LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viaggio nella sala di Palazzo Vecchio appena restaurata grazie alla Fondazione Sacchetti
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 22/5/2019

Laria, lacqua, il fuoco, la terra e quel tetto rialzato che valse allartista la nomina di architetto di corte
Tutti gli elementi di Vasari

Era il 1555 quando Cosimo I chiedeva a Giorgio Vasari di metter mano alla decorazione della Sala degli Elementi di Palazzo Vecchio il cui progetto originario era già stato abbozzato da Bartolomeo Tassi. Una commissione ponte, fondamentale e strategica per lartista di corte, che avrebbe fatto da viatico a incarichi ben più prestigiosi solo dopo sarebbero arrivati il rifacimento del Salone dei Cinquecento, per dire, e il progetto degli Uffizi e del Corridoio Vasariano. Il lampo di genio di Vasari è presto detto.

Basta ascoltare quanto ci dice Sara Ragazzini del Servizio Belle Arti del Comune di Firenze, nostra guida nella decodifica delliconografia degli affreschi e nella comprensione del restauro che ha da poco reso autentici e brillanti i colori delle quattro pareti della Sala e del suo soffitto grazie al contributo di 800 mila euro della Fondazione Sacchetti presieduta dalla marchesa Giovanna Zanuso Sacchetti. Vasari ci spiega lei mentre ci illustra gli affreschi si rese conto, e ne abbiamo prova in vari suoi scritti (si legge nelle Vite tutte quelle stanze avevano poco sfogo, e erano nane affatto), che il soffitto della Sala progettata dal Tassi era troppo basso. Così, senza stravolgerlo e senza fare lavori troppo impegnativi e onerosi decise di rialzarlo facendo dei cassettoni dove poi è stata inglobata parte della narrazione pittorica. La cosa piacque talmente tanto a Cosimo I che da allora in poi la carriera di Giorgio sarebbe stata in ascesa.

La narrazione contenuta nelle tre pareti e nel soffitto ligneo i cui colori e le cui trasparenze sono appena tornati quelli di una volta grazie al sapiente restauro di due anni guidato da Laura Corti in collaborazione con la Direzione Servizi tecnici-Servizio belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio incrocia la celebrazione della signoria di Cosimo I, leitmotiv di tutto limpegno vasariano in città, con la rappresentazione dei quattro elementi del Cosmo: aria, acqua, fuoco e terra. Il ciclo narrativo aggiungono Sara Ragazzini e Marco Marchetti, uno dei restauratori che materialmente ha lavorato a togliere quegli interventi integrativi e quelle coperture fatte nei secoli nel corso di vari restauri (lultimo dei quali risale al 1960 e ha portato alla giustapposizione di olii non originali alle pareti e di cere di troppo e vernici al tetto) lo si deve a Cosimo Bartoli. Fu lui a progettare quanto segue.

Dal tetto inizia il racconto. Spiega Marco Marchetti: In alto vediamo la prima scena, quella che rappresenta lAria e che descrive pittoricamente il momento in cui Saturno evira Urano con la falce. Il suo membro, caduto nella acque del mare, genera Venere. Ed è la Nascita di Venere , nella parete est, a simboleggiare lelemento dellacqua. Mentre è ancora al tetto, tuttintorno allaffresco dellAria, che troviamo la rappresentazione delle 4 stagioni, della notte e del giorno, e di varie allegorie tra cui quella della giustizia. Continuando il giro in senso antiorario a parete, invece, ecco la parete dedicata a celebrare il fuoco. Qui viene rappresentata Venere che va in sposa a Vulcano il quale forgia le frecce di Cupido che andranno a colpire Giove.

Non basta: procedendo verso sinistra, ecco ancora la parete dedicata alla terra. Siamo nel regno di Saturno, dove il dio ha il volto di Cosimo I e dove i simboli del granduca sono numerosi. Intanto accanto alla sua effigie si staglia un Capricorno che tiene tra le zampe la palla dei Medici era lascendente di Cosimo I il quale volle fosse considerato il suo vero segno zodiacale perché era quello il segno di tutti i grandi, da Ottaviano Augusto a Carlo Magno poi poco più in là la tartaruga con la vela, simbolo di quel festina lente che avrebbe caratterizzato tutto il regno del granduca e che qui è di una fattura particolarmente delicata e di pregio. A fare da sfondo a questa scena un paesaggio a riprodurre la Sicilia considerata la terra delletà delloro per eccellenza. La parete sud, che è poi quella dove insistono le finestre, contiene le rappresentazioni di Mercurio e di Plutone (Ade) riferimento alla ricchezza del sottosuolo grazie alla quale Cosimo I ha potuto foraggiare la sua generosa attività di mecenate. I lati delle pareti sono incorniciati da medaglioni monocromi che raccontano scene di combattimenti tra figure mitologiche, mentre gli ottagoni del tetto, dove sono rappresentate le varie allegorie, rimandano alla pianta ottagonale della Cupola di Brunelleschi.

Che un così raffinato impianto iconografico fortemente celebrativo del potere dei Medici sia stato interamente restaurato con un cantiere a cielo aperto grazie alla generosità della famiglia Sacchetti ha il sapore di una piccola revanche, da parte di questo vecchio casato. Dal 1573 i Sacchetti erano diventati romani per via dei fiorentini di allora, proprio i Medici, che li cacciarono dalla città per sospette simpatie papali e vicinanza ai Guelfi. Mezzo millennio dopo la marchesa Giovanna Sacchetti, moglie dellultimo discendente di quellantica famiglia, scomparso nel 2010, è tornata da mecenate e ha regalato alla città il nuovo splendore della sala di rappresentanza affrescata da Vasari, Cristofano Gherardi e Marco Marchetti da Faenza. Furono loro, i collaboratori più stretti del Vasari, a portare a parete e a tetto, insieme al maestro, i cartoni che lui aveva preparato. Che ora hanno recuperato, splendidamente, esaltando trasparenze e colori.



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news