LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scilla o Cariddi: Firenze e il blocco dell'urbanistica
Duccio Traina*
Corriere Fiorentino 29/5/2019

* Duccio Traina Avvocato

La variante al regolamento urbanistico «sospesa» dal Consiglio di Stato ha un suo antecedente nella vicenda (ancora aperta) relativa a un palazzo storico in cui la Cassazione, sposando una nozione che non fa parte della nostra tradizione, ha affermato che il restauro non consente né di modificare la destinazione d’uso né di aumentare il numero delle unità immobiliari se non si rispetta l’impianto tipologico distributivo degli edifici.

Se si considera che a Firenze il restauro era il massimo intervento consentito per tutti gli immobili sottoposti a vincolo storico-artistico e, con la sola eccezione dei fabbricati recenti, per quelli ubicati nella «zona Unesco», nei centri storici minori e nel tessuto di formazione otto-novecentesca, ne derivava l’impossibilità di recuperare a nuovi usi circa il 42% del patrimonio edilizio esistente. E ciò, paradossalmente, anche se l’autorità preposta alla tutela dei valori architettonici (la Soprintendenza alle Belle Arti), proprio come nel richiamato caso giudiziario, riteneva le trasformazioni compatibili e addirittura migliorative, in quanto capaci di recuperare i valori insiti in fabbricati rovinati da anni di incuria o, peggio, da disattenti interventi eseguiti nel passato. Un colpo durissimo per chi voleva cambiare le destinazioni incongrue (quelle preesistenti ma non più consentite o meramente «tollerate» dallo strumento urbanistico), adibire a nuove funzioni antichi e meno antichi palazzi, favorire il recupero di immobili anche pubblici non più in grado di ospitare le precedenti attività, dalle caserme alle sedi giudiziarie, dai conventi alle grandi case padronali.

Addio anche alla smart city e ai recuperi urbani (chi li avrebbe pagati? Chi avrebbe animato di vita i vecchi fabbricati?), ad onta di tutti gli sforzi normativi per favorire la rigenerazione urbana e con grande soddisfazione per chi, molto probabilmente, sarebbe presto tornato a invocare nuove aree fabbricabili vista l’impossibilità di recuperare in modo efficiente gli edifici esistenti.

Per evitare l’ingessamento della città si davano allora solo due soluzioni: modificare la definizione legislativa di restauro o allargare le maglie del regolamento urbanistico per consentire anche gli interventi di categoria immediatamente superiore, e cioè la ristrutturazione edilizia.

Tale era il problema che si sono fatte entrambe le cose: nel 2017 il Parlamento ha modificato la norma che disciplina il restauro, al fine di prevedere ancor più esplicitamente (ma già lo consentiva in precedenza: vi è copiosa giurisprudenza amministrativa in tal senso) la possibilità di mutamento delle destinazioni d’uso; nel 2018 il Comune ha variato il proprio strumento urbanistico al fine di consentire la ristrutturazione ma con tutta una serie di limitazioni (conservazione della distribuzione interna principale, delle quote di imposta dai solai strutturali, delle coperture, degli apparati decorativi, degli elementi tipologici, della sagoma ad esclusione delle superfetazioni) che fanno sì, in pratica, che si sono venuti a consentire gli stessi interventi ritenuti di restauro prima che la Cassazione ne affermasse una nozione ultrarestrittiva.

Problema risolto? No di certo. La Cassazione, anche dopo la modifica normativa, ha continuato tranquillamente (e incredibilmente) ad affermare, con riferimento ad un altro palazzo storico fiorentino, che il restauro non ammette modifiche della destinazione d’uso.

Il vecchio detto che basta una virgola del legislatore per mandare al macero un’intera biblioteca giuridica, evidentemente, non è più attuale: vale anzi il contrario. Il Consiglio di Stato, da parte sua, ha detto che la ristrutturazione, seppur «leggera», non si addice ai palazzi del centro storico.

È evidente che uno dei due si sbaglia; molto probabilmente entrambi.

Intanto l’Urbanistica, quella con la U maiuscola, quella capace di guidare verso il bello e il giusto le trasformazioni della città, salvaguardandone i valori e tramandandoli alle future generazioni e nel contempo assicurando che viva e si adegui alle mutate esigenze, si trova oggi bloccata tra Scilla e Cariddi.

Riuscirà, come Ulisse, a passare indenne?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news