LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dimore storiche e aziende, solo così si può sopravvivere
Francesca Angeleri
Corriere della Sera - Torino 19/5/2019

Alessandro Gosztonyi, 31 anni, presidente Adsi punta sulla nobiltà 3.0: Servono nuove idee per traghettare nel futuro questi luoghi incantevoli

A sei anni un bimbo è piccolo. Ha ancora i denti da latte e suo padre è il suo supereroe preferito. A sei anni Alessandro (Sandor) Gosztonyi de Gosztonyi es Krencs era in piedi di fronte alla mamma con accanto le sue sorelline più piccole, Consolata e Michelle, di quattro e due anni. Suo papà era appena morto e gli venne posta la domanda più difficile della sua vita: Abbiamo due strade gli disse Alessandra Castelbarco Visconti senza preamboli o ci prepariamo ad affrontare lacrime e sangue, oppure vendiamo. Cosa vuoi fare?. In quel momento diventò il capofamiglia. Forse anche per questa maturità obbligata, il trentunenne Alessandro Gosztonyi è stato eletto nel dicembre 2018 nuovo presidente dellAdsi, Associazione Dimore Storiche Italiane. Oggi, in occasione della nona edizione della Giornata Nazionale indetta dallAdsi, si potranno visitare gratuitamente oltre 30 dimore storiche private del Piemonte (una anche in Valle dAosta) di cui 13 nella provincia di Torino.

Gli ultimi anni hanno visto farsi largo nellAisd un vivace gruppo di giovani che, affiancando gli ormai anziani membri originali, sta ragionando in modo concreto sulle soluzioni utili al mantenimento di queste case nobiliari i cui costi sarebbero insostenibili per chiunque. Nessun lavoro spiega Gosztonyi permetterebbe mai il mantenimento di un immobile del genere. Il senso di questa giornata è anche e soprattutto questo: aprire per trovare modalità efficaci che permettano di traghettare nel futuro questi luoghi incantevoli. Il motto dellassociazione non a caso è: Custodi del presente, del passato e del futuro dal 1977.

Il tema è importante e si va a contestualizzare in unidentità, quella italiana, in cui storia, bellezza e territorio sono elementi fondamentali per lambito turistico che sta diventando sempre più cruciale per il paese.

Le problematiche sono tante: La burocrazia ferma soffoca qualsiasi iniziativa e il carico fiscale imposto dal governo Monti è stato schiacciante. Molti castelli, incluso quello di Racconigi, rimangono chiusi perché non hanno la capacità economica di sostenere i rischi in cui incorrerebbero restando aperti. Noi privati abbiamo limposizione del mantenimento. Il vincolo con la sovrintendenza può anche obbligarci a finanziare in prima persona le ristrutturazioni in qualsiasi momento. Gosztonyi è riuscito a fare della sua Villa Berroni a Racconigi una ditta che ha nei matrimoni il suo core business. Non immaginiamoci però guadagni doro: quasi tutto viene reinvestito nellimmobile.

La mia convinzione è che le nostre dimore debbano, come per altro era nella loro natura quando sono nate, diventare delle aziende. La mia è autosufficiente in tutte le sue parti (ha ricavato due appartamenti che affitta come bed&breakfast e sta progettando unagrigelateria). Molti giovani stanno ritornando a lavorare nelle proprie tenute per mantenerle e per mantenere se stessi. In contemporanea, stanno rinascendo quei lavori artigianali che proprio allinterno di questi possedimenti trovano la loro ragion dessere: giardinieri, restauratori, decoratori. Lartigianato continua è il vero patrimonio professionale italiano. Questi vecchi mestieri che, da anni, andavano scomparendo, ritrovano oggi un senso anche attraverso le visioni moderne della gestione degli innumerevoli beni culturali di cui il nostro territorio è pieno. Nessuno potrà mai copiarci questa magnificenza.

Aprire le porte di casa propria, anche se si tratta di un castello, è un atto di coraggio. Mettersi in piazza, svelare la polvere sui davanzali di marmo e la bellezza che riverbera negli angoli segnati dai secoli. Condividere i ricordi spiati dalle statue. È proprio la condivisione il lato più bello di questa giornata.

Mi piace raccontare di quando il Re Vittorio Emanuele III, che era nostro vicino, rimase colpito dalla luce elettrica che il mio trisnonno (Michele Ceriana Mayneri, grande industriale della seta) fece mettere in casa. Sua Maestà, affascinato, decise allora di illuminare in modo moderno anche il Castello di Racconigi.

La tentazione di vendere a peso doro magari a un cinese a volte è forte poi però casa è casa. Puoi comprare un luogo ma non la sua storia e neppure la sua anima.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news