LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia, Vittoria alata. Dopo gli interventi la statua non tornerà ringiovanita. Ma «leggibile»
a.tr.
Corriere della Sera - Brescia 28/5/2019

Mutilata di ali e braccia, appoggiate sul tavolo accanto, spiata e fotografata persino con scostumate inquadrature «ginecologiche» da certi ospiti dell’Opificio, la dea è ancora sdraiata sul lettino della sala operatoria. Dal suo ricovero a Firenze (dove è stata trasportata d’urgenza per problemi posturali lo scorso 12 luglio), la Vittoria Alata ha perso 83 chili. Sono i frammenti di terracotta, legno, gesso, stoppa e resina che gli eccellenti restauratori dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze hanno rimosso sotto alla sua tunica: ogni lacerto del riempimento della statua, amalgamato nell’Ottocento per reggere il supporto di ali e braccia, è stato estratto, mappato, catalogato e pesato. Se dai microscavi affiorassero tracce delle terre di fusione, si riuscirebbe a scoprire con certezza l’origine della statua, se sia stata fusa a Brescia o altrove. Gli esperti per ora non sciolgono la prognosi: «Occorrono dati certi».

Nel frattempo, grazie anche ai generosi bonifici dei mecenati che hanno contribuito a pagarne le cure (con l’Art bonus sono stati raccolti 690 mila euro su un preventivo che supera i 900 mila) i restauratori hanno studiato ogni centimetro della dea e della sua veste plissettata, indagato e prelevato oltre duecento elementi e iniziato una delicatissima pulizia della pelle, per ora concentrata sul ventre (dove erano depositati materiali bruciati e addirittura resti microscopici di ossa) con aspiratori sofisticati e un preparato di base acquosa: l’incarnato verdastro non sparirà, ma saranno attenuate certe insopportabili sfumature giallognole.

Al suo rientro a Brescia, la statua dimostrerà tutti i suoi duemila anni (gli esperti dell’Opificio tendono ad accreditare la tesi che la vorrebbe risalente al I secolo dopo Cristo). «Una cosa deve risultare fondamentale: l’obiettivo del restauro non è far tornare l’opera al suo primitivo splendore, ma renderla leggibile e farla apparire nella sua antichità e nelle attuali condizioni. Elimineremo tutti gli interventi precedenti, ma rispetteremo le naturali discromie che le appartengono» spiega il sovrintendente Marco Ciatti.

La prossima settimana, i suoi restauratori sfileranno dalla tunica della dea l’asta da 25 chili che le era stata applicata nell’Ottocento per reggere le ali e le braccia: attualmente, si sta studiando un nuovo e iper tecnologico supporto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news