LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Il ministro indipendente e la sua scelta coraggiosa
Paolo Conti
Corriere del Mezzogiorno - Campania 23/5/2019

È andata bene: per Pompei, per un progetto scientifico e amministrativo apprezzato da tutti, per limmagine del ministero dei Beni culturali.

La conferma da parte del ministro Alberto Bonisoli di Massimo Osanna alla guida del parco archeologico più famoso del mondo chiude una lunga attesa che aveva scatenato numerose polemiche (ne hanno scritto Gian Antonio Stella e Vincenzo Trione) e aperto la strada a molti dubbi.

I fatti sono noti: Osanna dirige Pompei prima come soprintendente di Pompei, Ercolano e Stabia dal gennaio 2014 (nomina dellallora ministro dei Beni culturali Massimo Bray) poi, dal gennaio 2016 (Franceschini) come direttore generale. Dopo tre anni il suo incarico è scaduto, nel frattempo è diventato anche professore ordinario di Archeologia classica alla Federico II di Napoli.

A tutti sembrava naturale che la procedura per la nuova nomina fosse solo, come si dice in questi casi, una pura formalità. Osanna pilota Pompei con decisione e con chiarezza di intenti. Non cè stata mai nemmeno la penombra di un problema giudiziario: una autentica rarità, in un mondo attraversato da appalti, grandi investimenti economici, progetti in una terra oggettivamente difficile. Osanna non è ascrivibile ad alcuna area politica: è stata la sua forza, nonostante per qualcuno possa apparire (nella stagione in cui viviamo) una oggettiva debolezza.

Ma la conferma di Osanna non è stata una pura formalità. Si è partiti da un iniziale parterre di 47 candidati e si arrivati a tre finalisti: Osanna e due funzionarie del ministero, Maria Grazia Filetici e Maria Paola Guidobaldi. Proprio la Guidobaldi è stata avvisata solo ieri mattina della scelta di Osanna.

Dunque Bonisoli ha riflettuto fino allultimo e poi ha deciso per Osanna. Dicevamo: è andata bene. Perché la mancata conferma di un archeologo-manager titolare di uneccellente esperienza avrebbe provocato una inevitabile sollevazione del mondo scientifico e Bonisoli avrebbe dovuto spiegare il perché di unesclusione oggettivamente incomprensibile. Dunque il ministro ha il merito di aver deciso per il meglio, di aver resistito a più che verosimili sollecitazioni contrarie della sua area di riferimento, il M5S, che non ha mai manifestato particolare sostegno a Osanna. E di aver indicato la nomina prima delle elezioni europee: quasi a voler sottolineare due volte (la scelta di Osanna e la tempistica) un forte distacco dai partiti nel momento delle investiture.

Cera chi giurava che la poltrona di Pompei sarebbe stata aggiudicata dopo le urne, magari trasformandosi in una pedina di chissà quanti altri, e diversi, scambi. Così non è stato, e Bonisoli ha oggettivamente mostrato la sua Indipendenza con una scelta cristallina in cui le radici di Osanna (la prima nomina di Bray e poi quella di Franceschini) non hanno costituito un problema. Sono stati i risultati del triennio a pesare. Finalmente un capitolo normale in un Paese che lo è sempre meno. Auguri a Osanna e soprattutto a Pompei.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news