LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserta. Lampis : così dopo Felicori ho messo ordine nella Reggia
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/5/2019

Lavoro da anni nei beni culturali: per due decenni alla direzione degli Affari culturali della provincia di Bolzano, mentre sono alla direzione generale dei musei dal 2017. Ogni volta che concludo un incarico stendo un report, perché credo nella trasparenza. Certamente alla Reggia mi aspettavo una situazione più strutturata. Antonio Lampis, direttore ad interim a Caserta dopo luscita di Mauro Felicori, tra qualche giorno lascerà lincarico a Tiziana Maffei, nuova direttrice designata dal Mibac. Prima di arrivare al prestigioso incarico di direttore generale dei musei italiani, ha svolto il suo lavoro anche al ministero dellInterno e alla presidenza del Consiglio.

Dopo luscita di Felicori ho dovuto prendere alcuni provvedimenti in materia di sicurezza e di amministrazione. Ci sono stati molti pensionamenti, ho dovuto anche intervenire nel regolamento della concessione degli spazi e sui biglietti.

Dunque la gestione del superdirettore Felicori non è stata del tutto convincente?

In realtà io credo che tutti i direttori arrivati con la riforma siano stati abbastanza eroici perché hanno dovuto affrontare il passaggio dalla gestione funzionariale a quella manageriale tra enormi difficoltà. Felicori ha dovuto vedersela con concessioni scadute e carenza di organico. Lungi da me fare polemica, però ritenevo di trovare una situazione più assestata. Però non voglio né promuovere né bocciare, perché il passato e il presente sono situazioni imparagonabili. Alla Reggia la situazione dei lavoratori era come il Trono di Spade, io ho cercato il dialogo ma per alcune fratture ci vorranno anni.

Quali sono le maggiori criticità?

Alla Reggia cè una estrema conflittualità sindacale, che ha radici profonde. Come delle ferite non rimarginate. Quando sono arrivato ho riscontrato che molti impiegati svolgevano un ruolo superiore alla loro qualifica. Dai sindacati mi è arrivata la richiesta di mettere le cose a posto e lho fatto, sebbene questo sia piaciuto ad alcuni e dispiaciuto ad altri. Ma le regole vanno rispettate, al di là di piaceri e dispiaceri.

Soddisfatto del suo lavoro di questi mesi?

Lascio la Reggia più ordinata e con un nuovo tariffario. Tra laltro ora cè uno schema su cui regolarsi per i contratti sotto la soglia comunitaria. Una cosa di cui vado orgoglioso, poi, è che la Reggia è diventata sede dellassociazione per la legalità, un faro nel territorio. E infine cè stato lacquisto delle garitte per affrontare la guardiania di notte, sotto la pioggia e così via.

In generale cosa pensa della rivoluzione dei musei?

Quando ho iniziato a lavorare nel 2004 nel settore i musei erano luoghi invisibili, ora i dati sono incredibili. Con lincremento del turismo, il patrimonio culturale entra a contatto con più persone. Su questo enorme flusso io sono cauto: che sia gratis o meno, non supera un certo tot la cifra di visitatori che si può gestire. Visitare un museo deve essere una qualificata esperienza di conoscenza, devi uscire con qualcosa in più rispetto a quando sei entrato. Conta la qualità, Va bene il marketing ma non devi mai infrangere le regole e soprattutto garantire la sicurezza.

Che consigli darà al direttore entrante?

Tiziana Maffei non ha bisogno di consigli, la conosco da tanto e so quanto vale, però per la Reggia come per ogni museo è importante trovare un grande equilibrio tra le esigenze dei visitatori e la buona gestione.

Contento di lasciare Caserta e la Campania?

Io sono di Bolzano, ma chi mi conosce bene sa che il mio obiettivo è di diventare a tutti gli effetti napoletano. Quando andrò in pensione prenderò una casetta qui, ormai è deciso.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news