LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il San Carlo si rifà il look, partiti i lavori alle facciate. Termineranno ad ottobre
Anna Santini
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/5/2019

Appalto vinto da una Ati romana. L’importo è di 800 milioni

Napoli. Entro la fine dell’anno e prima che sia inaugurata la stagione 2019-2020, il Teatro San Carlo sarà stato restituito alla città e al suo pubblico completamente restaurato. Sono infatti cominciati i lavori del progetto di restauro delle facciate del Massimo partenopeo la cui durata è fissata in 156 giorni proprio per consentire che all’avvio della stagione lirica gli interventi siano conclusi.

La gara, bandita dal Provveditorato alle opere pubbliche, è stata vinta dal raggruppamento temporaneo di imprese di Roma “Ger” e l’importo dei lavori è pari a 800 mila euro lordi, risorse derivanti dai Fondi sviluppo e coesione. «L’intervento è di rilevanza notevole — ha detto il provveditore delle Opere pubbliche, Giuseppe D’Addato — ed è volto innanzitutto alla sicurezza della pubblica incolumità oltre che alla restituzione del grande valore storico, artistico e monumentale dell’edifico che è patrimonio Unesco». Il progetto è stato curato dal Provveditorato alle opere pubbliche con la collaborazione della Soprintendenza archeologica di Napoli — che vigilerà sullo svolgimento dei lavori — e del Comune di Napoli. Gli interventi riguardano la facciata del teatro che affaccia su via San Carlo e la Galleria Umberto I e in particolare interessano i prospetti in stile neoclassico realizzati da Antonio Niccolini. Il restauro — come sottolineato — sarà di tipo conservativo e nell’occasione sarà anche rimossa la rete di protezione installata che era stata precedentemente posta a causa dei numerosi distacchi di intonaci. Per quanto riguarda il colore che sarà utilizzato, il soprintendente Luciano Garella ha affermato che «di regola ce lo suggerisce il monumento stesso e pertanto al momento non sappiamo ancora quale sarà ma sappiamo con certezza che si lavora per la ricerca delle soluzioni cromatiche più opportune perché, come accaduto anche nel recente passato, nulla è stato fatto senza studiare, comprendere e accertare».

I lavori saranno svolti da manodopera specializzata nella conservazione dei beni architettonici, con l’ausilio di materiali specifici, tesi alla salvaguardia dell’autenticità storicamente determinata in tutte le sue stratificazioni. Da Garella è stata espressa soddisfazione per il fatto che la stazione appaltante vincitrice è costituita da «imprese di restauratori». Per il completamento di tutta l’opera, infatti, sarebbe necessario uno stanziamento ulteriore 200mila euro.

Il sindaco Lugi de Magistris ha evidenziato che con la conclusione in autunno dei lavori al San Carlo «tutta l’area che costituisce uno dei punti centrali di Napoli sarà riqualificata se consideriamo che entro l’estate dovrebbe essere consegnato l’ipogeo e anche i lavori alla Galleria Umberto procedono bene. Mentre in Italia sono stati venduti beni pubblici e demaniali, invece a Napoli abbiamo valorizzato il patrimonio artistico e monumentale invece che svenderlo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news