LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Volterra: mura etrusche, tesoro da salvare
Ilenia Pistolesi
La Nazione - Pontedera 4/5/2019

Volterra (Pisa) - E' abbracciata dalla più maestosa cinta muraria di tutta lantica Etruria: sette chilometri di blocchi ciclopici che, nelle ere, non hanno solamente fermato lavanzata dei nemici. Perché le mura di Volterra sono la summa di unidentità, un simbolo che ha trapassato i secoli. Ma il 60% del costone più antico delle mura (il cerchio etrusco, o come preferiscono definirlo gli archeologi, ellenistico) appartiene a privati cittadini. Sì, proprio così: ci sono intere famiglie volterrane che custodiscono, nel loro giardino o in un appezzamento di terreno, quelle pietre che valgono più delloro.

La faccenda è tuttaltro che semplice da spicciare: intanto il Comune e la funzionaria della soprintendenza Elena Sorge, dopo un lavoro complicato e certosino, hanno rintracciato una cinquantina di proprietari che, sbrigata la questione delle elezioni amministrative, verranno convocati proprio a Palazzo dei Priori per cercare una soluzione. Cè sempre un piano b ci scherza su, larcheologa Elena Sorge e questo piano andrà trovato. Nel corso dei secoli, si è cementificata la convinzione che il baluardo eretto intorno al IV secolo a.c. fosse patrimonio di tutti. Poi, nel 2013 una porzione muraria viene giù in zona Torricella. Un cittadino, a causa di quei massi schiantati al suolo, fa causa e chiede i danni. E qui, la rivelazione: la soprintendenza scopre che quel paramento antico non solo non è di competenza pubblica, ma appartiene proprio al cittadino che aveva mosso richiesta di risarcimento danno per il crollo. Lo spaventoso susseguirsi di cedimenti di intere mura in centro storico, nel 2014, ha inevitabilmente fermato le ricerche catastali.

Un lavoro non da poco, perché il Comune e la soprintendenza hanno dovuto faticare parecchio per identificare i proprietari di pezzi di cinta muraria etrusca, perché se è vero che il vincolo archeologico segue il bene (cioè la parte di mura), dallaltro lato non in tutti i casi è stato comunicato il decesso del proprietario di una porzione di tesoro. Quindi, è stato necessario sbracciarsi per arrivare a trovare gli eredi. La legge parla chiaro: o lintervento di manutenzione è volontario (e quindi il privato si accolla volontariamente in toto le spese) oppure può essere imposto dallo Stato che, con una tortuosa macchinazione burocratica, può rimborsare il privato dei lavori svolti sul bene archeologico. In ogni caso, cè unobbligatorietà di legge sui lavori di conservazione dei beni sottoposti a vincolo che sono nelle mani dei privati.

Incontreremo queste persone proprietarie di pezzi di mura aggiunge Elena Sorge il problema non è affatto banale, ma dovremo trovare una soluzione a tutti i costi.

https://www.lanazione.it/pontedera/cronaca/volterra-mura-etrusche-1.4571162


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news