LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C’è un altro museo dentro gli Uffizi
C.D.
Corriere Fiorentino 30/5/2019

Il testa a testa tra la scuola fiorentina e quella veneziana, nella pittura cinquecentesca, ha da ieri il suo palco: 14 nuove sale agli Uffizi per 105 opere, tante dai depositi, su 1.100 metri quadrati, al primo piano dell’area di Ponente. Con questa nuova presentazione la riscrittura della trama narrativa della Galleria di Eike Schmidt, che si distanzia dall’allestimento del precedente direttore, arriva quasi a compimento. Il lavoro di sistemazione di queste sale dona alla Venere di Urbino di Tiziano una stanza a sé: siamo nella sala 10, l’opera è tra la Flora , sempre del Vecellio, e la cosiddetta Fornarina di Sebastiano del Piombo ed è anticipata, in una anticamera, dalla Venere e Cupido con cagnolino ancora del pittore veneto. Ma se questo è l’akmé della nuova idea del ‘500 agli Uffizi, è tutto il percorso che va capito. Ieri il narratore della nuova soluzione espositiva di Schmidt, applauditissimo, è stato Antonio Paolucci, che già aveva apprezzato anche pubblicamente le sale di Leonardo, Michelangelo e Raffaello. «Quanto hanno fatto Schmidt, con l’architetto Antonio Godoli — ha detto l’ex ministro e storico dell’arte — ha richiesto una sensibilità particolare. Si trattava di sintetizzare un secolo come il Cinquecento. Si trattava di mettere insieme la sua squisita e raffinata eleganza, la sua appassionata e tormentata religione, e ancora l’apertura verso il vero, la rappresentazione delle attitudine e degli affetti, come diceva Giorgio Vasari, il classicismo, il simbolismo e l’erotismo di quel secolo». Tutto questo si sostanzia in un percorso che parte con i ritratti dei coniugi Panciatichi di Agnolo Bronzino. Siamo nella sala del Bronzino meno noto — a parte queste due opere — con il bel Compianto sul Cristo Morto e con l’affollata rappresentazione dei Diecimila martiri . A sintetizzare quanto si vedrà nel prosieguo ci pensa la grande sala successiva, quella delle dinastie, con la celebrazione della famiglia Medici, sempre da parte dell’allievo del Pontormo, e della famiglia della Rovere che si imparentava coi signori di Firenze grazie al matrimonio tra Vittoria con Ferdinando II dei Medici. «Si deve a lei — ha ricordato Schmidt — la presenza qui a Firenze delle grandi collezioni marchigiane. Vittoria portò in città i grandi Tiziano e i grandi Raffaello, e in questa sala è celebrata nel Ritratto di Vittoria della Rovere in culla di Tiberio Titi che fa da contraltare a quello di Eleonora di Toledo , moglie di Cosimo I del Bronzino. Siamo di fonte a due grandi protagoniste del mecenatismo». La sala del Pilastro espone le grandi pale d’altare della Controriforma, con la Madonna del Popolo di Federico Barocci, al centro della narrazione. Due studioli sono dedicati uno al gusto per il classicismo (con Allori, Vasari e la bellissima Allegoria della Fortuna di Jacopo Ligozzi) e un altro di nuovo a soggetti della Controriforma (ancora Allori, Cambiaso e soprattutto la bellissima Caduta degli angeli ribelli , di Andrea Commodi fino a ora nei depositi). Poi, e si cambia colore per le basi su cui sono affisse le opere che da qui saranno verdi (i fiorentini poggiavano sul grigio scuro, mentre le grandi pale sul grigio chiaro, quasi una pietra) ecco l’apoteosi della scuola veneta. Coi Tiziano i Giorgione, i Lotto di Susanna e i Vecchioni e della Sacra famiglia . Una sala è dedicata a Tintoretto con la sua Leda e il cigno , tra le altre opere, e una al Veronese coi suoi soggetti sacri e mitologici. Mentre, interessante, è l’apertura della finestra sull’Arno, un tempo coperta da vetri spessi, della sala con La nuda del modernissimo Bernardino Licinio.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news