LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sì dellUnesco alla zona cuscinetto. Così Venezia si allontana dalla black list
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 5/5/2019

Lettera al governo italiano. Coinvolti 132 comuni, azioni unitarie per difendere la città

VENEZIA. Limmagine che il sindaco Luigi Brugnaro ha sempre voluto usare è quella di una perla Venezia allinterno di una conchiglia che comprende larea metropolitana vasta, che non si ferma al territorio della città metropolitana, ma racchiude più province del Veneto e arriva fino alla montagna. Lobiettivo è di creare unarea a protezione della Serenissima. Non a caso Il piano prevede il coinvolgimento di 132 comuni, quattro provincia e la Città metropolitana per una ulteriore tutela ambientale e paesaggistica. Adesso è arrivato il via libera dellUnesco, al quale si era rivolto Brugnaro già nel gennaio 2017 quando aveva illustrato la proposta durante lincontro a Parigi. Nei giorni scorsi infatti il Centro per il patrimonio mondiale ha comunicato allambasciatore italiano allUnesco che la proposta dei confini della buffer zone così viene chiamata larea che deve garantire un livello di protezione aggiuntiva ai beni riconosciuti patrimonio mondiale dellumanità è stata giudicata conforme ai requisiti tecnici richiesti e che sarà proposta al Comitato nella seduta che si terrà a Baku in Azerbaijan dal 30 giugno al 10 luglio, dove si discuterà anche della questione che riguarda linserimento di Venezia nella black list dei siti a rischio.

Non ci sarà nessun vincolo aggiuntivo rispetto ad oggi, ma sarà uno strumento utile per il coordinamento delle azioni già in corso, a diversi livelli amministrativi e di pianificazione, per la tutela dei valori culturali, ambientali e paesaggistici che hanno determinato liscrizione di Venezia nella lista del patrimonio mondiale. La buffer zone infatti si definisce il limite di sicurezza entro la quale sono definite e messe in atto tutte le misure di prevenzione e mitigazione delle pressioni esterne. Dal turismo alla gestione delle acque, come nellultima acqua alta record di ottobre dello scorso anno con tutto il Veneto in ginocchio per il maltempo e i fiumi tracimati quasi ovunque. Il piano presentato da Ca Farsetti, ma sottoscritto anche dalla Regione (che fa parte del Comitato di pilotaggio), prevede lestensione dellarea cuscinetto a 511 mila ettari, coinvolgendo le province di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza oltre che tutta la città metropolitana di Venezia e andando a sovrapporre tre ambiti quello ambientale, quello strategico e quello storico-paesaggistico e unendo in questo modo i siti Unesco delle Dolomiti, di Vicenza e le ville Palladiane, l0rto botanico di Padova.

La chiave di lettera che Venezia ha voluto dare facendo la proposta al Patrimonio mondiale vuole essere la storia della Serenissima, che si estende dalle montagne al mare, i cui valori richiedono una forma di tutela di sistema estesa oltre i confini politici-amministrativi della città metropolitana fino a coprire lintero bacino scolante della laguna, estendersi in direzione nord ovest fino a comprendere i paesaggi di bonifica del Veneto orientale e in direzione sud est allarea del delta del Po. Venezia così si allineerebbe ad altri siti mondiali patrimonio dellUnesco dotati già di buffer zone, come ad esempio Roma e Firenze in Italia, considerando che è anche il retroterra a determinare la tutela e lintegrità del sito protetto. Una prima versione prevedeva lallargamento ad unarea minore, lipotesi finale, con 132 a difesa della Serenissima è frutto dal confronto tra Ca Farsetti e Palazzo Balbi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news