LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia rimandata dallUnesco
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 26/5/2019

Tutto rinviato al prossimo anno. Venezia si salva, almeno per ora dalla black list dellUnesco.

La draft decision, ossia la bozza di decisione preparata in vista della riunione annuale che si terrà a luglio a Baku, da infatti altri otto mesi a Ca Farsetti e al governo perché gran parte delle iniziative previste sono rimaste ancora solo sulla carta. Dalle navia al Mose fino alla gestione del turismo.

VENEZIA. Tutto rinviato al prossimo anno. Venezia si salva, almeno per ora dalla black list dellUnesco. La draft decision, ossia la bozza di decisione preparata in vista della riunione annuale che si terrà a luglio a Baku, concede infatti altri otto mesi a Ca Farsetti e al governo (fino a febbraio, poi decisione a luglio 2020) perché gran parte delle iniziative previste sono rimaste ancora solo sulla carta. Dalle navi (su cui però apre alla soluzione canale dei Petroli e Vittorio Emanuele caldeggiata dal sindaco e dal governatore del Veneto: E stato riconosciuto limpegno del Comune per la salvaguardia di Venezia, dice Luigi Brugnaro) al Mose, dalla gestione del turismo alle ripercussioni dei cambiamenti climatici. Un miglioramento nello stato di conservazione e ulteriori progressi nella mitigazione sono ancora necessari per mantenere lautenticità e lintegrità della città e proteggere il sito a un livello che possa prevenire liscrizione nella lista dei siti patrimonio dellumanità in pericolo, scrivono World Heritage Centre, Icomos e Iccrom, le agenzie strumentali dellUnesco.

Tanto basta a scatenare la reazione stizzita di Italia Nostra. Una decisione che lascia stupefatti, essendo anche in contraddizione con atti precedenti, scrive il consiglio direttivo della sezione di Venezia elencando tutta una serie di criticità. A partire dal fatto che lUnesco saluta il percorso alternativo identificato per la riallocazione della navi superiori a 40 mila tonnellate a Marghera e quindi ancora in laguna. Ma lopzione Marghera non esiste più come non ci sono i provvedimenti sul turismo: tornelli e spostamento dei lancioni lontano da San Marco sono revocati attacca lassociazione ambientalista Ignorano che la delibera blocca alberghi riguarda solo una piccola parte del territorio comunale, che non è stato coinvolto il sindaco di Chioggia dove cè il deposito Gpl. LUnesco preferisce chiudere gli occhi, in questo modo contraddicendo il loro compito fondamentale: la tutela e la salvaguardia del patrimonio mondiale.

In realtà lOrganizzazione delle Nazioni Unite chiede maggiori dettagli e soprattutto, che le misure siano applicate, perché oggi ancora non lo sono, rimaste solo sulla carta. A partire dallestromissione delle crociere da San Marco: Nuove misure sono state messe in campo per permettere comunque alle navi di raggiungere la Marittima ma il cronoprogramma dettagliano e il piano complessivo del progetto, incluse le valutazioni di impatto devono ancora essere fornite. Un assist perfetto per il sindaco, che non aspettava altro per aumentare il pressing sul ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli tuttaltro che deciso ad intraprendere questo percorso. Nel documento si definisce positivamente con un welcome la soluzione che fa passare le navi attraverso il canale dei Petroli e il Vittorio Emanuele per raggiungere la Marittima e far accostare nel nuovo terminal di Marghera quelle più grandi, salvaguardando così lindustria crocieristica dice Brugnaro E la soluzione ferma sulla scrivania del ministero delle Infrastrutture, ora il Comitato del Patrimonio mondiale chiede non solo di avere il progetto dettagliato, ma soprattutto la tempistica di avvio dei lavorino. Mi pare che non ci sono più alibi: la comunità internazionale ci chiede di andare avanti, il Vittorio Emanuele è la soluzione più rapida ed urgente senza pregiudicare alternative più a lungo termine. LUnesco chiede sviluppi anche sul Mose e sulla road map dettagliata sulla laguna su cui però il Comune non ha competenza. Diverso il discorso invece sul turismo (su cui Venezia resta soggetto cumulativo delle minacce potenziali).



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news