LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Una vita a custodire l'albero più antico
Paolo Coccorese
Corriere della Sera - Torino 31/5/2019

Il nonno albero di Torino ha perso il più fedele dei suoi amici. È andato in pensione il giardiniere della Tesoriera. Mimmo Munaò, 66 anni, dall82 giardiniere del Comune, ultimo responsabile del parco di corso Francia.Per quasi ventanni in questi prati e vialetti si è svolta la mia vita racconta con un sorriso . Ogni mattina lapertura del cancello alle 7.30, poi il controllo dei vialetti, la verifica della pulizia del bagno.... Un percorso di routine con una tappa obbligata davanti al platano più vecchio di Torino. Quasi 300 anni di vita, un fusto di venti metri di circonferenza e una chioma alta 15 metri. Un monumento alla forza della natura nel cuore della città più trafficata. Ogni giorno mi fermavo a contemplarlo. Spesso mi trovavo ad abbracciarlo, come fanno tante persone che vengono a parlargli e a captare, in silenzio, la sua energia. Guardando il nonno tutte le preoccupazioni e gli stress diventavano più piccoli. Jimmy Fontana cantava: Nel tuo silenzio io mi perdo e sono niente accanto a te. Aveva ragione.
Il giardiniere Domenico Munaò non ha anticipato la pensione sfruttando la quota 100, ma è rimasto a lavorare fino allultimo giorno e, libero dal lavoro da neanche una settimana, ritorno quasi ogni giorno a vigilare su quel tronco piantato ai tempi di Vittorio Amedeo II di Savoia. Sono andato in pensione perché me lo ha ordinato il Comune, racconta. Prima e poi doveva arrivare laddio alla Tesoriera dove ha lavorato per quasi 20 anni: raccogliendo le foglie, vangando e concimando i prati, curandone i fiori assediati puntualmente dalla festa dellultimo giorno delle scuole. Ogni anno qui è un manicomio. Arrivano tanti ragazzini: si buttano nella fontana e giocano a palla, spiega il giardiniere. Si divertono, non ci sarebbe niente di male, se giugno non fosse anche il mese della semina. Per evitare che calpestino i terreni appena lavorati, li devo rincorrere dice ridendo . Ho ricevuto anche un encomio ufficiale del responsabile della biblioteca musicale. Una medaglia sul petto di questo dipendente del Comune difensore della cornice verde della villa settecentesca costruita per Aymo Ferrero di Cocconato: il tesoriere generale dello stato sabaudo.

In questo parco una volta cerano quattro giardinieri. Poi, diventata questa una professione in via destinzione, ero rimasto solo io. Il suo successore? Un ragazzo, uno degli ultimi rimasti nella storica e gloriosa truppa di addetti al verde di Torino. Gli eredi, in qualche modo, di Ernesto di Sambuy, il mecenate del giardini della città dinizio Novecento.

Sono nato a Massa, ho lavorato come collaudatore alla Fiat poi ho aperto un negozio di dischi. Suonavo, facevo politica. Poi, ho dovuto mettere la testa a posto. Non avrebbe mai pensato di diventare giardiniere, ma il posto fisso nel pubblico era troppo allettante. Consigliato da mia madre, andai al Palasport e feci il concorso. Cerano 8 mila persone per 80 posti, ricorda Munaò che nell82 come primo incarico venne spedito a spostare i cadaveri del cinema Statuto e, poi, a fare la prova di sei mesi al deposito del Valentino. Ho sofferto un freddo terribile. Ci diedero una divisa con un basco e dei pantaloni così ruvidi che sembravano fatti di carta vetrata. Ogni mattina cera la convocazione in cortile dal responsabile. Un sergente Hartman in versione piemontese. Non lo capivo, il mestiere ho dovuto rubarlo, aggiunge davanti a quel platano più forte di tutti. Quando gli hanno tolto le panchine di sotto e imbracato i rami, ho capito quando fosse fragile e allo stesso potente questo albero. Essere vivente sotto scacco dei funghi e dei fulmini. Racconta: Tanti persone vengono a parlargli. I più belli? I bimbi. A cui Mimmo ha lasciato in eredità il nonno albero di Torino.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news