LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Politica e Vele, le ruspenonbastano
Paolo Macry
Corriere del Mezzogiorno - Campania 15/5/2019

Strana città, Napoli. In questi giorni, sembra festeggiare una svolta storica. Un Evento (con la maiuscola) sbandierato dal sindaco come «la vittoria della giustizia contro la camorra» o, non meno irrealisticamente, la conquista dello scudetto. Napoli (dice de Magistris) fa sul serio, guadagna credibilità, attira investimenti. E uno pensa che stia parlando dell’arrivo di qualche fondo sovrano arabo, della realizzazione dei grandi progetti, di Bagnoli, della Tav per Bari. No. Nulla di tutto ciò. L’Evento storico consiste nell’apertura del cantiere che, a giugno, dovrebbe portare all’abbattimento di una delle Vele di Scampia. Strana città, Napoli. L’Evento di cui oggi ci si gloria è, in realtà, la certificazione di un fallimento. Questo sì, un fallimento storico.Costruite nel 1962-1975, le Vele erano all’inizio sette, architettonicamente ambiziose, belle da vedersi, citavano Le Corbusier, proponevano un’idea innovativa di comunità urbana, milleduecento abitazioni, altrettante famiglie che avrebbero dovuto trovare nelle forme dense di quei grandi edifici il terreno di relazioni egualmente dense. Ma fu un radicale fallimento. Le attrezzature collettive non vennero mai realizzate, la scarsa manutenzione dequalificò presto l’intero quartiere, il controllo dello Stato fu nullo, le occupazioni abusive si moltiplicarono, la stessa vicinanza suggerita alle famiglie dal groviglio architettonico si rivelò una trappola, un’astrazione intellettuale.

La comunità emerse con grande difficoltà o non emerse affatto, mentre Scampia diventò terreno ideale per l’infiltrazione del crimine. Una grande piazza di spaccio. La location di pellicole e serie tv sulla camorra.

Già sul finire degli anni ‘80, scartate le ipotesi di riqualificazione e riuso, si decise che per quell’architettura visionaria diventata incubo sociale l’unica soluzione fosse raderla al suolo. Ma anche questo, per ironia della sorte, si rivelò un fallimento. Una prima Vela fu abbattuta solo nel 1998, un’altra nel 2000, un terza nel 2003. Oggi si mette in cantiere la distruzione della quarta e si promette la distruzione (chissà quando) della quinta e della sesta. Se tutto va bene, cioè, ci saranno voluti trent’anni per liberarsi dalle Vele, quando ne erano bastati poco più di dieci per costruirle. E saranno state spese somme ingenti: l’attuale finanziamento, l’ultimo della serie, si avvicina ai trenta milioni di euro. Da queste parti, verrebbe da dire, il tempo e il denaro non contano.

Ciò nonostante, la fine delle Vele è stata salutata con toni trionfalistici, come fosse il varo di un superbo bastimento, prima da Antonio Bassolino, poi da Rosa Iervolino, ora da Luigi de Magistris. Quasi che, demolendo il frutto di imperdonabili errori progettuali e politici, Napoli si affrancasse, se non dalla camorra sanguinaria dei Di Lauro, dall’immagine fastidiosa della Gomorra di Saviano. Quasi bastassero le ruspe e la dinamite per rimuovere quell’intreccio esemplare di defaillance pubbliche e vizi privati che è Scampia, fino a trasformare impudicamente la storia amarissima delle Vele in un paradossale motivo di orgoglio. Ma Napoli, si sa, è una città strana.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news