LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Verbania, Chiara e Sereni tornano a Luino
Andrea Camurani
Corriere della Sera - Milano 18/5/2019

Gli archivi dei due letterati nel nuovo spazio

Varese. Sarà uno dei poli culturali del Lago Maggiore in grado di attirare turisti alla ricerca del gusto lontano della Belle Époque, quando Luino era un centro di snodo fra Svizzera e pianura Padana poiché già dotato di una grande stazione internazionale. Palazzo Verbania, gioiello liberty di inizio Novecento torna agli antichi splendori dopo anni di restauri che hanno fatto rinascere un luogo ideato fin dallorigine come punto di incontro e oggi custode della tradizione letteraria sbocciata proprio sul lago, sfondo naturale alla vita di due grandi della parola: il poeta Vittorio Sereni e il romanziere Piero Chiara.

È proprio a Chiara e Sereni che è dedicato interamente lultimo piano delledificio che racchiude preziosi carteggi, testi inediti, dattiloscritti e quaderni dei due autori che sono da oggi a disposizione di studiosi e appassionati di letteratura in una suggestiva sala di consultazione dalle luci spettacolari perché direttamente a picco sul lago.

Tutto merito di un programma di valorizzazione culturale siglato il 20 ottobre 2014 fra città di Luino, Ministero per i Beni e le attività culturali e Agenzia del demanio per il passaggio di proprietà dellimmobile e il successivo restauro finanziato da Comune, Fondazione Cariplo e Regione Lombardia. Non a caso oggi al taglio del nastro è atteso il governatore lombardo, il varesino Attilio Fontana.

La storia di questo palazzo è del tutto singolare poiché nacque nel 1904 quando alcuni industriali lunensi e della svizzera tedesca (in questa zona era particolarmente fiorente lindustria tessile del cotone) diedero vita ad una società anonima per la costruzione di un palazzo liberty sul lungolago dotato di salone per feste e ricevimenti, un kursaal, come venivano chiamati ai tempi questi luoghi dincontro. Un nome che richiamava, oltre che nello stile, anche un sentire culturale mitteleuropeo pronunciato però alla francese non appena lItalia entrò in guerra contro limpero austro ungarico al fianco dellIntesa. E con lavvento del fascismo il nome venne a sua volta ritagliato sulle velleità linguistiche autarchiche del Ventennio, e pertanto venne coniato quel Verbania ancora oggi utilizzato.

Proprio sul palcoscenico del Verbania, durante la messa in scena di Pierrot, che, nel 1911, si conobbero Enrico Sereni e Michelina Colombi, dalla cui relazione nacque il grande poeta Vittorio Sereni, nel 1913, stesso anno di nascita dellaltro letterato a cui il palazzo è dedicato, Piero Chiara, talmente innamorato del posto da menzionarlo spesso nei suoi romanzi, come Il piatto piange.

Chiara non cita mai il palazzo, parla invece del Metropole per designare la bisca dove si giocava a tutte le ore, specialmente la sera. In realtà erano proprio le cantine di Palazzo Verbania il posto dove si incontravano i famosi personaggi dei suoi libri, spiega Federico Roncoroni, curatore delle opere edite e inedite del romanziere luinese. Finalmente i fondi letterari di questi due autori trovano una sistemazione definitiva in un luogo degno di poter accogliere gli studiosi. Ricordo quando gran parte delle opere di Chiara, soprattutto inediti e manoscritti, si trovavano nel mio studio a Como: uno spazio di 75 metri quadrati. Ogni tanto arrivava un ricercatore a consultare qualche opera in quello spazio improponibile. Ora tutto questo materiale non solo è disponibile, ma verrà messo anche in rete.

La vita dei due autori si intrecciò spesso, soprattutto quando Sereni divenne direttore letterario per Mondadori, casa editrice che pubblicò numerosi romanzi di Chiara, veri e propri best seller da cui vennero tratti anche film, tra cui Venga a prendere il caffè da noi (tratto da La spartizione), con Ugo Tognazzi, ambientato in parte anche a Luino.

Sempre allultimo piano del palazzo cè la ricostruzione dello studio di Sereni: libreria, scrivania e macchine da scrivere così comerano a partire dalla fine degli anni Sessanta nellappartamento di via Paravia, zona San Siro, a Milano.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news