiste già un disegno di legge.

«Sì, l’intenzione è di approvarlo a maggio in consiglio provinciale. Del resto, quello della semplificazione burocratica e dello sviluppo era una delle sollecitazioni più pressanti che abbiamo raccolto già in campagna elettorale. Molti ci chiedevano di semplificare le procedure prima ancora che contributi o sostegni economici. Tornando agli Stati generali, al termine del percorso è evidente che la giunta dovrà darsi delle priorità sulla base dei risultati raggiunti, per proiettare il Trentino oltre questa legislatura».

Parlando di visioni di lungo periodo, pensa a una revisione del Piano urbanistico provinciale?

«Sono ancora all’inizio del mandato ma è chiaro che spero di poter lasciare anch’io un segno come i miei predecessori. Per questo sì: credo ci siano le condizioni per una revisione del Pup. Ma prima voglio effettuare una ricognizione della situazione, avvalendomi del contributo di esperti. Dovremo guardare al Trentino dei prossimi venti o trent’anni».

Dice che dovrà prima effettuare una ricognizione. Ma quali sono le parole chiave della sua revisione al Pup?

«Di sicuro non possiamo cercare di copiare la pianura: come ho detto prima, lo stesso Zaia si è reso conto che il processo è inverso. Credo che il termine giusto sul quale dobbiamo scommettere sia identità: dobbiamo valorizzare la nostra identità di territorio di montagna. Valorizzando anche la nostra storia: se oggi possiamo presentare un Trentino a questi livelli lo possiamo fare grazie a una storia di settant’anni di Autonomia e a una storia più che centenaria di Cooperazione».

Cooperazione che oggi vive però un momento di difficoltà.

«Mi auguro che risolvano a breve le criticità attuali. Ma rimane un dato di fatto: in alcuni paesini del Trentino l’unico luogo di aggregazione oggi è la Famiglia cooperativa. Tornando alla storia trentina, non possiamo dimenticare il passato di autogoverno: abbiamo le Asuc, la Magnifica comunità di Fiemme, le consortele, le regole».

Un’ultima domanda: nelle ultime settimane, sul tema dell’ambiente, si sono registrate delle visioni molto diverse tra lei e il suo collega Roberto Failoni. Si tratta di divergenze che potrebbero creare frizioni all’interno della giunta?

«No. Non ci sarà mai un problema di questo tipo. L’assessore al turismo, del resto, ha tutto l’interesse a trovare un equilibrio con l’ambiente».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news