LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nasce il biglietto Destinazione Venezia
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 23/4/2019

Ticket di accesso, accordo con Avm, Atvo, Arriva, Busitalia. Software con i dati di residenti e studenti


VENEZIA. Nasce il biglietto Destinazione Venezia. E la prima vera novità del contributo di accesso in attesa che Ca Farsetti chiuda gli accordi con lancioni, crociere e compagnie ferroviarie, mentre il software realizzato da Venis ormai è pronto con migliaia di dati che in tempo reale permetteranno di creare il codice necessario per non vedersi addebitato il sovraprezzo.

La misura ormai è stata definita nelle settimane scorse dallamministrazione con i vettori locali, che dovranno introdurre nella loro offerta commerciale i biglietti con Destinazione Venezia. Il nuovo ticket sarà così introdotto da Actv, Atvo, Arriva (che gestisce la tratta tra Chioggia e Venezia) e Busitalia. Poi la tariffa dipenderà da deroghe ed esenzioni che turisti o visitatori dovranno dimostrare per avere la spesa di sempre. Forse è più facile di quanto potrebbe sembrare, perché a un prima impressione, almeno nei primi mesi, non mancheranno le difficoltà dei rivenditori. Ma Venezia sta varando una mega campagna pubblicitaria per informare tutti dellintroduzione, dal primo giorno di settembre, del contributo di accesso. Fino alla fine dellanno sarà unico di tre euro per agevolare turisti, vettori e operatori, poi dopo un primo periodo sperimentale (che potrebbe anche sfociare nel 2020) entrerà a regime. La delibera approvata dalla giunta prevede infatti che la misura del contributo dal prossimo anno sia di sei euro, salvo per tre tipologie di giornate in cui la tariffa sarà differentemente articolata. Sono i giorni da bollino verde (con un limitato afflusso di persone) tre euro, quelli con bollino rosso (critici) otto euro, e nero con uneccezionale presenza di visitatori (10). Poi ci sono ventisette tra deroghe ed esenzioni che permetteranno di non andare a pagare il ticket di accesso. E quello che dovrà sapere chi andrà in centro storico per non dover pagare lextra-costo sul biglietto Destinazione Venezia. In sostanza ad esempio lattuale biglietto Dolo-Venezia di Actv tratta 4, avrà la nuova denominazione, così come il ticket da Chioggia o da Mirano per quanto riguarda le tratte extraurbane. La presentazione dellautocertificazione o della Venezia Unica farà il resto. Actv ha comunque avviato una collaborazione con le strutture recettive dei comuni limitrofi, per poter permettere la vendita dei tagliandi già in hotel. Servirà invece ancora qualche settimana allamministrazione per riuscire a chiudere laccordo con Trenitalia ed Italo, anche se alla fine il sistema sarà praticamente lo stesso. La difficoltà è quella di far interfacciare i vari sistemi operativi dei vettori con la piattaforma che ha realizzato Venis, così come aveva chiesto Ca Farsetti. Il software è già oggi in grado di identificare residenti e studenti, rendendo di fatto lesenzione automatica nelle tratte a lunga percorrenza.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news