LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rovereto, palazzo Bossi Fedrigotti. Sgarbi: un tesoro da valorizzare come museo
Donatello Baldo
Corriere del Trentino 23/5/2019

«Un palazzo bellissimo, pieno di fascino, situato in una delle parti storiche della città». Vittorio Sgarbi, a Rovereto per il primo cda del Mart sotto la sua presidenza, ha deciso di visitare la residenza dei conti Bossi Fedrigotti a Borgo Sacco, per «accendere i riflettori su un edificio che andrebbe rianimato». «È un rito dei presidenti visitare palazzo Bossi Fedrigotti», ricorda Sgarbi. «Una collaboratrice di Rovereto mi ha indicato questo palazzo come possibile pied-à-terre – dice ironico – mi sono incuriosito e ho chiesto informazioni al sindaco. Ma più che per me penso che questo luogo possa diventare una sorta di Mart2 legato alla musica, alla storia». Sgarbi sollecita l’attenzione della Provincia di Trento, dell’amministrazione comunale, «di qualche fondazione privata». Ma prima di prendere impegni, Sgarbi si è limitato a una visita approfondita. Accompagnato dagli eredi, dall’assessore provinciale alla Cultura Mirko Bisesti, da quello comunale Maurizio Tomazzoni e dal sindaco di Rovereto Francesco Valduga, Sgarbi ha attraversato i saloni del palazzo munito di torcia elettrica per illuminare al meglio i quadri alle pareti, gli stucchi, gli affreschi, gli arazzi. «Meglio di come immaginavo», ha commentato. Il palazzo, di proprietà della nobile famiglia Bossi Fedrigotti fin dal 1400, è stato ristrutturato attorno al 1700. Tre piani da 2.400 metri quadri di superficie, un sottotetto da 700 e un parco da 7000. Un palazzo che per lungo tempo è rimasto in vendita, senza però alcun riscontro. Dai 3 milioni di euro del o prezzo di partenza, la cifra si è abbassata a 2 milioni e a 1 milione e 700 mila euro. Ma la proprietà è ancora intenzionata a vendere? «Tutto dipende dalla proposta che verrà fatta – afferma l’erede Valérie Bossi Fedrigotti – ma il bene è rimasto in vendita per 10 anni e non si è mosso mai nulla. Per questo, più che una vendita ora sarebbe preferibile una collaborazione, una partnership con realtà pubbliche o private».

«Sgarbi porta l’attenzione su un palazzo che sarebbe interessante restituire a una funzione pubblica. Questo va nella direzione di una cultura diffusa sul territorio», ha detto il sindaco Valduga.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news