LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Il ministro indipendente e la sua scelta coraggiosa
Paolo Conti
Corriere del Mezzogiorno - Campania 23/5/2019

È andata bene: per Pompei, per un progetto scientifico e amministrativo apprezzato da tutti, per limmagine del ministero dei Beni culturali.

La conferma da parte del ministro Alberto Bonisoli di Massimo Osanna alla guida del parco archeologico più famoso del mondo chiude una lunga attesa che aveva scatenato numerose polemiche (ne hanno scritto Gian Antonio Stella e Vincenzo Trione) e aperto la strada a molti dubbi.

I fatti sono noti: Osanna dirige Pompei prima come soprintendente di Pompei, Ercolano e Stabia dal gennaio 2014 (nomina dellallora ministro dei Beni culturali Massimo Bray) poi, dal gennaio 2016 (Franceschini) come direttore generale. Dopo tre anni il suo incarico è scaduto, nel frattempo è diventato anche professore ordinario di Archeologia classica alla Federico II di Napoli.

A tutti sembrava naturale che la procedura per la nuova nomina fosse solo, come si dice in questi casi, una pura formalità. Osanna pilota Pompei con decisione e con chiarezza di intenti. Non cè stata mai nemmeno la penombra di un problema giudiziario: una autentica rarità, in un mondo attraversato da appalti, grandi investimenti economici, progetti in una terra oggettivamente difficile. Osanna non è ascrivibile ad alcuna area politica: è stata la sua forza, nonostante per qualcuno possa apparire (nella stagione in cui viviamo) una oggettiva debolezza.

Ma la conferma di Osanna non è stata una pura formalità. Si è partiti da un iniziale parterre di 47 candidati e si arrivati a tre finalisti: Osanna e due funzionarie del ministero, Maria Grazia Filetici e Maria Paola Guidobaldi. Proprio la Guidobaldi è stata avvisata solo ieri mattina della scelta di Osanna.

Dunque Bonisoli ha riflettuto fino allultimo e poi ha deciso per Osanna. Dicevamo: è andata bene. Perché la mancata conferma di un archeologo-manager titolare di uneccellente esperienza avrebbe provocato una inevitabile sollevazione del mondo scientifico e Bonisoli avrebbe dovuto spiegare il perché di unesclusione oggettivamente incomprensibile. Dunque il ministro ha il merito di aver deciso per il meglio, di aver resistito a più che verosimili sollecitazioni contrarie della sua area di riferimento, il M5S, che non ha mai manifestato particolare sostegno a Osanna. E di aver indicato la nomina prima delle elezioni europee: quasi a voler sottolineare due volte (la scelta di Osanna e la tempistica) un forte distacco dai partiti nel momento delle investiture.

Cera chi giurava che la poltrona di Pompei sarebbe stata aggiudicata dopo le urne, magari trasformandosi in una pedina di chissà quanti altri, e diversi, scambi. Così non è stato, e Bonisoli ha oggettivamente mostrato la sua Indipendenza con una scelta cristallina in cui le radici di Osanna (la prima nomina di Bray e poi quella di Franceschini) non hanno costituito un problema. Sono stati i risultati del triennio a pesare. Finalmente un capitolo normale in un Paese che lo è sempre meno. Auguri a Osanna e soprattutto a Pompei.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news