LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Padova. Scrovegni, un anno per svelare il mistero delle due tombe
Silvia Moranduzzo
Corriere del Veneto 24/4/2019

Cè dunque un segreto sotto la Cappella Scrovegni. Un segreto che forse si riuscirà a svelare tra un anno. Allinterno dellipogeo e in corrispondenza dellabside sono state trovate due tombe grazie alle analisi termografiche effettuate durante il recente restauro. Un indizio già lo avevamo svela Andrea Colasio, assessore alla Cultura I tecnici mi hanno detto che si sentiva come uno spiffero provenire dal muro. Proprio di fronte allabside della Cappella cè una tomba e alcuni studiosi affermano che al di sotto di essa doveva esserci una scala che collegava allipogeo. Pensiamo che le tombe occupino il posto del passaggio. Si trovano qualche metro più in basso rispetto al livello attuale del suolo. Ma chi dovrebbe essere sepolto lì resterà un mistero ancora per qualche tempo. Si suppone siano due persone di rilievo perché lipogeo è tuttaltro che un luogo di secondordine. La volta presenta le stesse stelle a otto punte rosse, blu e verdi della sacrestia della Cappella e i muri erano affrescati, quasi sicuramente dalla scuola giottesca. Molto probabilmente in quel sotterraneo si tenevano le riunioni della confraternita dei frati gaudenti a cui apparteneva Enrico Scrovegni, un gruppo che combatteva lusura e che si dedicava al culto di Maria Vergine (non è un caso se la Cappella è dedicata proprio alla madre di Gesù). Chi può dirlo, si potrebbe trattare dello stesso Enrico, azzarda Colasio. Il corpo del potente padovano, infatti, dopo la morte nel 1336 in esilio a Venezia, ha sepoltura sconosciuta. Che sia sempre stato lì, nascosto nellipogeo? Entro un anno, se lamministrazione riesce ad ottenere tutti i permessi necessari per aprire le tombe, dovremmo scoprirlo.

È solo una delle ultime novità che riguardano la Cappella. Il cinema allaperto, che tradizionalmente occupava larena di fronte alla struttura, verrà spostato. Sarà sempre allinterno dei Giardini dellArena, ma collocato nellarea cani, quindi meno visibile dai turisti che visitano la Cappella. Unaltra manovra sarà quella di togliere la ringhiera subito di fronte la facciata principale. Resterà quella che divide il giardino dalla strada ma verrà tolta la ringhiera frontale perché i turisti non riescono mai a vedere la struttura davanti spiega Colasio Per la sicurezza del sito metteremo un sistema di allarmi ma almeno contiamo di far vedere la Cappella in tutto il suo splendore. Lo stesso ipogeo dove sono state trovate le due tombe dovrebbe essere aperto alle visite. Per la delicatezza del sito si pensa a piccoli gruppi di persone, magari su prenotazione.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news