LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Memoriale di Auschwitz. Zevi: l'urgenza di sfidare il presente
Adam Smulevich
Corriere Fiorentino 8/5/2019

La storica dellarte Adachiara Zevi sul Memoriale allEx 3: Varsavia ha avuto paura di qualche bandiera rossa.

Questo nostro presente complesso ci sfida, mettendo in discussione persino la Memoria della Shoah. Far vivere il ricordo attraverso forme nuove affinché non diventi routine o ancor peggio sia strumentalizzato è quindi unurgenza assoluta.

Anche per questo, sostiene Adachiara Zevi, storica dellarte che numerose iniziative ha dedicato allelaborazione delle ferite del Novecento, loperazione che si sta completando a Firenze, al padiglione EX3 a Gavinana dove questa mattina sarà inaugurato il Memoriale ai Caduti italiani nei lager nazisti un tempo ospitato nel Museo di Auschwitz, rappresenta un atto dal valore simbolico molto forte.

Di proprietà dellAned, lAssociazione nazionale che rappresenta gli ex deportati, il Memoriale fu realizzato nel 1980 da un gruppo di lavoro di altissimo livello in cui figuravano, tra gli altri, larchitetto Lodovico Belgiojoso, il poeta Nelo Risi, il pittore Pupino Samonà. E con loro anche Primo Levi, che firmò un testo destinato ad essere un monito per tutti i visitatori.

Sono molto curiosa di vedere il risultato finale, leffetto che farà in questa nuova sede, afferma Zevi. È comunque significativo e lodevole che qualcuno si sia preso la briga di provarci. Altrimenti avremmo rischiato di perdere un capolavoro assoluto.

Perché il Museo di Auschwitz ha ritenuto di doversene liberare?

Il Memoriale è stato concepito in un momento in cui la deportazione ebraica era inserita in un contesto più generale, che teneva conto anche di altre vicende. Con il cambiamento della situazione politica in Polonia, sempre più tendente a un allarmante nazionalismo, qualche bandiera rossa di troppo ha fatto storcere il naso a qualcuno. La versione ufficiale è che la struttura non fosse in linea con gli standard di un museo moderno. Ma renderla compatibile, se si fosse voluto, non sarebbe stato difficile.

Cosa rende speciale il Memoriale italiano?

Il fatto che sia stato concepito appositamente per Auschwitz, con alcuni accorgimenti che lo facevano dialogare con il drammatico contesto in cui era accolto. E inoltre il suo dinamismo: per vivere questo spazio, per capirlo davvero, bisogna percorrerlo in un senso e nellaltro. Si tratta infatti di una pedana, cui è ancorata una spirale che ci accompagna dallinizio alla fine. Allinterno vi si racconta la storia politica dItalia a partire dagli Anni Venti fino al termine del secondo conflitto mondiale. Un formidabile atto daccusa contro il fascismo.

Tra quanti furono coinvolti spicca il nome di Primo Levi, di cui ricorre in questi mesi il centenario dalla nascita...

Con le sue parole, raccolte nel testo Al visitatore, Primo lancia un messaggio sempre valido: non ha senso neanche soffermarsi sulla deportazione, parlare di Auschwitz, se prima non ci si relaziona con quello che cè a monte.

Un messaggio in crisi?

Guardo al confronto politico e mi sento di dire che sì, cè qualcosa di molto inquietante in alcune recenti manifestazioni e negli insistenti tentativi in corso di una riscrittura storica. Per consolarmi guardo anche al mondo della scuola, almeno quello che frequento, dove registro al contrario unottima capacità di trasmissione ai ragazzi da parte degli insegnanti. Sempre più spesso, per trattare questi temi, si rivolgono proprio allarte.

Lei per prima ha portato in Italia, a Roma, le pietre dinciampo. È quella la strada da seguire?

Grazie a pochi centimetri quadrati di ottone i giovani riescono ad affacciarsi con nuova consapevolezza a unintera epoca. Dal gennaio del 2020, come comunicato di recente, arriveranno anche a Firenze. È sicuramente unottima notizia.



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news