LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Primo Maggio e inchiesta sulle condizioni di lavoro nel settore dei Beni Culturali
Emergenza Cultura
Emergenza Cultura, 03/05/2019

Da qualche anno l1 maggio è divenuto un giorno di punta per il Ministero dei Beni Culturali: musei aperti e picchi di visitatori in tutta Italia. Ma questo avviene sulla pelle di migliaia di lavoratori che hanno visto una riduzione dei loro diritti e operano con retribuzioni del tutto inadeguate. Questa la denuncia arrivata dal collettivo Mi Riconosci? Sono un professionista dei Beni Culturali in occasione dell1 Maggio.

Questa trasformazione dell1 Maggio, Festa del lavoro, in un momento di massima fruibilità del Patrimonio culturale è avvenuta negli ultimi anni, portata a compimento, per decreto, con linserimento dei beni culturali fra i servizi pubblici essenziali, voluto nel 2015 dal ministro Dario Franceschini: da allora niente è cambiato. Meno diritti per il lavoratori, mentre la Festa del Lavoro perde la possibilità di divenire spazio di riflessione per un miglioramento delle attuali condizioni lavorative.

Si dice che questi istituti devono restare aperti a tutti i costi in quanto sono servizi pubblici essenziali, ma se la cultura fosse un servizio pubblico essenziale non vedremmo migliaia di comuni italiani privi di biblioteche, archivi inaccessibili e musei chiusi in tutto il Paese. Si è posto il diritto alla visita turistica davanti al diritto alla cultura sottolinea Daniela Pietrangelo, parlando a nome del collettivo Mi Riconosci? Siamo sicuri che aprendo i musei 365 giorni lanno, compreso il primo maggio, si crei più cultura e consapevolezza dellimportanza del nostro patrimonio storico-artistico nelle persone pronte a inondare le sale durante le festività? Noi pensiamo che conoscenza, cultura e consapevolezza riguardo ai diritti del lavoro debbano andare necessariamente di pari passo.

Pensiamo che le visite debbano essere di qualità, per tutti. Solo unadeguata educazione allarte e la sua valorizzazione è importante per la cittadinanza tutto lanno, non lestensione del modello sempre aperto ai Musei. La verità è che si sta cercando di fare cassa con poco, con unapertura straordinaria in più, strappando alla Festa del Lavoro il suo significato.

La realtà descritta è resa possibile dalla sistematica erosione dei diritti e dallimpiego di migliaia e migliaia di lavoratori con contratti precari, servizio civile, volontariato con rimborso spese e altri ancora. Per questo il collettivo Mi Riconosci? Sono un professionista dei Beni Culturali ha deciso di lanciare uninchiesta sulle condizioni di lavoro nel settore, per comprendere la gravità della situazione e fare in modo che, dal prossimo 1 maggio, i lavoratori dei Beni Culturali abbiano le necessarie tutele. Il collettivo invita tutti i lavoratori a compilare il questionario.

Link al questionario: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSf2rwm1SB7v_7UVPWKZfLuxO2Xi-2yzUyn8C4XfR-eaklaBXA/viewform

https://emergenzacultura.org/2019/05/03/primo-maggio-e-inchiesta-sulle-condizioni-di-lavoro-nel-settore-dei-beni-culturali/


news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news