LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Memoriale di Auschwitz. Viaggio nella Spirale della memoria ripudiata dalla Polonia
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 8/5/2019

Apre oggi allEx3 la mostra permanente sfrattata nel 2014 da Auschwitz

Il nostro racconto tra le opere che raccontano lorrore delle deportazioni

Al primo passo nel buio ti accoglie Primo Levi: Visitatore, osserva le vestigia di questo campo e medita. La lapide in alto a destra, in doppia lingua, italiano e polacco, è un campanello dallarme per lattenzione che il percorso del Memoriale italiano di Auschwitz ti chiede di tenere accesa. Ma non è la porta dingresso nellorrore. Lo richiama solamente. E ammonisce: Da qualunque paese tu venga, tu non sei un estraneo. Fa che il tuo viaggio non sia stato inutile, che il frutto orrendo dellodio, di cui hai visto qui le tracce, non dia nuovo seme. È invece la porta dingresso di un percorso storico: 1922, la marcia su Roma, 10 giugno 1925 lomicidio Matteotti, 1929 i Patti Lateranensi, 1936 linvasione dellEtiopia, 1938 le leggi razziali. E via scorrendo in un percorso a pendolo che intraprendi come rimbalzando da destra a sinistra nello scorrere del tempo, tra immagini, nomi, parole a strapiombo nella penombra, fino alla Liberazione.

La mostra che oggi alle 10.30 si inaugura allEx3 di Gavinana è il momento finale di un percorso iniziato 39 anni fa nel Blocco 21 di Auschwitz e che negli ultimi anni non ha più trovato pace: ospita il Memoriale dei deportati italiani sfrattato da Auschwitz per via di quelle bandiere rosse, falci e martelli che nella nuova Polonia post-comunista sono diventate fuori legge. Ha trovato però casa nel centro di arte contemporanea comunale chiuso da oltre sei anni e che da tre ospita questopera di proprietà dellAned, lAssociazione nazionale ex deportati. Creato nel 1980 dallarchitetto Lodovico Belgiojoso dal 44 al 45 internato a Mauthausen e dal pittore Pupino Samonà, con il contributo di Primo Levi, Gianfranco Maris partigiano e senatore del Pci del poeta Nelo Risi e del compositore Luigi Nono. Dal 2016 è stato sottoposto a restauro e ricostruzione che lingegner Carlo Bottigelli dello studio Belgiojoso ha definito monumentale tanto che mi ha ricordato la ricostruzione dei templi egizi di Abu Simbel quandero bambino.

Camminando attraverso i 2.300 metri quadrati e 8mila metri cubi dellEx3 si trova la luce, letteralmente parlando, solo nella parte finale del piano terra dove inizia la sezione dedicata alla nascita della Repubblica. Le immagini si fanno più grandi, il colore cambia, tutto è più chiaro. Poi una scala. Al primo piano ecco lopera di cui nel 2014 il governo polacco ha deciso di disfarsi: una Spirale lunga tre corridoi con avvolta unenorme pergamena, fragilissima, composta da 23 strisce dipinte, dedicata a tutti gli italiani caduti nei campi di sterminio. In un ambiente che riproduce fedelmente, anche nelle dimensioni, la baracca Blocco 21 di Auschwitz. Il tunnel dal buio arriva alla luce, che simboleggia la salvezza. È la Spirale della vita, come una serie di fotogrammi astratti che incarnano il tormento. E una passerella che evoca le traversine ferroviarie che portavano ai campi e le copie esatte di quei binari.

La Spirale racconta due mondi racconta larchitetto Alberico Barbiano di Belgiojoso, figlio di Lodovico ma partecipe in prima persona alla realizzazione del progetto lincubo degli anni che passavano chiusi nel lager, senza sapere quando sarebbero finiti, e la storia della Resistenza che lentamente ha alzato la testa per poi scatenarsi dopo l8 settembre. Tra astrattismo e riferimenti concreti Samonà ha dipinto tutti i principali colori e i simboli delle forze che lottavano contro il fascismo e che hanno sofferto la deportazione: cattolici, comunisti, ebrei, anche monarchici. Ci troviamo Gramsci, Togliatti, De Gasperi prosegue Belgiojoso parole in caratteri latini ed ebraici, i simboli delle principali società tedesche che hanno approfittato della manodopera schiava nei campi come Bayer, Krupp, Siemens.

I problemi sono nati nel 2014 quando il governo polacco contestò allAned, e quindi allItalia, il carattere non educativo dellopera racconta Ugo Caffaz della comunità ebraica fiorentina che ha curato lapprodo a Firenze del Memoriale Cerano troppe bandiere rosse, lo avrebbero buttato via. LAned si è rivolta a molte città, compresa Prato, ma nessuna lo voleva. La Regione Toscana ha investito 2.600.000 euro (un milione già speso), Palazzo Vecchio ha trovato la sede, Fondazione CR Firenze ha pagato il restauro dellOpificio delle Pietre e Cooperativa Archeologia. Lallestimento è provvisorio: Ci sarà una gara internazionale per lavanzamento tecnologico e promette Caffaz se ora è un luogo che spiega cosa è successo quando parliamo di sterminio degli ebrei, vorremmo trasformarlo in un luogo che spieghi anche perché è successo. Un museo sul dramma delle deportazioni. Qualcosa di ambizioso, di statura mondiale.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news