LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. La Specola del Granduca, 15 mesi per il restyling. Ma il museo non chiuderà
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino 19/5/2019

I pavimenti traballano. Sui muri ci sono vistose macchie di muffa a causa delle infiltrazioni e dei solai da rifare. Qua e là, a terra, ci sono calcinacci. Le teche risentono lusura del tempo. E destate è quasi impossibile portare fino in fondo un tour, perché le sale alcune delle quali chiuse da tempo immemore si trasformano in un hammam. Questo è il Museo della Specola oggi: la più importante esposizione di storia naturale italiana, e il primo museo scientifico dEuropa aperto al pubblico, visitato, ogni anno, da circa 70.000 persone, per lo più famiglie e studenti.

Ma le cose stanno per cambiare. Certo, ci vorrà almeno un anno e mezzo di lavori, 450 giorni per la precisione, ma alla fine del 2020 la Specola avrà un volto completamente nuovo. O meglio, sarà molto simile a quel museo voluto e istituito nella seconda metà del settecento dal granduca Pietro Leopoldo, anticipa il professor Marco Benvenuti, presidente del Sistema Museale di Ateneo dellUniversità di Firenze. Già, perché tra fine giugno e gli inizi di luglio è previsto linizio del cantiere che trasformerà il museo di via Romana in un grande campo di lavoro. Benvenuti però ci tiene a sottolineare che la Specola non chiuderà alle visite. È presumibile che non sarà possibile accedere liberamente a tutte le collezioni nel periodo dei lavori ma garantiremo laccesso anche se in modo limitato.

Il museo, insomma, rimarrà fruibile solo in parte e solo nei prossimi giorni si deciderà nel dettaglio cosa tenere aperto e come, con un cantiere che dovrà comunque evitare la chiusura del museo di cui si parlava da mesi e che adesso lAteneo ha invece deciso di scongiurare. A dimostrazione di questo lUniversità ha scelto di inserire nel bando la cui aggiudicazione è prevista in questa settimana , un punteggio preferenziale per la ditta che garantirà durante gli interventi strutturali, dei percorsi relativi allaccoglienza e alla gestione dei visitatori e al funzionamento della sezione museale e della collezione ornitologica.

Siamo riusciti a intercettare, tramite la Regione Toscana, dei fondi europei che ci hanno consentito di mettere in programma una gara per la rimodernare il museo che ora ha più di 200 anni. La nuova Specola avrà impianti di climatizzazione e riscaldamento ultra tecnologici e una risistemazione parziale perché pensiamo di alloggiarci, come ai tempi di Pietro Leopoldo, le collezioni di mineralogia, attualmente sistemate in via La Pira, aggiunge Benvenuti.

Il finanziamento della Regione ammonta a 3,5 milioni di euro a cui vanno ad aggiungersi altri 1,5 milioni di fondi diretti dellUniversità: 5 milioni che saranno utilizzati, tra le altre cose, per il restauro e la manutenzione di Palazzo Torrigiani (la sede del museo), per la riqualificazione dellingresso e del loggiato, per la realizzazione degli impianti interni elettrici, per nuovi bagni e per opere strutturali speciali che dovrebbero riguardare il trasferimento della biglietteria e del desk informazioni dal secondo piano al piano terra. Nei 450 giorni di cantiere il Museo di Storia Naturale di Firenze ha in programma anche lorganizzazione di una mostra temporanea che porterà per almeno un anno alcune dei suoi pezzi più importanti in un luogo (ancora da definire) diverso da via Romana.

Insomma, il grande restyling della Specola, annunciata anche nel 2017 dal suo presidente, Guido Chelazzi, è ormai in dirittura finale e sta per iniziare, rinnovando senza snaturarlo uno dei musei più famosi e caratteristici di Firenze, il gioiello del sistema museale dellAteneo assieme al poco conosciuto museo di Etnologia di via del Proconsolo. Ciò che turisti e fiorentini avranno davanti agli occhi alla fine del 2020 sarà un museo che, pur conservando le sue caratteristiche storiche e scientifiche, sarà proiettato nel futuro come lo sono quelli, per esempio, di Londra e di Parigi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news