LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Reggia di Caserta e il nuovo quasi direttore
Fabio Antonio Grasso
Left 28/5/2019

Non c’è che dire la Reggia di Caserta non ha pace. Sembra di trovarsi davanti ad un caso di macumba. Dopo gli anni della molto discussa gestione di Mauro Felicori e un lungo interim, finalmente nei giorni scorsi era stato tirato fuori, dalla terna finale del concorso internazionale, il nome della nuova direttrice, l’architetto Tiziana Maffei. Tutto risolto? Assolutamente no perché, in realtà, è stato presentato un ricorso da un dirigente dello stesso ministero, il dottor Antonio Tarasco, che in prima sessione aveva ottenuto il punteggio più alto fra tutti i 77 partecipanti al concorso e quindi aveva il diritto di accedere alla terna finale per la valutazione conclusiva.

Così è descritto l’accaduto: «Il mancato inserimento del candidato Tarasco all’interno delle terne da proporre al Ministro – sottolineano poi i legali – ed in particolare per quanto concerne la terna per la Reggia di Caserta, appare evidentemente il frutto di un errore di calcolo della stessa Commissione esaminatrice. Diversamente, si tratterebbe di una deliberata ed ingiustificata esclusione» (https://napoli.repubblica.it/cronaca/2019/05/26/news/reggia_caserta_primo_ricorso_bando_direttori_escluso_candidato_con_maggior_punteggio-227194345/?fbclid=IwAR3yjI-zodawYMV__XSN5YwN-J1Fzeyq4cudCyILxGi_ialaQvqIEdH06jg ).
La magistratura chiarirà la questione. Quello che colpisce in modo drammatico in tutta questa vicenda non è però il presunto errore di calcolo ma sono i titoli del candidato estromesso. La stessa fonte ci informa che «Antonio Tarasco, dirigente di seconda fascia della Direzione generale musei, è autore di un libro che espone una idea moderna e innovativa di gestione dei beni culturali, ed ha conseguito l’abilitazione da professore ordinario di diritto amministrativo».
Quindi, riassumendo, un sito monumentale importante a livello mondiale come la Reggia casertana può essere diretto anche da un professore di diritto amministrativo. Poco sembra contare che un candidato conosca la storia dell’architettura o dell’arte, poco conta che sappia disegnare o meno, o che sappia dove sia di casa una prospettiva o, meglio ancora, che conosca la vita e le opere del Vanvitelli che quell’edificio progettò. Ci chiediamo se valga intanto il principio di reciprocità, se ciò a tenere lezioni di diritto amministrativo possa essere messo anche un docente di storia dell’architettura o peggio ancora uno di restauro dei monumenti. Evidentemente no. E tutto questo, in generale, a completamento di una sorta di diffuso marasma generale fondato su una preparazione dei dirigenti sempre più approssimativa e vaga, lo chiamano olismo. Sullo sfondo di questa ennesima vicenda a tratti tragicomica si staglia quell’immane carrozzone che è l’ultima creazione dalle forme dell’evo franceschiniano, ovvero la Scuola del Patrimonio, ennesima occasione persa, è vero, ma chicchissima perché riccamente ornata con altissimi dirigenti ministeriali in pensione come docenti. Forse quell’istituto, diversamente strutturato, dovrebbe essere usato, invece, per preparare proprio quei dirigenti, anche ministeriali, da mandare a curare i grandi musei oppure i complessi storici come la Reggia di Caserta. Della scuola dovremo tornare a parlarne ovviamente.

https://left.it/2019/05/28/la-reggia-di-caserta-e-il-nuovo-quasi-direttore/


news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news