LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un condominio nella villa Borsini
Elena Duranti
La Nazione - Prato 15/5/2019

Prato, 15 maggio 2019 - Sta per tornare a splendere villa Borsini, il gioiello Liberty di Prato tutelato dalla Soprintendenza, considerato uno dei più importanti patrimoni architettonici della città. Il recupero dell’edificio, che risale ai primi Novecento e che si trova in via Ferrucci, è iniziato nel 2018 e dovrebbe terminare alla fine di quest’anno. Nel progetto di ristrutturazione, firmato dagli architetti Vincenzo ed Eleonora Palumbo, è previsto che la storica dimora Liberty diventi – dopo un accurato restauro conservativo – un condominio con sette unità abitative. Saranno mantenuti tutti gli antichi elementi e i particolari architettonici che ne caratterizzano lo stile eclettico neo-rinascimentale con decori di Liberty-europeo. Tutto questo ha avuto bisogno di approfonditi studi basati sulla documentazione della famiglia Borsini, che è ancora proprietaria dell’immobile e di cui Stefano Borsini è uno dei discendenti.

Lo storico Adriano Cerretelli nella sua guida «Prato e la sua provincia» colloca la data del completamento della villa tra il 1894 e il 1905. Lo stile somiglia sia a quello della fabbrica di cui esistono foto e planimetrie, sia a quello della cappella della famiglia Borsini nel cimitero monumentale della Misericordia, motivo per cui si ipotizza l’intervento della stessa mano.

"Per preservare i pavimenti originali siamo riusciti a inserire i nuovi impianti nel soffitto – spiega l’architetto Eleonora Palumbo – e anche la scala monumentale e l’antica vetrata a colori con le iniziali dei proprietari sono state restaurate e rimarranno nella loro posizione come zona d’ingresso condominiale".

L’opera fu commissionata da Pietro Borsini, uno dei primi industriali della città, che fece costruire la villa accanto alla fabbrica di saponi e candele che si affacciava su via Ferrucci già dal 1835, la Stearineria e Saponeria Borsini. La fabbrica fu chiusa nel dopoguerra e in seguito, negli anni ’70 demolita, ma la villa è rimasta a testimonianza di un periodo glorioso di Prato, precedente sia ai conflitti mondiali sia all’avvento dell’industrializzazione tessile. Al progetto di recupero dell’immobile hanno collaborato anche gli ingegneri Lorenzo Melani e Silvia Luchetti.

Dei sette appartamenti che in totale costituiranno il condominio, due saranno rispettivamente a piano terra e al primo piano, tre invece al secondo piano, l’attico. I lavori si stanno ora concentrando sulla facciata Liberty che è tutelata dalla Sovritendenza, così come il giardino che circonda l’edificio. Per quanto riguarda la tempistica, i lavori del lussuoso condominio dovrebbero essere ultimati a fine 2019.

https://www.lanazione.it/prato/cronaca/villa-borsini-1.4591200


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news