LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La beffa di Banksy al sistema dell’arte
Vincenzo Trione
Corriere della Sera 26/5/2019

Una bancarella tra i turisti a Venezia
Il pittore allontanato dai vigili potrebbe essere lo stesso artista

Ancora Banksy. Il pacifico terrorista dell’arte si diverte a effettuare atti provocatori e imprevedibili, di cui poi, a distanza di qualche giorno, rivendica la paternità. Venerdì scorso il misterioso artista di Bristol, sul suo profilo Instagram, ha annunciato di essere l’autore dell’opera apparsa durante i giorni del vernissage della Biennale di Venezia. Su un muro del sestiere Dorsoduro, vicino Campo Santa Margherita, è stato dipinto, con un bianco e nero neorealista, un momento di drammatica attualità: un bambino — con ogni probabilità un migrante — tiene in mano un bengala, dal quale fuoriesce un fuoco viola, forse una richiesta d’aiuto.

Intanto, mercoledì scorso lo stesso anonimo artista inglese — sempre su Instagram — ha postato un video. Potrebbero trattarsi di uno dei tanti corti amatoriali girati dai turisti con il cellulare. Sullo sfondo, Piazza San Marco e Palazzo Ducale. E, poi: i canali, i ponti. E ancora: gondolieri, turisti, venditori ambulanti. In sottofondo, suonata da una fisarmonica, Whetever Will Be, Will Be. Fin qui, una scena cartolinesca: potrebbero essere le sequenze di To Rome with Love di Woody Allen. Poi, sul set, entra un artista di strada, con un impermeabile e un cappello. L’uomo monta una bancarella e installa una serie di nove quadri di diverso formato, accompagnata dal cartello «Venice on Oil». Come un mosaico: una sorta di reinterpretazione del vedutismo settecentesco. Vi appare qualche cosa cui i veneziani e i turisti si sono oramai abituati: una gigantesca nave da crociera che attraversa la Laguna. Una presenza aggressiva e disturbante, che altera in maniera violenta il paesaggio veneziano. Una situazione visivamente non molto diversa da quella che aveva filmato Bernardo Bertolucci in un documentario del 1967, La via del petrolio, che mostrava l’ingresso di monumentali imbarcazioni attraverso il Canale di Suez. Ascoltiamo il dialogo tra due passanti. «È veramente bello, anche più bello di quello che abbiamo visto in Biennale», dice una persona, commentando quei quadri iperfotografici. «Le navi da crociera possono andare a navigare, ma questo è un mostro», ribatte un turista. Infine, alla bancarella si avvicinano i vigili, che chiedono all’artista se sia in possesso dell’autorizzazione. Costretto a smontare il suo improvvisato negozietto, il pittore va via, mentre un’altra nave da crociera incombe alle sue spalle.

Nel post in cui Banksy ha confessato di essere l’autore di queste opere, si legge: «Sto preparando la mia bancarella alla Biennale di Venezia. Nonostante sia il più grande e prestigioso evento artistico del mondo, per qualche motivo non sono mai stato invitato».

Dietro questa beffa, tante illazioni. È Banksy l’artista ammantato che appare nella clip? Oppure, egli si è limitato a dirigere questa «fiction», nella quale sarebbero state coinvolte tre comparse (il pittore che monta il cavalletto, un videoperatore e un attore), poi fermate dalla polizia?

Al di là di queste più o meno fantasiose illazioni, le recenti uscite veneziane rivelano con forza il senso del lavoro di Banksy, che sembra oscillare tra scelta dell’anonimato, rifiuto dell’artworld e impegno politico.

Per un verso, forse memore della lezione di tanti artisti medioevali, Banksy si sottrae al culto dell’artista come brand e come griffe. Come pochi altri (Elena Ferrante), egli ha capito che, nella «civiltà dello spettacolo» (come l’ha chiamata Vargas-Llosa), meno si appare più si esiste. Nel tempo dell’«egocalisse», meglio rendersi invisibili. Introvabili. Costruire intorno a sé un alone di mistero. Nascondersi. Difendere un’ostinata clandestinità. Parlare solo con le proprie opere e con i propri gesti, disseminando tracce verosimili, per confondere coloro che provano a svelarne l’identità.

Per un altro verso, Banksy, come ha detto anche nel post di mercoledì scorso, vuole trasgredire i confini istituzionali del sistema dell’arte. Profonda la sua insofferenza nei confronti dei musei, delle gallerie, dei grandi eventi (la Biennale, la Documenta di Kassel) e di ogni tipo di mediazione (critici, direttori di musei, galleristi, dealers). Incendiario, si sottrae a ogni possibile strumentalizzazione mercantile. Sceglie, perciò, di muoversi in campo aperto, elaborando un’arte «di strada». Si porta al di là dei confini della cornice del quadro, depositando sui muri di molte città del mondo le sue drammaturgie selvagge.

Per un altro verso, infine, Banksy pensa l’arte come pratica militante, civile, impegnata. Le sue opere e le sue azioni hanno il valore di scritture corsare spesso incise in luoghi dalla forte valenza simbolica (ad esempio, in Cisgiordania). Indocili e irrequiete iconografie che hanno la funzione di richiamare la nostra attenzione su alcune emergenze sociali. Cronista e attivista, Banksy si fa inviato speciale tra i drammi dell’età contemporanea. Polemico verso i miti della globalizzazione e dell’omologazione, sorretto da slancio testimoniale, come dimostrano anche le sue incursioni su Instagram e su Twitter, ci parla di emarginazioni, di alienazioni, di apocalissi imminenti, di autodistruzioni, di povertà, di handicap. E, inoltre: riflette sui dispositivi elettronici che segnano le nostre esistenze. E, come dimostra la recente performance veneziana, si interroga anche sui devastanti effetti del turismo di massa sul destino delle città storiche. Affidandosi a immagini giocose, dense di richiami alla Pop Art, al graffitismo e ai cartoon e, insieme, perturbanti, capaci di insinuare in noi domande: ricorre a rappresentazioni pittoriche ludiche per affrontare tematiche dolorose.

È qui il programma etico, estetico e politico di Banksy, enunciato da lui stesso nel tweet fissato che ha scelto per il suo account: «La nostra generazione pensa che sia cool fregarsene. Non è così. L’impegno è cool. Prendersi cura è cool. Rimanere fedeli è cool. Provateci».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news