LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Quella passeggiata sulle tracce di Buontalenti e Michelangelo
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 19/5/2019

Un cantiere moderno (costò il doppio del previsto). E poi il Poggi lasciò

Era un maggio di 147 anni fa quando iniziarono i lavori per la realizzazione della Rampe del Poggi sotto piazzale Michelangelo, secondo il progetto ideato molto prima. Giuseppe Poggi infatti non si era limitato a disegnare il viale del Colli, piazzale Michelangelo, a chiedere labbattimento delle mura di San Niccolò, lasciando intatta solo la porta, ma aveva completamente ridisegnato il colle alberato e intatto per una passeggiata romantica che collegasse il Piazzale allArno. E che unisse architettura, pietra e piante, arte e giochi dacqua per denotare gusto e arte del disegno.

Le Rampe dopo un lungo restauro sono tornare a zampillare, sono state liberate dalle piante infestanti, tornate a nuova vita. Larchitetto Giuseppe De Grazia che ha affiancato la Fondazione Cr Firenze ed i tecnici del Comune come direttore operativo prima nel lungo lavoro di ricerca (18 mesi tra Archivio di Stato, archivio storico del Comune, Gabinetto Vieusseux e Istituto Storico del Rinascimento) e poi sui cantieri ci guida tra i loro segreti.

Le Rampe sono merito del Poggi, che le concepì in un unità con il viale dei Colli e con piazzale Michelangelo ma anche di un uomo molto meno noto, Angiolo Pucci, soprintendente dei pubblici giardini e passeggi della città di Firenze. In pratica linventore della direzione ambiente di Palazzo Vecchio racconta De Grazia, ombrello in mano dato che il maltempo ha ostacolato la giornata tanto attesa , del concetto di verde pubblico assieme al Poggi che tutelò il panorama attorno al viale dei Colli facendovi istituire delle servitù, cioè dei limiti a costruire. Fu a Pucci che il Poggi, nel 1876, quattro anni dopo lavvio dei lavori, consegnò le Rampe ormai finite ma in cui andava realizzata la parte verde e arborea. Il progetto certo è tutto del Poggi. Luomo che realizzò labbattimento delle mura voluto dallamministrazione decise di sfruttare lo spazio tra il fiume ed il nuovo piazzale per realizzare un sistema di terrazzamenti, strade, muri che stabilizzassero la collina da sempre San Miniato e San Salvatore al Monte sono alle prese con problemi di stabilità con tre livelli collegati dallacqua. Per alimentare fontane e vasche fu realizzato un collegamento lungo due chilometri di tubi in ghisa dai fossi di Gamberaia e Alinari, in via Pietro Tacca (dove ora ci sono gli Assi, ndr ) che da sotto il Piazzale mandava lacqua al livello più alto delle grotte e poi a cascata fino al livello più vicino alla torre. Oggi invece è stato realizzato un impianto che dal basso pompa lacqua fino in alto spiega De Grazia Per le grotte Poggi si ispirò a quella del Buontalenti a Boboli, facendo arrivare vere spugne marine da Livorno e integrando le decorazioni con finte spugne realizzate con gli scarti della lavorazione in ghisa per la balaustra del piazzale, mentre gli scalpellini realizzarono i capitelli in pietra serena, consumandoli per farli apparire antichi. La cava più importante usata fu quella di Monte Ripaldi e per i ciottoli di fiume si ricorse a vari torrenti. Per il restauro sono stati impiegati 30 quintali di ciottoli di fiume bianchi e neri della zona dellImpruneta, 150 spugne marine sono state ricollocate, sono state rimosse quintali di piante e radici, e per le piante ci siamo presi qualche licenza, come gli iris, che non cerano in origine. Poi è stata realizzata per motivi di sicurezza una ringhiera dietro il tratto più alto del primo terrazzamento, copiando quella ideata dal Poggi. Il Buontalenti non è stata lunica fonte di ispirazione. Poggi era un grande ammiratore di Michelangelo e nelle volute del livello superiore si vede il richiamo a quelle della Capella dei Principi, le Cappelle Medicee sottolinea larchitetto che si è specializzato proprio con una tesi sul progetto delle Rampe E si ispirò anche al Bramante, al suo cortile Vaticano, mentre Pucci per la parte botanica usò le conoscenze più avanzate in Europa, dove il Granduca Lorena lo aveva inviato per quattro mesi proprio per studiare gli altri Paesi.

Anche le Rampe però portarono con sé polemiche e problemi. Il progetto doveva costare 196.000 lire, questo era il preventivo, ma poi i cantieri si prolungarono fino al 1877 e complicarono, le ditte chiesero un arbitrato per i maggiori lavori sostenuti e alla fine le Rampe costarono 460.000 lire, più del doppio del previsto conclude De Grazia E lanno successivo, amareggiato per le continue critiche, il Poggi si ritirò a vita privata.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news