LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Pitti e Boboli fanno il pieno di visitatori
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 4/5/2019

Aumento di presenze nel primo quadrimestre. Abbonamenti a quota 31 mila

Robin Hood colpisce ancora. Lha chiamata così la nuova politica di redistribuzione degli incassi museali, Eike Schmidt: La strategia Robin Hood. Che consiste nellusare parte degli incassi dei musei che tirano di più, come gli Uffizi, per migliorare e sistemare quelli che hanno bisogno di qualche aiuto come Boboli e Palazzo Pitti. E i risultati si fanno vedere se si confrontano i primi quattro mesi del 2018 con lo stesso periodo di questanno e si nota un incremento del 26,3 per cento per Palazzo Pitti e del 21,7 per Boboli. Con gli Uffizi che anche loro allungano, ma solo del 3 per cento. In totale, il complesso museale di cui il manager tedesco è a capo conta un aumento dei visitatori del 12,3 per cento, ovvero 149.019 persone in più.

I nostri numeri crescono ancora commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi e ad essere sempre più frequentati sono Palazzo Pitti e il giardino di Boboli: dunque la politica di decentramento dei nostri visitatori verso questi spazi per riequilibrare i flussi nel complesso degli Uffizi funziona e continua a dare risultati sempre più robusti. Ed è per questo, pensa Schmidt, che sarà possibile proseguire nei lavori di ristrutturazione delle aree verdi, delle fontane, delle statue e delle panchine di Boboli anche se non dovessero arrivare nuovi finanziamenti dai mecenati, dopo quello della maison Gucci. Perché se il trend attuale dovesse proseguire inalterato, con i soli incassi dei musei si riuscirebbero a mettere insieme gli otto milioni di euro necessari a completare i lavori per nei prossimi otto anni. Nei primi quattro mesi del 2018 le Gallerie degli Uffizi hanno staccato 1.215.411 e nello stesso periodo di questanno 1.364.430. Complice anche il maxi-ponte che ha visto Pasqua, 25 Aprile e Primo Maggio richiamare tante persone ai musei, più 3,6 per cento rispetto alla fine di aprile dello scorso anno quando si sono presentati alle biglietterie quasi ottomila visitatori in meno: 223.822 contro i 231.703 di questanno. Particolarmente bene è andata la festa della Liberazione con un più 34,6 per cento. Il Primo Maggio ha invece visto 14.828 presenze, pari al 22,4 per cento di aumento. Mentre il confronto tra le due Pasque non può essere fatto perché quella del 2018 coincideva con la prima domenica del mese, quindi a ingresso gratuito. Ha avuto particolare fortuna anche la formula dellabbonamento Passepartout 3 Days che consente di visitare Uffizi, Palazzo Pitti, Giardino di Boboli e Museo Archeologico nel giro di tre giorni al costo di 38 euro: in quattro mesi sono stati venduti 31.043 abbonamenti, che segnano una crescita dell 81,5 per cento rispetto allanno precedente.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news