LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi. Il futuro? Con questo lavoro lascio comunque una traccia
Corriere Fiorentino 30/5/2019

Schmidt e l’attesa per le decisioni del ministro Bonisoli sulla sua direzione

Spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt che l’inaugurazione delle nuove sale del Cinquecento è un punto d’arrivo. «Questo è il coronamento di un percorso lungo iniziato nel 2016 quando abbiamo rifatto le sale di Botticelli, dove sono state sperimentate le nuove teche che proteggono i quadri dagli attacchi di un matto e dal respiro dei visitatori. Poi, dopo un anno, abbiamo riallestito le sale di Caravaggio e caravaggeschi, con un fondo rosso velluto, in seguito ci siamo concentrati su quelle di Michelangelo, Leonardo e Raffaello e abbiamo restituito alla città la Contini Bonacossi, poco più di un anno fa, dopo 49 anni dalla donazione; restano da fare le sale del primo ‘500 con Andrea del Sarto e la Scuola di San Marco e quelle degli Autoritratti , anche queste 14 come quelle che presentiamo oggi (ieri, ndr ), dove vogliamo realizzare un percorso dedicato alla più grande collezione al mondo di questo genere». Ma il futuro del direttore? «Qualunque cosa deciderà il Governo sulla mia riconferma, io coi mie collaboratori resteremo comunque a Firenze grazie a questo lavoro di riallestimento, come è accaduto a Roberto Salvini che resterà sempre qui dentro grazie alla “sua” Sala di Giotto», dice Schmidt nel presentare l’impresa a cui più tiene. Si tratta del riallestimento delle 14 sale — in 1110 metri quadrati nell’ala di Ponente— dedicate ai capolavori del Cinquecento, fiorentini e veneziani. «Questi ultimi — ricorda il direttore — forse poco valorizzati in passato per un comprensibile campanilismo tutto fiorentino e che sono forti di capolavori di Tiziano, Giorgione, Tintoretto Lorenzo Lotto tra i più belli nel modo».

La metà della collezione presentata ieri in una nuova logica espositiva è arrivata in città grazie a Vittoria della Rovere, che ha portato i grandi Tiziano e Raffaello di cui questa città è ricchissima, lei che, seconda grande mecenate donna, dopo e insieme a Eleonora di Toledo, il nuovo allestimento ha voluto valorizzare nella grande Sala delle dinastie che fa da cerniera a tutto il nuovo percorso espositivo.

Schmidt, a latere della presentazione, parla di ieri di oggi e di domani. Non dà una parola definitiva sulla sua permanenza dopo ottobre quando sarà scaduto il termine del suo primo mandato. Dice e dice da mesi: «Non dipende da me, ma dalla politica». Racconta di come in questi ultimi giorni abbia lavorato fino a notte fonda con un gruppo di collaboratori validissimi e che «quando mi fermavo da solo nella Sala del Pilastro (quella che espone le grandi Pale della Controriforma ndr ), pensavo che il mio obiettivo era quello di rendere comprensibile e visibile in un solo ambiente cosa è stata la religiosità di questo secolo tanto complesso». Parla a tutto campo Schmidt anche guardando al futuro meno prossimo: ricorda, infatti, che per il completamento di tutto il progetto dei Nuovi Uffizi bisognerà attendere fino al 2024. «Allora — dice — questo museo avrà al pianterreno altri spazi, nell’area di Levante, per esporre la statuaria antica, la pittura del pieno Seicento fino al Settecento, fino ad Anna Maria Luisa dei Medici e a Pietro Leopoldo. Poi la storia dell’arte continua a Palazzo Pitti, nella Galleria d’Arte Moderna». L’idea di Schmidt è che dentro gli Uffizi andrebbe raccontata tutta la collezione fino al 1769 quando per la prima volta le Gallerie furono aperte a tutti. Un grazie va ai Friends of Uffizi, incontrati pochi mesi fa a Palm Beach dove ha raccolto 100 mila dollari per la Sala della Venere di Urbino , e alla mecenate che ha pagato il restauro della Sacra famiglia di Lorenzo Lotto. E poi un riferimento ai lavori per il Corridoio Vasariano: «Abbiamo fatto l’ultima conferenza di servizi giusto due settimane fa. Adesso davvero la palla passa a Roma e a Invitalia a cui tocca bandire il concorso per dare il via ai lavori». Comunque sia entro la fine del suo primo mandato il Corridoio non sarà pronto.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news