LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Quegli Innocenti mai soli
Valeria Ronzani
Corriere Fiorentino 12/5/2019

David Battistella firma un documentario dedicato allIstituto e ai bambini abbandonatiDal restauro, pieno di sorprese, di un antico dipinto, racconto una storia che è lezione di civiltà

Una storia di solidarietà che ci giunge dal XV secolo, tuttora esemplare e viva. Una grande lezione di civiltà da una città che usciva dalla tragedia della terribile epidemia di peste nera, che nel 1348 aveva falcidiato la popolazione e aveva tagliato le radici di una comunità allavanguardia. Ciononostante incubatrice di una stagione insuperata, il Rinascimento. Tutti conoscono i suoi capolavori artistici, ma Firenze non è solo questo. LUmanesimo ci offre una lezione esemplare per la nostra attualità. Il regista David Battistella ne è rimasto folgorato. Così ha deciso di autofinanziarsi un documentario che racconta dallinterno una storia di bimbi salvati, adottati da una città per essere cresciuti e istruiti, cittadini a tutti gli effetti. Il documentario, The Innocents of Florence , sarà presentato in anteprima il 17 maggio alla Compagnia (ore 21), seguito da 6 giorni di proiezioni. Chi fa di cognome Innocenti, DeglInnocenti, Nocentini e via di seguito, cognomi che venivano dati ai bimbi abbandonati e accolti allIstituto degli Innocenti, avranno diritto a una speciale riduzione sul costo del biglietto. Stavo seguendo artisti ed artigiani nel loro lavoro quotidiano. Conoscevo Elizabeth Wicks, che con Nicoletta Fontani stava restaurando La Madonna degli Innocenti . È iniziato così, con la voglia di documentare un restauro che è la spina dorsale del film, aprendomi però alla storia dellUmanesimo fiorentino, che crea coi soldi di Francesco Datini (un lascito di mille fiorini) e con lArte della seta un istituto secolare destinato ad accogliere i bambini abbandonati. La prima ripresa è del 19 aprile 2013 negli ambienti del vecchio museo. Il restauro ha portato a delle vere sorprese che saranno svelate tutte nel film. Ho potuto filmare cose che non compaiono mai. In genere le troupe arrivano , fanno qualche giorno di riprese e se ne vanno. A noi sono stati aperti gli archivi, ricordo la mia fortissima emozione nel vedere la prima pagina del primo volume, col primo nome: Agata Smeralda, accolta il 5 febbraio del 1445 (1444 per il calendario fiorentino). Poi mi sono reso conto che cerano altri 600.000 bambini e mi sono preso la responsabilità di raccontarne la storia. Per il 60% venivano abbandonate bambine, e a tutti venivano dati nome e cognome, la cittadinanza e unistruzione. Senza lasciarli mai soli. Se ne andavano quando erano pronti per il loro posto nel mondo, ma a un certo punto potevano anche rientrare.

Battistella è cittadino italiano, vive a Firenze dal 2011, ma è nato in Canada da genitori italiani che sono ancora là. Ho fatto lesperienza del doppio immigrato, andata e ritorno. In Canada ero litaliano, qui mi chiamano il canadese. Innocenti e altri dalla stessa radice sono i cognomi che venivano dati ai bimbi abbandonati. Già questo fa capire cosa erano i fiorentini: nella altre città li chiamavano trovatelli, bastardelli e simili, solo qui gli innocenti, ed è bellissimo. Tutti coloro che portano questo cognome potranno entrare col biglietto ridotto. Ho voluto che anche in sala fosse rappresentata la continuità di questa esperienza. Ci vuole molto rispetto per raccontare queste storie. Ho sentito negli amici fiorentini grande senso di accoglienza. Allora erano i sopravvissuti alla peste. Questi bimbi abbandonati venivano subito battezzati e fatti cittadini di Firenze. Nel primo anno molti morivano, ne sopravviveva solo il 20%. Fra di loro ci sono stati anche artisti celebri come il Poppi. Nel film tutto questo viene raccontato dalla storica dellarte Lucia Sandri.

Mentre lavvocato Cristina Marsili Libelli, presidente della Fondazione dellIstituto, ci racconta come a tuttoggi lIstituto accolga bambini, madri e famiglie in difficoltà. I bambini ci sono indirizzati dal tribunale. Nel film si vedono anche le casette, così come sono rimaste, per le madri in difficoltà. Nel 700 i piccoli ospiti erano 3.000, ora si tende a trattenerli il meno possibile. Di tutto questo esiste un simbolo, proprio il dipinto di cui nel film si racconta il restauro, La Madonna degli Innocenti , nato come uno stendardo per le principali processioni, a rappresentare lIstituto. Si tratta di una tela di lino che a un certo punto è stata intelaiata e incorniciata. Ma in origine era uno stendardo con tanto di frange ci racconta la restauratrice Elizabeth Wicks Un restauro pieno di sorprese, eseguito con la supervisione della Soprintendenza, è stato un po come sbucciare una cipolla, da tanti strati cerano. Abbiamo fatto scoperte significative, soprattutto in ambito cronologico ambientale, che verranno svelate nel film. Il lavoro è stato finanziato da Jane Fortune (recentemente scomparsa), fondatrice della Advancing Women Artists Foundation, finalizzata a riscoprire le donne artiste. Qui però lautore è un uomo, (Domenico di Michelino), così le spese del restauro sono state coperte da lei . Le successive indagini, lIstituto degli Innocenti. Iconograficamente si richiama alle madonne della Misericordia, la più conosciuta è di Piero della Francesca. Qui la Vergine è davanti alla loggia dellIstituto, dove ancora non ci sono le robbiane (del 1487). Sotto il suo manto le orfanelle e gli orfanelli, con le varie età degli innocentini. I più grandicelli, che andavano a scuola, hanno tutti la spilla col putto, altro simbolo dellIstituto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news